Di Giannantonio: "Assen è la gara più difficile della mia vita"

condivisioni
commenti
Di Giannantonio:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
28 giu 2016, 10:00

Fabio DI Giannantonio ha centrato il secondo posto (dopo la penalizzazione a Migno) al GP di Assen della Moto3. Il romano del team Gresini ha ammesso: "Avevo preso il Mondiale alla leggera. Ora è tutto diverso e arrivano i risultati".

Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing Team Moto3
Podium: second place Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing Team Moto3
Podium: second place Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing Team Moto3
Podium: winner Francesco Bagnaia, Aspar Team Mahindra, second place Fabio Di Giannantonio, Gresini R
Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing Moto3
Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing Moto3
Fabio Di Giannantonio, Gresini Racing Moto3

Fabio Di Giannantonio ha completato il podio della Moto3 di Assen, regalando all'Italia una tripletta d'altri tempi. Per il romano quello colto in Olanda è il secondo podio della carriera dopo quello artigliato al Mugello.

Al termine della corsa, una volta arrivato nel Parco Chiuso, il rider del team Gresini Moto3 ha ricevuto una notizia ancora più bella: Migno è infatti stato retrocesso di una posizione per aver sfruttato la parte esterna della pista a poche curve dalla fine, dunque Fabio è stato promosso dal terzo al secondo posto.

"E' stata la gara più difficile della mia vita. Ho spinto forte sin da subito per cercare di recuperare, poi ho commesso un errore, sono arrivato lungo alla prima curva e poi ho cercato di recuperare di nuovo ma mi sono toccato con altri piloti e ogni volta che recuperavo due ne perdevo 5. Allora ho pensato di dover stare calmo e sono riuscito a tornare nelle prime posizioni. Negli ultimi due giri non so nemmeno dove sono passato ma ce l'ho fatta comunque".

Di Giannantonio ha poi spiegato come sia riuscito a fare il salto di qualità nelle ultime gare, ricordando però che è pur sempre un debuttante nel Motomondiale. "Sinceramente sono arrivato nel Mondiale ma ho commesso un errore. Nel senso che l'ho preso un po' alla leggera. Non pensavo fosse così, invece devi lavorare tantissimo, dalla mattina alla sera devi pensare solo al tuo obiettivo, devi focalizzarti solo su quello".

"Infatti ora mi sono trasferito vicino al team, mi alleno un sacco. Palestra, poi moto, facciamo veramente un gran lavoro e quello mi aiuta molto. Dal Mugello quando ho iniziato a fare queste cose ho fatto un passo avanti".

Prossimo articolo Moto3

Su questo articolo

Serie Moto3
Evento Assen
Sotto-evento Domenica, post-gara
Location Assen
Piloti Fabio Di Giannantonio
Team Gresini Racing
Autore Giacomo Rauli
Tipo di articolo Intervista