In Olanda si rinnova il duello tra Antonio Cairoli ed Jeffrey Herlings

Dopo la prima gara iridata disputata in Argentina, il Mondiale MXGP sbarca in Europa sul tracciato di Valkenswaard, con i due piloti della KTM che arrivano a pari punti al secondo appuntamento stagionale.

In Olanda si rinnova il duello tra Antonio Cairoli ed Jeffrey Herlings
Tony Cairoli, Red Bull KTM Factory Racing
Jeffrey Herlings, Red Bull KTM Factory Racing
Alessandro Lupino
Jeffrey Herlings, Red Bull KTM Factory Racing
Jeffrey Herlings, Tony Cairoli, Red Bull KTM Factory Racing
Tony Cairoli, Red Bull KTM Factory Racing
Tony Cairoli, Red Bull KTM Factory Racing
Jeffrey Herlings, Red Bull KTM Factory Racing
Il vincitore Jeffrey Herlings, Red Bull KTM Factory Racing, il secondo classificao Tony Cairoli, Red Bull KTM Factory Racing, il terzo classificato Clement Desalle, Kawasaki MXGP Racing Team
Carica lettore audio

Dopo la prima prova svoltasi oltre oceano in Argentina, il Mondiale MXGP ritorna in Europa con la gara che si correrà domenica sul selettivo e classico tracciato di Valkensvaard.A Villa la Angostura abbiamo assistito al  tanto atteso duello fra Antonio Cairoli e Jeffrey Herlings. Duello che è finito alla pari con una vittoria ed un secondo posto a testa e pari punteggio nella classifica generale.

Qui in Olanda Herlings avrà certamente l’appoggio di tutto il pubblico, ma Antonio non è certo uno che si fa impressionare. Il Campionato è lungo e l’importante è non fare nessun “zero” perchè poi recuperare è complicato.

Herlings ha dalla sua tanta spregiudicatezza che però, a volte, si trasforma in troppa foga e poca lucidità.Antonio dalla sua ha tanta esperienza, vi sione di gara e non deve dimostrare nulla. Chi per ora ha vinto nove titoli Mondiali è lui e non l’olandese.

Ci sarà battaglia anche alle spalle del duo KTM con Clement Desalle che per ora sembrerebbe la terza forza in campo. Attenzione però anche alla coppia Yamaha Factory Jeremy Van Horebeek e Romain Febvre che in Argentina hanno fatto vedere interessanti duelli fra loro, ma anche un bel passo gara.

Dopo l’infortunio alla mandibola causato nel corso della caduta a Mantova, nell’ultima prova degli Internazionali d’Italia, rientra Tim Gajser. L’ufficiale HRC sarà una incognita perchè non è ovviamente nella forma fisica migliore. Domani, dopo le prime prove, avremo un’idea più precisa di cosa potrà combinare.

Da vedere poi se i nostri Alessandro Lupino e Ivo Monticelli saranno in grado di ripetere i risultati dell’Argentina, dove entrambi sono riusciti a prendere punti.

Nella MX2 Thomas Olsen cercherà di infastidire Pauls Jonass e recuperargli gli otto punti che lo separano in classifica. Da tenere d’occhio Hunter Lawrence che si è ben adattato all’Honda che il neo Team 114 Motorsport di Livia Lancelot gli ha messo a disposizione. Sono da verificare anche Ben Watson e Jed Beaton che in Argentina si sono piazzati subito a ridosso dei primi tre.

Gli italiani in gara avrebbero dovuto essere quattro: Nicola Bertuzzi, Morgan Lesiardo, Samuele Bernardini e Michele Cervellin. Dei quattro non ci sarà Cervellin perchè il ginocchio infortunato in Argentina sta dando più problemi del previsto. Le gare del Mondiali, così come il livello agonistico, è alto e se non si è a posto fisicamente, è inutile forzare.

Il Meteo sarà una vera e propria incognita. Nel moneto in cui scriviamo piove e la temperatura è di 5 gradi. Per domani è prevista anche la neve. Una ulteriore difficoltà che si aggiunge a quelle che i piloti troveranno in pista.

condivisioni
commenti
Herlings e Cairoli 1-1 in Argentina, ma il GP lo porta a casa l'olandese
Articolo precedente

Herlings e Cairoli 1-1 in Argentina, ma il GP lo porta a casa l'olandese

Prossimo Articolo

Van Horebeek vince a sorpresa le qualifiche nel gelo olandese

Van Horebeek vince a sorpresa le qualifiche nel gelo olandese