L'incidente di Salom è stato una fatalità per l'indagine FIM

L'indagine condotta dalla Federazione Motociclistica Internazionale (FIM) ha stabilito che l'incidente in cui ha perso la vita Luis Salom durante il GP di Catalunya non è stato causato da un bump sull'asfalto o da un guasto alla moto.

Salom è caduto all'ingresso della curva 12, poi è scivolato sulla via di fuga, schiantandosi contro la sua moto dopo che questa aveva rimbalzato contro gli airfence.

Nel lunedì successivo alla tragedia, il SAG Team, la squadra di Salom, ha rilasciato una dichiarazione che aveva portato un po' di sorpresa nel paddock, riferendo che in base ai dati delle telementria era stata una buca a far perdere il controllo della sua Kalex al pilota delle Baleari.

Allo stesso tempo, diversi piloti, tra cui Valentino Rossi e Jorge Lorenzo, avevano voluto dissociarsi da questa linea, ipotizzando invece che l'incidente potesse essere stato causato da un guasto.

Entrambe queste opzioni però sono state scatate dopo un'analisi più dettagliata dei tecnici della FIA, che ha concluso che l'incidente avvenuto lo scorso 5 giugno potrebbe essere dipeso da una distrazione del pilota, in quanto i dati relativi alle sospensioni non evidenzano oscillazioni nel passaggio sulla fatidica buca.

Lo studio, che è stato preparato con l'aiuto di due migliori telemetristi del campionato, fa notare che lo spagnolo è caduto quando viaggiava a circa 150 Km/h.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto2
Piloti Luis Salom
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag accidente, luis salom