L'influenza non basta per fermare Elias

L'influenza non basta per fermare Elias

Lo spagnolo vince davanti a Simon e Redding, eroici Iannone e Corsi

Era dato in pessime condizioni fisiche a causa dell'influenza, ma la gara di Toni Elias ha detto tutt'altro. Il leader del mondiale Moto2 ha trovato l'ennesima affermazione di questa stagione ad Indianapolis, avvicinandosi ancora di più al titolo (ora a +67 su Iannone). Con la gara accorciata ad appena 17 tornate dopo la bandiera rossa, dovuta ad una maxi carambola, lo spagnolo del team Gresini è subito scappato insieme a Julian Simon e a Scott Redding. Il primo ad arrendersi è stato proprio quest'ultimo, che ad una decina di giri dal termine ha palesato la sua impossibilità di tenere il passo dei due compagni di fuga. A sei giri dal termine Elias poi ha rotto gli indugi, scavalcando Simon all'esterno della prima curva. In un primo momento sembrava quasi che il pilota del team Aspar stesse "giocando" per studiare la guida del rivale, ma quando poi si è arrivati agli ultimi due giri si è capito che Elias aveva qualcosa in più e che avrebbe vinto meritatamente. Redding alla fine è riuscito a mantenersi in terza piazza, mentre alle sue spalle sono giunti i due italiani Andrea Iannone e Simoni Corsi, entrambi protagonisti di una gara a dir poco eroica. Il primo è scattato dalla 25esima piazza dopo che nelle qualifiche di ieri era caduto, procurandosi anche un fastidioso infortunio ad una mano e ad un piede. Corsi invece ha dovuto prendere il via in coda al gruppo essendo stato rimasto coinvolto nella carambola del primo via e non avendo potuto riportare la sua moto in griglia in tempo utile.

Moto2 - Indianapolis - Gara

Moto2 - Classifica Campionato

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Toni Elias
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag concorsi, fiat 500