Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
MotoGP
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
18 ott
-
20 ott
FP2 in
00 Ore
:
11 Minuti
:
15 Secondi
WRC
03 ott
-
06 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
5 giorni
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
G
Losail
24 ott
-
26 ott
Prossimo evento tra
5 giorni
WEC
30 ago
-
01 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso

Moto2, Sachsenring: Alex Marquez cala il poker e torna leader

condivisioni
commenti
Moto2, Sachsenring: Alex Marquez cala il poker e torna leader
Di:
7 lug 2019, 11:15

Quarta vittoria in cinque gare per lo spagnolo della Marc VDS, che torna 8 punti davanti a Luthi, oggi solo quinto. Sul podio salgono un grande Binder e Schrotter, mentre Di Giannantonio firma il suo miglior risultato in Moto2 con il quarto posto.

Alex Marquez è veramente un rullo compressore in questa fase della stagione. Tolto il ko di Assen, dovuto tra le altre cose ad un incidente innescato da Lorenzo Baldassarri, il pilota della Marc VDS è arrivato a centrare la sua quarta vittoria nelle ultime cinque gare ed ora è lui il grande favorito nella corsa al titolo della Moto2.

Al Sachsenring non aveva mai dato la sensazione di avere un passo troppo superiore alla concorrenza, ma probabilmente si era un po' nascosto in vista della gara di oggi, perché il suo dominio è stato assoluto: dopo essere stato una decina di giri nel gruppetto di testa, ha completamente cambiato ritmo ed ha via via incrementato il suo vantaggio, presentandosi solitario sotto alla bandiera a scacchi del GP di Germania.

Un risultato che gli ha anche permesso di riprendersi la leadership della classifica iridata che aveva temporaneamente perso in Olanda, anche perché il rivale Thomas Luthi non ha vissuto una giornata facile, peggiorata da una "Long Lap Penalty" rimediata per aver scarenato fuori gara Xavi Vierge alla curva 1. Alla fine quindi lo svizzero ha chiuso quinto e si ritrova a -8 nella classifica iridata.

 

Alle spalle di Marquez è stata accesissima invece la battaglia per la piazza d'onore, nella quale alla fine l'ha spuntata Brad Binder, autore di una rimonta strepitosa dal 17esimo posto in griglia con la sua KTM, ma arrivato così anche al suo secondo podio consecutivo dopo quello di Assen.

Il padrone di casa Marcel Schrotter, particolarmente aggressivo nella prima parte di gara, si è dovuto invece accontentare del gradino più basso del podio con la Kalex della Dynavolt Intact GP. E' andata decisamente peggio ad Iker Lecuona, perché lo spagnolo ha provato fino all'ultima curva ad artigliare il suo primo podio iridato, ma ha esagerato ed è caduto a poche decine di metri dal traguardo, mandando in fumo la gara più bella della sua carriera fin qui.

Ad approfittarne è stato quindi Fabio Di Giannantonio, che con il quarto posto della sua Speed Up si è preso sia la palma di miglior italiano che quella di miglior rookie. Detto del quinto posto di Luthi, alle sue spalle ci sono le due Kalex del Pons Racing, con Augusto Fernandez che ha preceduto Lorenzo Baldassarri, consolidando anche il suo terzo posto nel Mondiale.

Leggi anche:

Continuando a scorrere la classifica, in ottava posizione c'è l'altra Speed Up di Jorge Navarro, seguita dalla KTM di Jorge Martin, mentre a completare la top 10 troviamo Luca Marini: quella del pilota dello Sky Racing Team VR46 è stata una gara piuttosto strana, perché all'inizio si era portato addirittura al comando dalla prima fila, ma poi ha accusato un calo davvero repentino del gruppo.

A punti ci sono anche i due portacolori dell'Italtrans Racing, ovvero Enea Bastianini ed Andrea Locatelli, che hanno chiuso rispettivamente in 14esima e 15esima posizione. Davanti a loro ci sono nell'ordine invece Sam Lowes con la Kalex di Gresini e Tetsuta Nagashima e Remy Gardner con quelle del SAG Team.

Più attardati invece gli altri ragazzi di casa nostra: Nicolò Bulega si è dovuto accontentare del 18esimo posto, giusto davanti a Marco Bezzecchi. Poco più indietro, in 21esima e 22esima posizione completano il quadro dei nostri Simone Corsi e la MV Agusta di Stefano Manzi.

Cla Pilota Moto Giri Tempo Gap Distacco km/h Punti
1 Spain Alex Marquez Kalex 28         25
2 South Africa Brad Binder KTM 28 1.208       20
3 Germany Marcel Schrötter Kalex 28 1.630       16
4 Italy Fabio Di Giannantonio Speed Up 28 4.116       13
5 Switzerland Thomas Lüthi Kalex 28 5.191       11
6 Spain Augusto Fernandez Kalex 28 6.332       10
7 Italy Lorenzo Baldassarri Kalex 28 6.526       9
8 Spain Jorge Navarro Speed Up 28 8.177       8
9 Spain Jorge Martin KTM 28 10.538       7
10 Italy Luca Marini Kalex 28 13.591       6
11 United Kingdom Sam Lowes Kalex 28 13.656       5
12 Japan Tetsuta Nagashima Kalex 28 13.836       4
13 Australia Remy Gardner Kalex 28 13.996       3
14 Italy Enea Bastianini Kalex 28 15.064       2
15 Italy Andrea Locatelli Kalex 28 17.234       1
16 Netherlands Bo Bendsneyder NTS 28 18.077        
17 Germany Jonas Folger Kalex 28 18.232        
18 Italy Nicolò Bulega Kalex 28 19.852        
19 Italy Marco Bezzecchi KTM 28 26.424        
20 Switzerland Dominique Aegerter MV 28 30.791        
21 Italy Simone Corsi Kalex 28 36.693        
22 Italy Stefano Manzi MV 28 37.502        
23 South Africa Steven Odendaal NTS 28 37.655        
24 Germany Lukas Tulovic KTM 28 38.526        
25 United States Joe Roberts KTM 28 48.740        
26 Andorra Xavi Cardelus KTM 28 1'15.427        
  Spain Iker Lecuona KTM 27          
  Spain Xavi Vierge Kalex 12          
  United Kingdom Jake Dixon KTM            
Prossimo Articolo
Moto2, Sachsenring: Alex Marquez si prende la pole davanti a Luca Marini

Articolo precedente

Moto2, Sachsenring: Alex Marquez si prende la pole davanti a Luca Marini

Prossimo Articolo

Mondiale Moto2 2019: Marquez torna leader con 8 punti su Luthi

Mondiale Moto2 2019: Marquez torna leader con 8 punti su Luthi
Carica commenti