Herlings rientra e trionfa nel Gran Premio di casa, in Olanda

Jeffrey Herlings (Red Bull KTM) ha ristabilito subito le gerarchie imponendosi nella seconda manche di gara, battendo il compagno di squadra Prado Garcia.

E’ stato assente per tre GP ma al suo rientro Jeffrey Herlings (Red Bull KTM) ha ristabilito subito le gerarchie. Non ha vinto la prima manche perché è partito male ed ha dovuto rimontare dall’undicesima piazza, ma nella seconda si è imposto sul compagno di squadra Prado Garcia, ed è andato a prendersi l’applauso dei 15.000 tifosi olandesi presenti sulla tribuna principale del DUCH TT, il famoso circuito teatro di epiche battaglia nel Motoracing.

Ora Herlings ha 76 punti di vantaggio su Jeremy Seewer (Suzuki World MX2) ed il prossimo sabato a Charlotte, su un tracciato “artificiale” simile a questo di Assen, può prendersi quel titolo che gli è sfuggito per infortuni vari nelle ultime due edizioni.

Al secondo gradino del podio troviamo un altro olandese che quest’anno è cresciuto tanto. E’ Brian Bogers (HSF Logistic KTM) che ha disputato due gare regolari che gli hanno regalato due terzi posti e consolidato l’ottavo posto nella generale a soli due punti dalla settima piazza.

La sorpresa di questo GP è senza dubbio il quindicenne spagnolo Jorge Prado Garcia (Red Bull KTM). Prado ha vinto le qualifiche del sabato ed in gara due ha battagliato con Herlings per sette giri, per nulla intimorito dalla prima guida di KTM nella MX2. Dalla determinazione dimostrata, pensiamo che in futuro sentiremo ancora parlare di lui.

Max Anstie (Rockstar Husqvarna) ha vinto gli ultimi due GP ma qui, sulla sabbia insidiosa olandese, ha commesso qualche errore di guida e chiude la gara al quarto posto ma con gli stessi punti del terzo.

Dopo Prado Garcia, in quinta posizione troviamo un’altra sorpresa. Si tratta di Thomas Kjer Olsen, Campione in carica dell’Europeo 250, e sicuro protagonista nella MX2 nei prossimi anni. Sesto un Thomas Covintgon (Rockstar Husqvarna) che dopo aver vinto gara uno è caduto allo start di gara due ripartendo ultimissimo e chiudendo al 16esimo posto.

Il francese Benoit Paturel (Kemea Yamaha) è riuscito a condurre quattro giri in gara uno ma poi è retrocesso al quinto posto che sommato al decimo della seconda manche gli hanno permesso di finire settimo assoluto. Tre olandesi chiudono la classifica dei primi dieci. Sono nell’ordine: Bas Vaessen (Suzuki World MX2) – Lars Van Berkel e Kevin Vlanderen (HSF Logistic KTM).

Che fosse una gara complicata per la truppa italiana, lo si sapeva da subito visto che la sabbia, per chi non la frequenta con continuità, è un terreno difficile da digerire. Il migliore quindi degli azzurri è stato Samuele Bernardini (TM Factory) che ha chiuso 13esimo mentre Michele Cervellin è arrivato 19esimo assoluto. Fondo classifica sia Giuseppe Tropepe (Honda JTech) che per Davide Bonini (SDM Husqvarna) mentre Ivo Monticelli ha avuto problemi meccanici in entrambe le manche.

GP OLANDA - CLASSIFICA MX2
1° Jeffrey Herlings (Olanda - KTM) 47 punti; 2° Brian Bogers (Olanda - KTM) 40; 3° Prado Garcia (Spagna – KTM) 31; 4° Max Anstie (GB - Husqvarna) 31; 5° Thomas Kjer Olsen (Danimarca – Husqvarna) 30; 6° Thomas Covington (USA Husqvarna) 30; 7° Benoit Paturel (Francia - Yamaha) 27; 8° Bas Vaessen (Olanda – Suzuki) 25; 9° Lars Van Berkel (Olanda Husqvarna) 25; 10° Calvin Vlandereen (Olanda – KTM) 23.

CLASSIFICA CAMPIONATO MX2
1° Jeffrey Herlings (Olanda - KTM) 644 punti; 2° Jeremy Seewer (Svizzera - Suzuki) 568; 3° Benoit Paturel (Francia - Yamaha) 460; 4° Max Anstie (Inghilterra – Husqvarna) 447; 5° Pauls Jonass (Lettonia - KTM) 403; 6° Dylan Ferrandis (Francia – Kawasaki) 378; 7° Petar Petrov (Bulgaria Kawasaki) 351; 8° Brian Bogers (Olanda – KTM) 349; 9° Samuele Bernardini (Italia – TM) 341; 10° Aleksandr Tonkov (Russia – Yamaha) 320.

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati Mondiale Cross Mx2
Evento GP d'Olanda
Sub-evento Gara
Articolo di tipo Gara