Tanto lavoro in pista per le squadre di Moto2 e Moto3 rimaste a Barcellona

condivisioni
commenti
Tanto lavoro in pista per le squadre di Moto2 e Moto3 rimaste a Barcellona
Di:
19 giu 2019, 11:24

Diversi team hanno girato nella giornata di martedì, ma principalmente della classe di mezzo. Solamente quattro invece le Moto3 in pista, capitanate dal leader iridato Aron Canet.

C'è stato molto "traffico" sul tracciato di Montmelò negli ultimi giorni. Dopo il GP di Catalogna, le squadre di MotoGP si sono fermate alle porte di Barcellona per un'importante giornata di test collettivi. Ieri invece è stata la volta di quelle di Moto2 e Moto3, che a loro volta hanno avuto a disposizione una giornata di collaudi.

Tra i piloti in pista c'era anche l'uomo del momento della classe Moto2, ovvero Alex Marquez. Reduce da tre vittorie consecutive, il pilota della Marc VDS si è confermato in grande spolvero, completando 97 giri senza particolari problemi.

Il suo compagno Xavi Vierge invece ha provato diversi set-up, nel tentativo di portare avanti il processo di adattamento alla nuova era della classe di mezzo, quella con i motori Triumph.

Diverso il lavoro fatto dai portacolori della Dynavolt Intact GP, perché sia Thomas Luthi che Marcel Schrotter si sono dati da fare con delle nuove specifiche di pneumatici Dunlop, ma non solo, perché hanno valutato anche diversi dischi freno e differenti specifiche di sospensioni, lavorando anche sulle geometrie delle loro Kalex.

Non sono stati i soli però a provare le nuove gomme Dunlop, un'anteriore e due posteriori. Questo lavoro di sviluppo è stato affidato infatti anche a Lorenzo Baldassarri ed ai due piloti del SAG Team, ovvero Remy Gardner e Tetsuta Nagashima, autore di una scivolata alla curva 7. Questo terzetto di piloti ha avuto modo di valutare anche nuove configurazioni del telaio Kalex.

Probabilmente le novità più rilevanti si sono viste nel box KTM, proprio perché la Casa austriaca è quella che più di tutte ha faticato in questa prima parte di stagione. I due piloti ufficiali, Darryn Binder e Jorge Martin hanno avuto modo di provere nuove parti sia per quanto riguarda il telaio che le sospensioni, con il campione del mondo in carica della Moto3 che è anche incappato in una scivolata alla curva 1.

In pista anche le due Speed Up di Jorge Navarro e Fabio Di Giannantonio, impegnati entrambi in prove di set-up. Il pilota italiano però ha girato poco, perché era dolorante ad una caviglia a cui si è infortunato fuori dal circuito. Per questo ha preferito non forzare in vista della gara della settimana prossima ad Assen. Lo spagnolo invece è caduto senza conseguenze alla curva 10. A terra alla curva 8 anche la NTS di Steven Odendaal.

Appena quattro i piloti della Moto3 che si sono fermati in Catalogna, ma tra questi c'era anche il leader iridato Aron Canet, che ha lavorato sulla geometria e sulla posizione in sella alla sua KTM del Max Racing Team. Lo spagnolo è stato anche protagonista di una scivolata senza conseguenze alla curva 4.

Oltre a lui in pista c'era l'altra KTM del turco Can Oncu, che ha bisogno di maturare esperienza, perché dopo il grande esordio vincente dello scorso anno sotto al diluvio di Valencia, quest'anno sta facendo decisamente fatica. Presenti all'appello anche i due giapponesi della Honda Team Asia, Ai Ogura e Kaito Toba.

Prossimo Articolo
Mondiale Moto2 2019: Marquez vola a +7 su Luthi, Baldassarri ora è quarto

Articolo precedente

Mondiale Moto2 2019: Marquez vola a +7 su Luthi, Baldassarri ora è quarto

Prossimo Articolo

Marini: "Amo il tratto veloce di Assen e questo weekend avrò un nuovo motore"

Marini: "Amo il tratto veloce di Assen e questo weekend avrò un nuovo motore"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Moto2 , Moto3
Location Circuit de Barcelona-Catalunya
Autore Matteo Nugnes
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie