Tito Rabat opta per la prudenza e si ferma

Dopo la caduta della FP2 il pilota della Marc VDS ha deciso che il weekend di Phillip Island finisce qui per lui

La brutta caduta avvenuta nella FP2 del Gp d'Australia ha convinto Tito Rabat a puntare sulla prudenza. Dopo il violento highside di cui è stato vittima alla curva 11, lo spagnolo si è recato al centro medico per un controllo al braccio sinistro operato appena una decina di giorni fa.

Anche se gli esami non avevano evidenziato un peggioramento della situazione, dopo un consulto con lo staff medico della MotoGp, il pilota della Marc VDS ha deciso di fermarsi e di rinunciare al resto del weekend di Phillip Island.

La sua scelta è più che condivisibile: con il Mondiale ormai già festeggiato da Johann Zarco per lui non ha senso mettere a rischio ulteriormente il braccio, perché l'obiettivo deve essere quello di presentarsi al meglio ai test collettivi della MotoGp a Valencia, che si disputeranno subito dopo l'ultima gara dell'anno, nei quali dovrà prendere le misure alla sua Honda RC213V.

Per questo non è ancora certa neppure la sua presenza in pista tra una settimana in Malesia. Una volta arrivato a Sepang, Tito si sottoporrà ad un altro controllo medico, anche se la sua speranza è di riuscire a tornare in sella alla sua Kalex.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Evento Phillip Island
Circuito Phillip Island Grand Prix Circuit
Piloti Tito Rabat
Articolo di tipo Ultime notizie