Acosta rivela: "C'era la possibilità di andare subito in MotoGP"

Il campione del mondo della Moto3, Pedro Acosta, ha rivelato che avrebbe potuto fare il salto diretto verso la MotoGP nel 2022.

Acosta rivela: "C'era la possibilità di andare subito in MotoGP"

Il pilota di Puerto de Mazarron ha fatto un debutto incredibile nel Mondiale Moto3, quando aveva ancora 16 anni. Acosta è stato infatti leader nella sua prima gara in Qatar, conclusa poi al secondo posto, prima di vincere i tre appuntamenti successivi.

La sua ascesa ha convinto KTM a legarlo al marchio a lungo termine, con un contratto fino al 2024, che dovrebbe portarlo in MotoGP proprio nell'anno della scadenza. Lo spagnolo farà il suo debutto in Moto2 nella prossima stagione con il team Ajo, stessa struttura con cui ha disputato la sua unica e trionfale stagione in Moto3.

Tuttavia, Acosta ha rivelato che sarebbe potuto salire direttamente in MotoGP, come farà Darryn Binder con WithU RNF Yamaha. Il problema è stato che il campione del mondo della Moto3 avrebbe compiuto 18 anni solo il 25 maggio. Questo significa che sarebbe stato costretto a saltare i primi sette GP della stagione, essendo ancora al di sotto dell'età minima per correre nella classe regina.

Leggi anche:

"Sì, c'era questa opzione. Per dirla tutta, avrei fatto 18 anni a metà della prossima stagione. Che bisogno c'era quindi di saltare delle tappe, di bruciarle, per andare in MotoGP? Era molto importante per me saltare in Moto2, per fare esperienza, che è ciò che mi renderà pronto quando arriverò in MotoGP", ha detto Acosta in un'intervista concessa a DAZN.

"L'importante non è vincere in fondo, è arrivare in cima pronti e fare bene. Non credo che si debbano saltare delle tappe. Mio nonno sta già pensando alla MotoGP, ma il mio obiettivo ora è la Moto", ha aggiunto.

Lo "Squalo di Mazarron" vede il suo futuro legato a lungo alla KTM: "Ha avuto fiducia in me e anche la Red Bull ha dato tutto per me. E questo è il modo migliore per ricompensarli. Spero di rimanere qui per molto tempo", ha detto.

Acosta ha mancato per un giorno il traguardo di diventare il più giovane campione del mondo della storia e, anche se ha ammesso di ammirare la guida di altri piloti come Marc Marquez, preferisce non confrontarsi con nessuno: "Preferisco confrontarmi con me stesso, in questo modo saprò sempre se sono migliorato o peggiorato in alcuni aspetti", ha concluso.

condivisioni
commenti
Nella entry list 2022 di Moto2 e Moto3 sono confermati 30 piloti
Articolo precedente

Nella entry list 2022 di Moto2 e Moto3 sono confermati 30 piloti

Carica commenti