Phillip Island, Day 2: Rabat sotto alla pole del 2013

Phillip Island, Day 2: Rabat sotto alla pole del 2013

La Dunlop oltre che sulla durata delle gomme, sta trovando importanti miglioramenti prestazionali

La Dunlop si può già dire molto soddisfatta dell'andamento dei test di Phillip Island, necessari ad evitare il ripetersi dei problemi di un anno fa, quando anche la gara della Moto2 fu accorciata sensibilmente a causa della vita troppo breve degli pneumatici dell'azienda britannica, che non si adattavano bene al nuovo asfalto della pista australiana. Anche in questa seconda giornata, infatti, i quattro piloti in pista hanno girato senza particolari problemi, salvo per una caduta di Nico Terol all'MG Hairpin, che però non ha avuto nulla a che fare con le gomme. L'altra notizia positiva è che Esteve Rabat e la sua Kalex della Marc VDS sono scesi fino ad un tempo di 1'32"168, abbassando di circa quattro decimi la pole position del Gp dello scorso anno. Un segno evidente di un progresso pure a livello prestazionale delle gomme portate in Australia, che gli hanno anche permesso di ottenere la terza velocità in curva più alta allo "speed trap" tenendo conto anche delle MotoGp. Un altro dato davvero interessante. Lo spagnolo ha fatto di nuovo una bella differenza, precedendo di oltre mezzo secondo il compagno di squadra Mika Kallio, ancora alle prese con un polso dolorante dopo la caduta di cui si era reso protagonista ieri. Il gruppetto poi si chiude con le due Suter di Terol e di Jordi Torres, con tutto il trenino racchiuso nello spazio di circa nove decimi. MOTO2, Phillip Island, 04/03/2014 Seconda giornata dei test Dunlop 1. Esteve Rabat - Kalex - Marc VDS - 1'32"168 - 101 giri 2. Mika Kallio - Kalex - Marc VDS - 1'32"698 - 79 3. Nico Terol - Suter - Team Aspar - 1'33"014 - 62 4. Jordi Torres - Suter - Team Aspar - 1'33"160 - 65

Diventa parte di qualcosa di grande

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Tito Rabat
Articolo di tipo Ultime notizie