Moto2 | Triumph “si allea” con Pedro Acosta

Steve Sargent, massimo responsabile Triumph nel Mondiale Moto2, delinea le principale modifiche apportate ai motori in questa stagione e spiega come possono aiutare Pedro Acosta.

Moto2 | Triumph “si allea” con Pedro Acosta
Carica lettore audio

Pedro Acosta, rivelazione indiscussa della scorsa stagione, ha fatto il suo debutto la scorsa settimana in Qatar, dove si è qualificato decimo. Dalla prima curva è uscito penultimo dopo un duello con Jake Dixon e Fermín Aldeguer, e infine ha tagliato il traguardo in 12esima posizione, dopo averne recuperate 16.

Nella sua prima esperienza di gara come pilota nella classe intermedia, lo spagnolo ha dovuto nuotare controcorrente, ma, ancora una volta, ha dato ragione a chi sostiene che ha qualcosa di speciale e lo etichetta come la prossima promessa. Questa è un'etichetta riservata a talenti del calibro di Marc Márquez, che nel suo periodo nelle classi inferiori ha causato una sensazione simile a quella che il giovane di Mazarrón sta cominciando a lasciarsi alle spalle.

Questa impressione è condivisa dalla maggior parte delle squadre, da quasi tutti i loro rivali e anche da altri membri del paddock che hanno gli strumenti per arrivare a questa conclusione. Questo è il caso di Triumph, l'unico fornitore di power unit in Moto2, che è arrivato nel campionato nel 2019 come successore di Honda, e che quello stesso anno già ha battuto il record stabilito in 16 circuiti.

Interrogato sull'enorme velocità mostrata da Acosta durante i test invernali e sulla sua sicurezza su un prototipo più potente, pesante e ingombrante della KTM con cui ha vinto la corona del 2021, l'alto dirigente Triumph è chiaro su ciò che rende lo spagnolo diverso dagli altri. "Oltre al talento, Pedro ha uno stile di guida unico. Gli ingegneri Kalex commentano che usa il freno posteriore molto più della maggior parte dei suoi avversari", dice Sargent a Motorsport.com.

"A Jerez, per esempio, durante questa pre-stagione, nelle veloci curve a sinistra, quasi tutti i piloti della Moto2 tagliavano l'acceleratore, mentre lui era ancora a tutto gas e moderava la velocità con il pedale del freno", aggiunge la voce più autorevole di Triumph nel campionato del mondo.

In vista della sua quarta stagione come fornitore di motori - ha un contratto con il promotore Dorna fino al 2024 - il produttore ha apportato una serie di modifiche alle unità di potenza che fornisce alle squadre, sulla base del feedback dei tre anni precedenti. La modifica principale si concentra sul cambio, dove gli ingegneri hanno deciso di accorciare lo sviluppo degli ingranaggi.

"Con questo, diamo ai piloti diverse opzioni quando percorrono la stessa curva. Per esempio, alcuni possono andare in seconda marcia e alcuni possono andare in terza", dice Sargent, che sostiene che questo può beneficiare un rookie come Acosta: "Penso che può aiutarlo perché non ha idee predeterminate nella sua testa, così può decidere quale marcia utilizzare basato esclusivamente su come si sente. Non dovrà riadattarsi come gli altri".

condivisioni
commenti

Moto2 | Antonelli: “Acosta impressionante, io sto imparando”

Moto2 | Austin, Libere 2: Aldeguer beffa Arbolino, Vietti indietro con caduta