La Dakar 2011 parla sempre più spagnolo

La Dakar 2011 parla sempre più spagnolo

Dopo 4 tappe comanda Sainz tra le auto e Coma ha scavalcato Despres tra le moto

La Dakar parla sempre più spagnolo: dopo la quarta tappa, la prima che ha portato la carovana a svalicare in Cile in questa edizione, sono due piloti iberici infatti a comandare le classifiche riservate alle auto e alle moto. Se da una parte Carlos Sainz non ha fatto che amministrare la sua leadership, gli oltre 750 km che separano San Salvador de Juicy da Calama sono serviti a Marc Coma per scavalcare il vincitore dell'edizione 2010 Cyril Despres nella classifica riservata alle due ruote. Per la prima volta dal via della gara i piloti si sono trovati a dover affrontare il deserto vero e proprio, correndo al di fuori di una "pista", e la battaglia tra i due portacolori della KTM è stata veramente serrata. Basta pensare che, dopo oltre due ore di gara e 207 km di prova speciale, i due si sono ritrovati ad essere separati da appena 16" a favore dello spagnolo, che quindi ha sopravanzato il francese di soli 2". Buona però anche la giornata di Ruben Faria, che è riuscito a mantenere il suo ritardo al di sotto dei 10'. Tra le auto invece è stato tutto più facile per Carlos Sainz, che con la sua Volkswagen Touareg ha centrato la terza vittoria di tappa in quattro giorni, riuscendo a rifilare altri 50" alla vettura gemella di Nasser Al-Attiyah, che ora viaggia con 4"24 di gap nella classifica generale, precedendo sempre la BMW X3 di Stephane Peterhansel. Da segnalare, infine, il ritiro tra i quad del vincitore dell'edizione 2010. Dopo le difficoltà incontrate nelle prime giornate, Marcos Patronelli ha alzato bandiera bianca prima del via della speciale di oggi.
Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Moto Rally Raid
Piloti Carlos Sainz , Marc Coma
Articolo di tipo Ultime notizie
Tag dall'estero, inghilterra