Le Mans: Porsche ha dominato la GTE/Pro con una doppietta incontrastata

condivisioni
commenti
Le Mans: Porsche ha dominato la GTE/Pro con una doppietta incontrastata
Franco Nugnes
Di: Franco Nugnes
18 giu 2018, 16:04

La pole di Bruni con la 911 RSR #92 aveva fatto capire che fra le GT non ci sarebbe stata storia nella 86esima 24 Ore di Le Mans. La Casa tedesca ha festeggiato il 70esimo anniversario con il successo di Christensen, Estre e Vanthoor.

#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frédéric Makowiecki, #92 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor
#92 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor
#77 Proton Competition Porsche 911 RSR: Christian Ried, Julien Andlauer, Matt Campbell, festeggiano la vittoria con bandiere Porsche
Podio LMGTE Pro: i vincitori Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor, Porsche GT Team
#92 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor
Podio LMGTE Pro: i vincitori Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor, Porsche GT Team, al secondo posto Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frederic Makowiecki, Porsche GT Team, al terzo posto Joey Hand, Dirk Müller, Sébastien Bourdais, Ford Chip Ganassi Racing
#92 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Laurens Vanthoor, maialino rosa, mascot
#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frédéric Makowiecki
#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frederic Makowiecki
#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frederic Makowiecki
#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frédéric Makowiecki
#91 Porsche GT Team Porsche 911 RSR: Richard Lietz, Gianmaria Bruni, Frédéric Makowiecki

Un dominio assoluto e incontrastato. La Porsche ha portato a casa da Le Mans una splendida doppietta nella classe GTE/Pro e il successo in GTE/Am per festeggiare il 70esimo anniversario del marchio.

La Casa tedesca ha mostrato una supremazia che non è mai stata messa in dubbio già dal primo turno delle qualifiche, quando Gimmi Bruni ha firmato la pole position con la 911 RSR #91 che ha siglato il nuovo record della pista in 3’47”504 e non è più stato battuto nei turni successivi, visto che la vettura gemella era a 1”6 e tutti gli altri erano letteralmente… dispersi.

I dieci chili di peso in più che sono stati attribuiti venerdì da ACO e FIA per corregge il BoP non hanno cambiato assolutamente il quadro delle forze in campo per cui era da capire solo quale delle due 911 RSR in livrea vintage avrebbe vinto la gara, portando la 106esima affermazione della Porsche a Le Mans.

L’ha spuntata la “pink pig”, la 911 RSR #92 di Kévin Estre, Laurens Vanthoor e Michael Christensen che si è aggiudicata la 86esima edizione della 24 Ore di Le Mans, percorrendo 344 giri sul tracciato mitico di 13.626 chilometri.

La differenza non l’hanno fatta le prestazioni, ma il dipanarsi della corsa. Ad ammetterlo chiaramente è Michael Christensen: "È stata una gara incredibile! La macchina è stata veloce fin dall'inizio, ma devo ammettere che abbiamo avuto un po' di fortuna durante una fase di safety car nella quale siamo riusciti ad avvantaggiarci sulla #91”.

“Da quel momento in poi ci siamo concentrati nell’accrescere il nostro vantaggio, mentre nell'ultimo terzo di gara abbiamo evitato qualsiasi rischio e per portare la macchina al traguardo in piena sicurezza".

Kévin Estre e Laurens Vanthoor hanno vissuto il culmine della loro carriera: "È semplicemente incredibile. Non riesco a descrivere i miei sentimenti. Oggi è il miglior giorno della mia vita”, ha chiosato Estre, mentre Laurens è rimasto senza parole…
"Non posso descrivere le mie emozioni e ancora non riesco a crederci. Con Kevin e Michael ci siamo integrati alla perfezione”.

Oliver Blume, CEO di Porsche AG, non si è voluto perdere una vittoria annunciata: "Ci siamo preparati meticolosamente per questa gara e ci siamo impegnati per mesi. L'intero team ha fatto un lavoro perfetto. Siamo incredibilmente orgogliosi di questa doppietta nella classe GTE-Pro. Questo è un risultato fantastico dai nostri dipendenti. La Porsche appartiene a Le Mans e Le Mans appartiene a Porsche".

Se la “pink pig”, rievocazione della 917/20 “maialino rosa” che corse a La Mans nel 1971, ha puntato al successo, la vettura gemella #91 nei colori delle 957 e 962 dominatrici negli Anni 80, divisa da Gianmaria Bruni, Richard Lietz e Frédéric Makowiecki è stata quella che ha dato spettacolo.

Frédéric Makowiecki ha fatto il maramaldo con le Ford GT, prima con quella di Andy Priaulx e poi con quella di Sebastien Burdais. Il francese ha fatto ricorso a tutto il “mestiere” per tenere dietro il combattivo connazionale sulla GT americana. “Mako” è anche finito sotto investigazione per aver usato le maniere forti con Bourdais, ma quando ha deciso di cambiare passo se n’è andato lasciando gli avversari scornati a quasi mezzo minuto.

"Per oltre un'ora ho combattuto duramente con Sebastien per il secondo posto. Ciò è quello rende il mio lavoro di pilota molto divertente, ma in questa fase di bagarre non siamo riusciti a recuperare terreno sulla #92”.

Contro questa Porsche non c’era storia per nessuno, tutti gli agguerritissimi avversari hanno fatto solo la figura degli sparring partner: la ricorrenza dei 70 Anni meritava di essere festeggiata nel modo migliore e i tedeschi sono stati abili, abilissimi nel costruire la loro supremazia.

Hanno fatto scelte coraggiose, passando al motore posteriore-centrale già dallo scorso anno in quella che è stata una stagione di apprendistato. L’aver abiurato il flat-6 a sbalzo non è stato vissuto come un “tradimento”, ma un salto nel futuro: Porsche ha saputo fare valere il suo peso a Le Mans per cui la 911 RSR è arrivata sul mitico tracciato della Sarthe con una superiorità tale che è andata oltre il Balance of performance.

Con la doppietta nella maratona francese, Porsche ha incrementato il proprio vantaggio nelle classifiche Piloti e Costruttori del campionato mondiale FIA WEC. Sarà una stagione trionfale nella quale la 24 Ore sarà la ciliegina della torta…

Prossimo articolo Le Mans
Sernagiotto: "Ho avuto un avversario in più da vincere dopo il crash: la paura!"

Previous article

Sernagiotto: "Ho avuto un avversario in più da vincere dopo il crash: la paura!"

Next article

Fotogallery: ecco le foto più belle della 24 Ore di Le Mans 2018

Fotogallery: ecco le foto più belle della 24 Ore di Le Mans 2018

Su questo articolo

Serie Le Mans
Evento 24 Ore di Le Mans
Sotto-evento Domenica, post-gara
Piloti Michael Christensen , Laurens Vanthoor , Kevin Estre
Team Porsche Team
Autore Franco Nugnes
Tipo di articolo Analisi