Assen, Libere 1: il diluvio non spaventa Bradl

Assen, Libere 1: il diluvio non spaventa Bradl

Il tedesco mette tutti in fila in una sessione terminata con 4' di anticipo per le condizioni critiche

La pioggia cade veramente battente su Assen nel corso della prima sessione di prove libere della classe Moto2. L'acqua ha reso talmente insidiose le condizioni del tracciato olandese da costringere la direzione gara ad esporre la bandiera rossa a quattro minuti dal termine, chiudendo anzitempo il turno. Del resto, fino a quel momento, avevamo già assistito alla bellezza di 13 cadute, fortunatamente senza gravi conseguenze. Tra queste vanno segnalate le due di cui si è resa protagonista Elena Rosell, prima donna della storia della Moto2, che è stata chiamata a sostituire l'infortunato Julian Simon. La ragazza spagnolo ha infatti chiuso nelle retrovie, oltre il limite della qualificazione. Nonostante tutte le difficoltà del caso, ancora una volta davanti a tutti c'è il mattatore del campionato, ovvero Stefan Bradl, che con la sua Kalex ha girato in 1'54"435 mettendosi dietro di circa tre decimi uno specialista del bagnato come Kenan Sofuoglu. Bene anche i piloti di casa nostra, con Simone Corsi terzo ed Andrea Iannone quinto. Quest'ultimo però si è reso anche protagonista di una caduta. Tra i due piloti di casa nostra si è inserito il giapponese Yuki Takahashi, mentre in sesta e settima piazza si sono attestati Thomas Luthi e Mika Kallio. A stupire invece è l'ottavo tempo di Ratthapark Wilairot, parso particolarmente a suo agio sotto la pioggia, ma sorprende anche il decimo di Kenny Noyes.

Moto2 - Assen - Libere 1

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Stefan Bradl
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag aci