Due gare di squalifica per Fenati: il paddock si divide, penalità giusta o troppo poco severa?

condivisioni
commenti
Due gare di squalifica per Fenati: il paddock si divide, penalità giusta o troppo poco severa?
Matteo Nugnes
Di: Matteo Nugnes
09 set 2018, 16:51

La Direzione Gara ha deciso di bandire Romano per le gare di Aragon e Buriram dopo che ha tirato la leva del freno a Manzi in rettilineo. Secondo diversi è una punizione che ci sta, ma Crutchlow invocava una punizione esemplare come il bando.

Due gare di squalifica: è questa la punizione che è stata inflitta a Romano Fenati dopo il grave gesto di cui si è reso protagonista durante la gara della Moto2 a Misano, tirando la leva del freno a Stefano Manzi ad oltre 200 km/h.

Un episodio che ha già fatto discutere tantissimo nel paddock per la sua gravità: in questo caso, fortunatamente, Manzi è riuscito a rimanere in sella alla sua Suter, ma se fosse caduto a quella velocità, l'incidente avrebbe potuto avere delle conseguenze davvero pesanti.

Leggi anche:

Tutto comincia a sette giri dalla fine, quando i due si sono toccati alla curva 14 in un tentativo d'attacco da parte di Manzi, che ha spedito entrambi fuori pista. Il giro successivo c'è stato quasi il bis alla curva 4, anche se senza contatti (e per questa manovra Manzi dovrà pagare sei posizioni in griglia ad Aragon).

Il gesto scellerato di Fenati è arrivato poi sul rettilineo che conduce alla curva 8: Romano si è avvicinato al rivale e con la mano sinistra gli ha tirato la leva del freno. Forse perché turbato dall'accaduto, Manzi è poi caduto due curve più tardi, venendo anche mandato a quel paese da Fenati, al quale è stata esposta anche la bandiera nera.

 

Ovviamente nel paddock il dibattito è già molto acceso è c'è chi come Cal Crutchlow ritiene che la carriera di Fenati si dovrebbe interrompere qui: "Non dovrebbe più correre con una moto. La squadra lo doveva buttare fuori non appena è arrivato al box. Non puoi fare una cosa del genere ad un altro pilota".

Più diplomatica la visione di Marc Marquez: "La decisione spetta alla Race Direction, ma devono dare una penalità che deve far capire anche agli altri che è una cosa che non va rifatta. Se fai una cosa così, sai già che non correrai".

Gli unici ad aver teso la mano a Romano sono stati i ducatisti. Andrea Dovizioso, per esempio, ha detto: "Penso che abbia fatto una brutta cosa e la bandiera nera è normale. Penso però che dobbiamo andare a vedere cosa è successo prima con Manzi, anche se in ogni caso è una cosa che non si deve mai fare". In linea anche Lorenzo, che ha parlato di penalità equa secondo lui, sottolineando che Manzi è un pilota aggressivo e che quindi bisognava capire cosa avesse fatto.

Abbastanza diplomatico anche Valentino Rossi, che non è voluto entrare nei meriti della penalità: "Sicuramente ha fatto una cosa pericolosa, ma non so se la penalità sia giusta o meno".

Prossimo articolo Moto2
Mondiale Moto2 2018: Bagnaia porta a 8 punti il vantaggio su Oliveira

Articolo precedente

Mondiale Moto2 2018: Bagnaia porta a 8 punti il vantaggio su Oliveira

Prossimo Articolo

Manzi: "Non si può perdonare un gesto come quello di Fenati, con me ha chiuso"

Manzi: "Non si può perdonare un gesto come quello di Fenati, con me ha chiuso"
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Moto2
Evento Misano
Sotto-evento Domenica, gara
Location Misano Adriatico
Piloti Stefano Manzi , Romano Fenati
Team Forward Racing , Snipers Team
Autore Matteo Nugnes
Tipo di articolo Ultime notizie