Iannone: "Non avevo visto le bandiere gialle"

L'italiano comunque ritiene ingiusti i provvedimenti presi nei suoi confronti

Iannone:
Al termine della gara della Moto2 ci sono state parecchie polemiche riguardo alle sanzioni applicate nei confronti di Andrea Iannone. Il pilota italiano, che si trovava al comando, avrebbe dovuto restituire una posizione al vincitore Yuki Takahashi in regime di bandiere gialle, ma non avendo effettuato la manovra entro cinque giri è stato punito con un drive through che l'ha fatto precipitare in classifica. Andrea però non ci sta e pensa di aver subito un grande torto: "Non avevo assolutamente visto la bandiera gialla quando ho passato Takahashi. Anzi, pensavo che mi contestassero il sorpasso a Luthi dopo la caduta di Canepa, quindi non ho restituito la posizione perchè ritenevo ingiusto il provvedimento". Il rammarico è tanto: "E' un peccato perchè abbiamo buttato via una gara che stavo vincendo meritatamente. Per queste situazioni probabilmente ci vogliono regole e segnalazioni più chiare".
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Andrea Iannone
Articolo di tipo Ultime notizie