Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Gara
Le Mans 24h di Le Mans

Le Mans | 9a ora: Ferrari penalizzata, Toyota agguanta il primato

A causa del contatto con la BMW #15 prima della settima ora che aveva causato l'ingresso della Safety Car, la Ferrari #83 con Kubica al volante è stata penalizzata con 30 secondi di penalità stop&go, il che ha permesso alla Toyota #8 di salire al comando della gara. Scivola indietro anche la BMW #46 in LMGT3 dopo un errore da parte di Al Harthy.

#83 AF Corse Ferrari 499P: Robert Kubica, Robert Shwartzman, Yifei Ye

Passata la mezzanotte, dopo un lungo periodo di Safety Car durata oltre un’ora e mezza per la necessità di completare le riparazioni delle barriere a seguito del contatto tra la Ferrari #83 con Robert Kubica e la BMW #15, la gara è finalmente ripresa. Tuttavia, proprio nel momento della ripartenza è arrivato uno scroscio d’acqua spingendo le vetture a montare le gomme da bagnato: come in precedenza, la pioggia è giunta in modo consistente e all’improvviso.

La vera notizia dell’ultima ora, tuttavia, è la penalizzazione della Ferrari #83, quella privata da AF Corse guidata da Robert Kubica. Proprio a causa dell’incidente con la BMW #15, il polacco era finito sotto la lente dei commissari che volevano vederci chiaro sulle modalità che avevano portato al ritiro dell’auto tedesca.

Nel tentativo di doppiaggio di una Porsche GT3, spostata verso la parte sinistra della carreggiata, Kubica si è spostato di traiettoria verso la sua destra, andando però a colpire la BMW, la quale a sua volta è finita contro le barriere con danni che hanno costretto Dries Vanthoor ad abbandonare la sua vettura a bordo pista. I commissari hanno confermato che l’episodio è sotto investigazione.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sebastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sebastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

Foto di: Rainier Ehrhardt

Proprio dopo il rientro della Safety Car ai box, è arrivata la decisione da parte dei commissari, che hanno ritenuto Kubica responsabile della collisione, per cui hanno assegnato una sanzione di 30 secondi stop&go alla Rossa (in abito giallo) #83, che è così scivolata in sesta posizione dopo aver scontato la penalità.

A beneficiarne è stata soprattutto la Toyota #8, al momento con Ryo Hirakawa al volante, che ha così preso il comando dopo l’azzardo iniziale della wet, risalendo progressivamente la classifica. La vettura giapponese precede la Porsche #6 guidata da Vanthoor, staccata di circa una ventina di secondi, mentre alle loro spalle figura l’altra Toyota, la #7.

Dopo la penalizzazione della #83, la prima Ferrari è la #50, al momento nelle mani di Antonio Fuoco che sta tentando di chiudere il gap dalla Toyota di De Vries, ora virtualmente sull’ultimo gradino del podio. Sesta è la Jota #38, mentre la Cadillac #2 con Bamber al volante è in settima posizione.

L’altra Ferrari, la #51, è al momento nona dopo un piccolo errore di Calado davanti alla alla Cadillac #3 con Sebastien Bourdais che ha lasciato il volante a Scotto Dixon. Ha perso molto tempo la Porsche #5 con Makowiecki, scivolato fuori dalla top ten davanti alla Cadillac #311. Seguono in sequenza le due Peugeot e le due Lamborghini.

#46 Team WRT BMW M4 LMGT3: Ahmad Al Harthy, Valentino Rossi, Maxime Martin

#46 Team WRT BMW M4 LMGT3: Ahmad Al Harthy, Valentino Rossi, Maxime Martin

Foto di: Marc Fleury

In LMP2 è ritornata in testa la Cool Racing #37 davanti alla Nielsen Racing #24, mentre a completare virtualmente il podio c’è la #183 di AF Corse. Quarta la Vector Sport #10 che precede la United Autosports #22, che era al comando prima della ripartenza, e la Inter Europol #34, che sta tentando una scalata verso l’altro dopo il problema riportato da Novalak prima delle 22, quando è tornato ai box senza gomma anteriore sinistra causando una slow zone.

In LMGT3 rimane in testa la Porsche #92 di Manthey Purerxcing davanti alla Mustang #88 di Proton, ma a distanza ravvicinata, date che a dividere le due vetture sono solo 6 secondi. Terza la prima Ferrari 296, la Spirit of Race. Quinta la Lexus #87 di Akkodis davanti alla McLaren #95 di United Autosport e la Lamborghini #95 di Iron Dames.

Il colpo di scena della categoria, tuttavia, è l’errore di Al Harthy. Il pilota del Team WRT, protagonista di un ottimo stint nella prima parte di gara con cui era riuscito a portare la BMW in testa, aveva di nuovo preso il volante della #46 sostituendo Valentino Rossi dopo il suo primo stint. Tuttavia, dopo mezzanotte e mezza, Al Harthy ha perso il controllo della vettura, andando a sbattere contro le barriere prima di rimanere bloccato nella ghiaia. Una Le Mans per ora da dimenticare per BMW che, oltre ad aver visto le sue due Hypercar fermate da incidenti e problemi, ha subito un destino simile anche in LMGT3. Rimane la #31, al momento in decima posizione in categoria.

FIA WEC - 24h di Le Mans: Classifica LIVE

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Le Mans | 8a ora: SC protagonista, Ferrari al comando ma investigata
Prossimo Articolo Le Mans | 16a Ora: pioggia e Safety Car regine della notte

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia