Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Test
Le Mans Test Day

Le Mans | Test 2: doppietta Porsche davanti alla Toyota

Estre vola con la 963 ufficiale battendo Nasr e la GR010 di Hartley, Ferrari quinta a 1"1 seguita a ruota da BMW e Lamborghini. In LMP2 benissimo United seguita a distanza da APR e Duqueine, in LMGT3 tutti vicinissimi con Corvette, Aston, BMW, Lamborghini e McLaren davanti.

#6 Porsche Penske Motorsport Porsche 963 of Kevin Estre, Andre Lotterer, Laurens Vanthoor

Le Porsche hanno ottenuto i migliori tempi assoluti nella seconda sessione di test che i protagonisti della 24h di Le Mans hanno affrontato oggi sul Circuit de la Sarthe.

Dopo le prove del mattino, i piloti del FIA World Endurance Championship e quelli invitati da ACO hanno avuto altri 180' a disposizione per continuare a lavorare prima di cominciare il vero e proprio weekend di gara, che scatterà a partire da mercoledì.

La prima bandiera gialla è stata esposta a circa 15' dal semaforo verde per via di uno stop patito dalla Isotta Fraschini ad Arnage: Jean-Karl Vernay è poi riuscito a resettare la Tipo 6-C preparata dal Team Duqueine e ripartire senza patemi.

30' a seguire l'episodio sopracitato, bandiera rossa provocata dall'uscita di pista contro le barriere da parte di Stéphane Richelmi al volante della Oreca #10 di Vector Sport ad 'Indianapolis/Arnage', e commissari costretti a riparare il guard-rail.

Sempre ad 'Indianapolis', problemi anche per la Oreca #14 di AO by TF nelle mani di PJ Hyett; mancando una mezz'ora alla bandiera a scacchi, la Direzione Gara ne ha approfittato per provare nuovamente la situazione di Safety Car.

Nel finale, bandiera rossa che ha chiuso anzitempo anche stavolta le prove, causa un 'lungo' di Kamui Kobayashi ad 'Indianapolis' che ha visto la Toyota terminare la sua corsa contro le barriere.

Nel frattempo, il Team WRT ha preferito cambiare il motore sulla M Hybrid V8 #15 che aveva accusato noie al mattino e solo nell'ultima ora la LMDh tedesca ha preso il via della pista per controllare che tutto fosse in ordine in una manciata di giri condotti da Raffaele Marciello.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sebastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sebastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

Foto di: Rainier Ehrhardt

Come dicevamo, le Porsche hanno detto la loro in Classe HYPERCAR mettendo la mano sul primo e secondo tempo: Kévin Estre è stato autore di un 3'26"907 al volante della 963 #6 preparata dal Team Penske, battendo per 0"235 la #4 del suo collega Felipe Nasr, autore di un buon miglioramento nel finale, mentre la #5 viene portata in quarta piazza da Michael Christensen.

La Toyota, più rapida al mattino, stavolta è terza grazie alla GR010 Hybrid #8 e con la #7 a chiudere decima a quasi 2" dalla vetta, ma va anche detto che buona parte dei protagonisti stavolta si è concentrata nel mettere insieme un buon numero di tornate consecutive, cominciando a raccogliere dati utili per prepararsi sul passo gara.

La Ferrari completa la Top5 grazie alla 499P #50 attardata di 1"1 dal primato e per pochissimi centesimi davanti alla BMW #20 sesta, che alle spalle si ritrova la Lamborghini #63.

Ottavo tempo per la Ferrari #83 di AF Corse che svetta ancora tra i privati della categoria, avendo dietro le due Porsche di Jota, rispettivamente nona (#12) e undicesima (#38).

Dodicesima la Ferrari #51, poi troviamo nell'ordine la Peugeot #94 e la Cadillac #311 di Action Express Racing con distacchi oltre i 2", più lontane le Alpine.

#22 United Autosports Oreca 07: Gibson: Oliver Jarvis, Bijoy Garg, Nolan Siegel

#22 United Autosports Oreca 07: Gibson: Oliver Jarvis, Bijoy Garg, Nolan Siegel

Foto di: Rainier Ehrhardt

In Classe LMP2 è la United Autosports a fare la voce grossa: 3'34"704 è il crono di riferimento stampato da Oliver Jarvis con la Oreca #22, il suo compagno di squadra Filipe Albuquerque è invece quarto sulla #23 ad 1"9 dal collega, ma comunque con il miglior tempo nella sottocategoria PRO/AM.

Fra loro troviamo la #25 di APR e la #30 della Duqueine (seconda PRO/AM), quinta c'è invece la #183 di AF Corse che è terza PRO/AM.

La Panis Racing #65 finisce al sesto posto superando nel finale la Proton Competition #9 e la Inter Europol Competition #34, seguita dalla APR #45 (terza PRO/AM) e dalla Vector Sport #10 fra i primi dieci.

#82 TF Sport Corvette Z06 LMGT3.R of Hiroshi Koizumi, Sebastien Baud, Daniel Juncadella

#82 TF Sport Corvette Z06 LMGT3.R of Hiroshi Koizumi, Sebastien Baud, Daniel Juncadella

Foto di: Rainier Ehrhardt

In LMGT3 è Sébastien Baud a regalare il primato alla Corvette #82 di TF Sport girando in 3'59"883, tempo di soli 0"037 migliore di quelli ottenuti dalla Aston Martin #27 di Heart of Racing affidata ad Alex Riberas e da Augusto Farfus con la BMW #31 del Team WRT, che sono con il medesimo crono in seconda e terza posizione.

Bene la Lamborghini #60 di Iron Lynx quarta ad un paio di decimi dalla vetta, con dietro per un soffio le McLaren di United Autosports e la Lamborghini #85 delle Iron Dames.

Ottava la BMW #46 del Team WRT, sempre con Maxime Martin come pilota più rapido, ma Valentino Rossi si è migliorato portandosi ad un paio di decimi dal belga.

La Top10 annovera anche la Corvette #81 di TF Sport e la McLaren #70 di Inception Racing, entrambe racchiuse nello spazio di 0"5 di distacco dal primato in una classifica piuttosto corta che vede alle loro spalle la Mustang #44 di Proton Competition e le Ferrari #55 di AF Corse e #86 di GR Racing.

Ora un paio di giorni per riordinare le idee e poi si tornerà al lavoro mercoledì 12 giugno con due sessioni di Prove Libere inframezzate dalle Qualifiche che determineranno i migliori 8 meritevoli di giocarsi le Hyperpole.

FIA WEC - 24h di Le Mans: Test Day, Sessione 2

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Le Mans | Test 1: Toyota subito davanti con Kobayashi, ok Lexus
Prossimo Articolo Le Mans | Toyota punge Posche: "Se non vince, avrà fatto un pessimo lavoro"

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia