MXGP al via in Argentina con Cairoli favoritissimo grazie all'assenza di Herlings

condivisioni
commenti
MXGP al via in Argentina con Cairoli favoritissimo grazie all'assenza di Herlings
Di:
01 mar 2019, 16:24

Si parte in Sud America e Tony ha la grande chance di allungare fin da subito dato che il pilota KTM è infortunato e non sa ancora quando rientrerà.

Finalmente la stagione del Mondiale Motocross sta per partire. Per il secondo anno consecutivo la MXGP inizia dall’Argentina e più precisamente da Villa La Angostura, località turistica situata nella regione di Nequen.

Saranno 19 i round che si disputeranno quest’anno con ben cinque gare oltre oceano. Si parte dall’Argentina per poi andare in Cina (01 maggio), doppia trasferta in Indonesia (07 e 14 luglio) e finale ad Hong Kong (22 settembre). Nel mezzo altre trasferte che imporranno ai Team un bel Tour de Force: Russia il 9 di giugno – Svezia il 25 agosto e Turchia l’8 settembre.

Per quanto riguarda i protagonisti, la novità più eclatante è che Jeffrey Herlings non sarà al via di questa prima prova. Come certamente saprete, l’olandese è fermo a causa della rottura di un piede. Le notizie che arrivano sono abbastanza confuse perchè, anche da parte di Red Bull KTM, news ufficiali non ne arrivano. Quando rientrerà non è dato certo, nel paddock si dice che potrebbe essere al via in occasione del GP di Inghilterra in programma il 23/24 marzo prossimo.

Con questa situazione la logica dice che Antonio Cairoli ha una buona occasione per avvantaggiarsi. Lo scorso anno, qui in Argentina, Antonio fece gli stessi punti di Jeffrey ma, in virtù della vittoria di Herlings in gara due, il GP andò appunto a “THE BULLET”.

Ma Cairoli non sarà il solo a battagliare per la vittoria finale, con lui sul podio mettiamo anche Tim Gajser (Honda HRC) e Romain Febvre (Monster Yamaha). Entrambi hanno fatto vedere buone cose agli Internazionali d’Italia, soprattutto Gajser che ha messo in mostra una buona velocità e che su questa pista ha vinto nel 2016 e nel 2017.

Vedremo poi come si comporteranno gli altri comprimari a partire da Gautier Paulin ritornato in Yamaha dopo aver corso con Kawasaki (3 anni) – Honda HRC e Husqvarna Factory (2 anni ciascuna). E vedremo inoltre se Clement Desalle riuscirà a trionfare in più GP rispetto alla passata stagione dove è riuscito a precedere il duo Red Bull KTM Herlings/Cairoli nella gara russa (unico non KTM a vincere una gara nel 2018 nella MXGP).

Sarà anche la gara del debutto di Pauls Jonass con il Team Husqvarna Factory. Per il vincitore del Mondiale 2017 della MX2 sarà l’esordio vero e proprio nella massima categoria non avendo partecipato a nessuna delle gare pre stagionali.

Oltre ad Antonio Cairoli, saranno due gli italiani presenti. Sono Alessandro Lupino, non in ottime condizioni per una distorsione ad una caviglia rimediata a Mantova in occasione dell’ultima prova degli Internazionali d’Italia e Ivo Monticelli, reduce dalla bella vittoria nella Supercampione rimediata ad Hawstone Park davanti a Max Nagl e Arminas Jasikonis.

Prossimo Articolo
Motocross delle Nazioni, squalifica Italia: il Team SM Action spiega l'errore e si scusa

Articolo precedente

Motocross delle Nazioni, squalifica Italia: il Team SM Action spiega l'errore e si scusa

Prossimo Articolo

Febvre vince la prima qualifica della MXGP 2019 in Argentina, Cairoli out

Febvre vince la prima qualifica della MXGP 2019 in Argentina, Cairoli out
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Mondiale Cross MxGP
Autore Adriano Dondi
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie