Formula 1
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
28 nov
-
01 dic
Evento concluso
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Evento concluso
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
23 nov
-
23 nov
Evento concluso
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
38 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso

Super Trofeo North America: Ruberti e Sbirrazzuoli vincono al VIR

condivisioni
commenti
Super Trofeo North America: Ruberti e Sbirrazzuoli vincono al VIR
Di:
Tradotto da: Matteo Nugnes
25 ago 2019, 18:48

Paolo Ruberti e Cedric Sbirrazuoli della Dream Racing hanno conquistato la loro prima vittoria stagionale nel Lamborghini Super Trofeo North America al Virginia International Raceway, in un weekend in cui i principali contendenti al titolo hanno avuto problemi.

Il campione 2017 Shinya Michimi, in coppia Brandon Gdovic sulla vettura della Precision Performance Motorsport (PPM), si è imposto nella seconda frazione, regalando alla Huracan #46 il primo successo dalla gara di apertura del Barber Motorsport Park.

Michimi ha conquistato la pole per la gara d'apertura di sabato ed ha comandato nelle prime fasi, davanti a Richard Antinucci della Change Racing.

Antinucci però si è poi portato al comando ed ha costruito un piccolo vantaggio su Sbirrazuoli, salito al secondo posto approfittando di un contatto alla curva 11 tra Michimi ed Andrea Amici (Prestige Performance/Wayne Taylor Racing).

Sbirrazzuoli è rimasto in pista più a lungo di Antinucci quando si è aperta la finestra per il pit stop e questo ha consentito alla vettura #27, ora nelle mani di Ruberti, di scavalcare Corey Lewis, che era subentrato ad Antinucci.

Da quel momento c'è stata grande battaglia fino alla bandiera a scacchi, con Lewis che si è rifatto sotto a Ruberti nel finale. I due si sono anche sportellati all'ultimo giro, chiudendo separati da soli tre decimi a favore dell'italiano.

Il maltempo di sabato aveva costretto alla cancellazione delle qualifiche in vista della seconda gara, quindi lo schieramento di partenza è stato determinato in base alle posizioni in campionato.

Lewis è stato il più bravo alla partenza lanciata e si è portato al comando alla prima curva, mentre Ruberti ha guadagnato la seconda posizione dalla quarta in griglia.

La partenza dell'italiano però è stata anche fin troppo buona, perché poco dopo è stato penalizzato con un drive through per partenza anticipata, ma poi una Caution dovuta alla presenza di detriti in pista ha permesso alla vettura #27 di riavvicinarsi al gruppo prima che si aprisse la finestra per il pit stop.

Una Caution che ha aiutato parecchio anche Gdovic, permettendogli di chiudere il distacco di quattro secondi e mezzo che lo separava dal leader Lewis, anche se il #46 ha perso quasi subito la seconda posizione a favore della Huracan #1 di Mitchell, che si era reso protagonista di una brutta partenza dal secondo posto in griglia, finendo sull'erba bagnata all'esterno della curva 1 nel primo giro.

Un attacco energico di Gdovic alla staccata della curva 11 gli ha permesso di conquistare poi la seconda posizione, che è diventata la leadership quando Lewis ha portato la #29 ai box.

Per Mitchell invece le cose si sono complicate quando è finito nell'erba a cavallo tra le curve 8 e 9, finendo nelle barriere. In questo modo è arretrato fino all'ottavo posto prima di cedere il volante ad Amici, che poi è risalito fino al quarto posto.

Dopo aver rilevato Lewis al volante della vettura #29, Antinucci è tornato ai box un giro più tardi con evidenti problemi meccanici. In ogni caso, ha poi provato a riprendere la via della pista, chiudendo 12esimo e quarto nella classe Pro.

Questo ha consentito non solo a Sbirrazzuoli di recuperare dal drive through per chiudere secondo con la vettura #27, ma anche a quella della US RaceTronics di Damon Ockey e Jacob Edison, vettura di classe Pro-Am, di chiudere con un superbo terzo posto assoluto.

Dietro ad Amici, in quinta posizione si è piazzato il primo dei piloti Am, ovvero Steven Aghakahni (#6 US RaceTronics), che aveva chiuso dietro a McKay Snow nella gara di apertura, mentre nella seconda alle sue spalle si è issata Sheena Monk.

Per quanto riguarda la Lamborghini Cup invece si sono spartiti i successi la coppia Chad Reed/Justin Price e Thomas Lovelady.

Nonostante un weekend storto, Antinucci e Lewis mantengono la leadership del campionato con 101 punti, 13 di vantaggio sulla coppia Amici/Mitchell, mentre Gdovic è solo un punto più indietro in terza posizione.

Il prossimo appuntamento della serie è fissato a Laguna Seca nel mese di settembre, poi sarà la volta delle finali di Jerez de la Frontera nel mese di ottobre.

#27 Dream Racing Motorsport: Cedric Sbirrazzuoli, Paolo Ruberti

#27 Dream Racing Motorsport: Cedric Sbirrazzuoli, Paolo Ruberti

Photo by: Jamey Price

Prossimo Articolo
Super Trofeo Asia: Puhakka/Kasai estendono la leadership in Corea

Articolo precedente

Super Trofeo Asia: Puhakka/Kasai estendono la leadership in Corea

Prossimo Articolo

Lamborghini Super Trofeo Europa, al Nürburgring il penultimo round della stagione

Lamborghini Super Trofeo Europa, al Nürburgring il penultimo round della stagione
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Lamborghini Super Trofeo
Evento North America: VIR
Sotto-evento Gara
Piloti Paolo Ruberti , Cédric Sbirrazzuoli
Autore Stephen Brunsdon