Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Gara
Le Mans 24h di Le Mans

Le Mans | 22a ora: Ferrari precede Toyota, resta l’incognita pioggia

A circa due ore dalla fine è tornata la pioggia, con la classica incognita dell'intensità e della durata che potrebbe cambiare le carte in tavola. Al momento ci sono in testa le due Ferrari davanti alla Toyota. In LMP2 è sfida aperta tra United Autosports e AF Corse, mentre in LMGT3 BMW prova a sfidare Porsche per la vittoria di categoria.

#50 Ferrari AF Corse Ferrari 499P: Antonio Fuoco, Miguel Molina, Nicklas Nielsen

A due ore dal termine, l’edizione 2024 della 24h di Le Mans è tutt’altra che decisa. Al momento è una lotta aperta a diversi costruttori, con la Ferrari #50 guidata da Nielsen al comando dopo aver effettuato una sosta per un solo rabbocco di carburante a circa mezz’ora dallo scoccare della ventesima ora.

A inseguirla da vicino fino a poco prima della ventiduesima ora c’era la Toyota #8 con Brendon Hartley al volante, ma su una strategia leggermente differente rispetto a quella della Rossa, avendo anticipato sul piano strategico la sosta di qualche giro. L’unica altra Hypercar del Cavallino superstite dopo il blackout elettrico sulla #83, ovvero la #51 guidata in questo momento da Alessandro Pier Guidi, è in seconda posizione, avendo però mandato in testacoda la Toyota con una manovra che potrebbe finire presto sotto investigazione. Al momento si tratta, quindi, di una sfida Ferrari contro Toyota. 

L’italiano ha preso il comando della Ferrari #51 poco dopo le 12:30, sostituendo James Calado: avendo circa due ore in meno di guida rispetto ai suoi compagni di squadra, dovrebbe toccare proprio a Pier Guidi avere l’onere e l’onore dello stint finale. Dall’altra parte del box, invece, lo stint conclusivo potrebbe toccare ad Antonio Fuoco. Le due 499P erano finite sotto l’occhio di ingrandimento per una possibile infrazione tecnica non specificata, ma per cui è stata inflitta una reprimenda con il chiaro “suggerimento” di sistemare il problema il più velocemente possibile.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sebastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota GR010 - Hybrid: Sebastien Buemi, Brendon Hartley, Ryo Hirakawa

Foto di: Marc Fleury

C’è anche una grande incognita, quella del meteo. Per tutta la durata dell’edizione di quest’anno il meteo è stato protagonista nel bene e nel male, regalando sia scrosci intensi ma molto brevi che fenomeni più duraturi che hanno portato a un prolungato periodo di Safety Car. A circa un quarto d’ora dallo scoccare della ventiduesima ora, infatti, la direzione gara ha riportato l’arrivo imminente della pioggia con un livello di classe 2, ovvero intermedio sulla loro scala. Proprio verso lo scoccare della 22ora è le previsioni si sono avverate, tanto da spingere i team a ontare la rain.

A breve distanza segue l’altra Toyota, la #7, con Jose Maria Lopez a bordo che, ricordiamo, ha dovuto sostituire Mike Conway per l’edizione di quest’anno dato l’infortunio dell’inglese. Alle spalle dell’argentino figura la prima Porsche, la #6 con Vanthoor al volante, seguita a sua volta dal duo Jota con Ilott e Rasmussen. La nona posizione è sempre ad appannaggio della casa tedesca, ma con la #5 guidata dal giovane talento Campbell.

Al momento si trova in top ten la Lamborghini #63, quello che sarebbe l’obiettivo della casa italiana, dato che in questo momento precede entrambe le due Peugeot in difficoltà, con la #94 davanti alla #93. Quattordicesima assoluta la Isotta Fraschini, che comunque non sta sfigurando in termini di potenziale e di gara fino ad ora completata.

#19 Lamborghini Iron Lynx Lamborghini SC63: Romain Grosjean, Andrea Caldarelli, Matteo Cairoli

#19 Lamborghini Iron Lynx Lamborghini SC63: Romain Grosjean, Andrea Caldarelli, Matteo Cairoli

Foto di: Marc Fleury

Anche in LMP2 è sfida aperta, con la United Autosports #22 che precede la Idec Sport #28 di circa una decina di secondi. Terza è la Inter Europol #34 che sta continuando a scalare la classifica verso l’alto fino a ripotarsi in zona podio. Attenzione anche a non sottovalutare la #183 di AF Corse e la #37 di Cool racing, perché i primi cinque di categoria sono racchiusi in circa venti secondi. Sempre in tema LMP2, AF Corse è messa in una buona posizione per vincere tra i Pro/AM.

In LMGT3 mantiene la testa della corsa Manthey Ema con la #91 targata Porsche, ma l’arrivo della pioggia ha aggiunto un’ulteriore incognita: al momento in seconda posizione c’è un’ottima BMW del team WRT con Sean Galael che sta ben figurato, il quale precede a sua volta le due Ford del team Proton con la #88 davanti alla #44. Quinte le Iron Dames con la vettura Lamborghini #85, mentre la pria Lexus è quella del team Akkodis in sesta posizione. Immediatamente alle sue spalle c’è un trio Ferrari con GR Racing davanti a Vista AF Corse e Spirti of Race.

FIA WEC - 24h di Le Mans: Classifica LIVE

Leggi anche:

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Le Mans | Mancinelli, sospiro di sollievo: illeso dopo il botto
Prossimo Articolo Le Mans | 23a ora: Toyota prova a sfruttare i problemi Ferrari

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia