Lamborghini, Nurburgring: in Gara 1 dominio di Spinelli e Weering

Vittoria dalla pole per l'equipaggio del team Johan Kraan Motorsports. Target Racing a segno nella Pro-Am con Cola-Gvazava e nella Am con Ramos-Amstutz. Primo successo della stagione di Van der Horst nella Lamborghini Cup.

Lamborghini, Nurburgring: in Gara 1 dominio di Spinelli e Weering

Loris Spinelli e Max Weering dominano con il team Johan Kraan Motorsports la prima delle due gare del Nürburgring del Lamborghini Super Trofeo Europa, che sul tracciato tedesco giunge questo fine settimana al quinto dei sei appuntamenti.

L'italiano, autore della pole e al suo rientro nella serie continentale, ha conquistato una vittoria assoluta che gli mancava dal 2017, anno in cui si è laureato campione Pro. Punti importanti quelli che ha conquistato Weering, al suo secondo successo di questa stagione dopo quello ottenuto a Monza, che nella classe maggiore si porta a 13 lunghezze dai leader Kevin Gilardoni e Leonardo Pulcini, per l'occasione quarti al traguardo con la Lamborghini Huracán Super Trofeo Evo dell'Oregon Team.

Target Racing vede doppio e si impone nella Pro-Am con Andrea Cola e Dmitry Gvazava, per la seconda volta sul gradino più alto del podio, andando a segno anche in Am con l'inedito equipaggio formato da Adrian Amstutz e Miguel Ramos. Prima affermazione di questa stagione per Gerard Van der Horst (Van der Horst Motorsport) nella Lamborghini Cup.

Al via Spinelli sfila bene dalla pole per portarsi regolarmente al comando davanti a Glenn van Berlo e Milan Teekens. Pulcini perde invece una posizione a vantaggio di Danny Kroes, che risale subito quarto. All'inizio del primo giro l'italiano prova a tornare davanti all'olandese, ma deve tirare i remi in barca venendo anzi passato dal nuovo arrivo Seb Morris, che in seguito ha la meglio sullo stesso Kroes. Dietro di loro seguono Kevin Rossel e Nicolai Sylvest. Nono transita Cola, primo della Pro-Am e già più veloce nella sua classe al termine della qualifica. Ramos e Donovan Privitelio mantengono la leadership rispettivamente nella Am e nella Lamborghini Cup.

Prosegue la battaglia tra Kroes e Pulcini, con quest'ultimo che all'inizio del sesto giro riesce ad avere la meglio transitando quinto e andando poi a passare anche Morris. Intanto il divario tra Spinelli ed il resto del gruppo sale a sette secondi ed è destinato a crescere ulteriormente. Tra i primi a fermarsi per la sosta è proprio Morris, con Sebastian Balthasar che sale al suo posto sulla vettura del team Leipert Motorsport.

Bella rimonta dell'altro rientrante Edoardo Liberati, costretto ad avviarsi dal fondo dello schieramento a causa di un problema avuto nella prima sessione di prove ufficiali e quinto prima di lasciare il volante della vettura della VS Racing a Andrzej Lewandowski.

Dopo i pit-stop al comando c'è Weering. Alle sue spalle nell'ordine Raul Guzman e Maxime Oosten, saliti in macchina al posto di van Berlo e Teekens. Quarto rientra Gilardoni, con Daan Pijl alle sue spalle dopo avere dato il cambio a Kroes.

Nella Pro-Am al comando c'è sempre la vettura del team Target Racing che Gvazava ha ereditato da Cola. Secondo Lewandowski. Amstutz rimane a sua volta leader nella Am, mentre Van der Horst balza davanti a tutti nella Lamborghini Cup.

A sette minuti dallo scadere del tempo utile, Gilardoni si porta nella scia di Oosten e prova a trovare un varco per passarlo. Ma il pilota della Bonaldi Motorsport è bravo a chiudere tutte le porte portando così a casa podio, chiudendo dietro all'altra Lamborghini Huracán Super Trofeo Evo del team Target Racing divisa da van Berlo e Guzman.

Nella classifica Gilardoni e Pulcini rimangono i leader della Pro. Lewandowski, grazie al secondo posto ottenuto con Liberati davanti a Bronislav Formanek e Josef Zaruba (Micanek Motorsport), consolida la sua leadership nella Pro-Am. Benché impossibilitato a prendere il via, Claude-Yves Gosselin (Boutsen Ginion) mantiene il comando della Am, il cui podio viene completato nell'ordine dal suo compagno di squadra Han Huilin e dalla coppia Grzegorz Moczulski e Rafal Mikrut (GT3 Poland).

Nella Lamborgini Cup un quarto posto consente a Hans Fabri (Imperiale Racing) di rimanere in testa alla classifica. I fratelli Benoît e François Semoulin (Semspeed Racing) concludono secondi davanti Libor Dvoracek (Micanek Motorsport).

Max Weering (Johan Kraan Motorsports): "Sono molto contento di questa vittoria che ho ottenuto su una pista notoriamente ostica per me. Loris ha fatto un gran lavoro ed è stato importante potermi confrontare con un pilota veloce come lui. Dopo che lui ha costruito un ottimo vantaggio, sono riuscito a portare a termine un buon secondo stint. Nell'ottica campionato questa vittoria è molto importante. Vediamo cosa succederà domani, quando sarò costretto a partire settimo".

Loris Spinelli (Johan Kraan Motorsports): "Sono partito molto bene e ho cercato di imprimere subito il giusto ritmo, prendendo nel mio primo stint un buon vantaggio. Max [Weering] ha fatto poi un bel lavoro, portando a casa questa vittoria. Un grosso grazie va a tutto il team. Era la prima volta che correvo con loro. Sono felice di avere festeggiato in questo modo il mio ritorno nella serie europea".

condivisioni
commenti
Torna il Lamborghini Super Trofeo Middle East: il calendario 2022
Articolo precedente

Torna il Lamborghini Super Trofeo Middle East: il calendario 2022

Prossimo Articolo

Lamborghini: al Nürburgring doppietta di Weering-Spinelli

Lamborghini: al Nürburgring doppietta di Weering-Spinelli
Carica commenti