L’ACO ha lanciato il progetto ‘MissionH24’ con una dimostrazione della GreenGT LM PH2G a idrogeno

condivisioni
commenti
L’ACO ha lanciato il progetto ‘MissionH24’ con una dimostrazione della GreenGT LM PH2G a idrogeno
Di: Daniela Piazza
25 set 2018, 15:18

La vettura sperimentale, realizzata con la collaborazione della GreenGT, è scesa in pista per dare un primo assaggio della mobilità del futuro, completando alcuni giri del circuito delle Ardenne e una prova di rifornimento.

Il quinto round stagionale dell’European Le Mans Series a Spa-Francorchamps ha fatto da cornice al lancio ufficiale del progetto ‘Mission H24’.

Un’iniziativa nata dalla volontà dell’Automobile Club de l’Ouest di promuovere e sviluppare la ricerca sull’uso dell’idrogeno come carburante, in vista del suo impiego nella 24 Ore di Le Mans del 2024, quando verrà realizzata una classe speciale per questo genere di vetture, che gareggeranno in una corsa a emissioni zero.

Primo passo verso una mobilità senza alcuna emissione di carbonio, fine ultimo dell’ACO, che vorrebbe portare questo nuovo tipo di carburante dalla pista alla strada, come già fatto con la tecnologia ibrida.

“L’idrogeno è il futuro perché puntiamo a una mobilità a emissioni zero – ha affermato il presidente dell’ACO Pierre Fillon - Il nostro ruolo è sviluppare tecnologie ad alte prestazioni e rispettose dell'ambiente”.

Per riuscire nel suo intento l’Automobile Club de l’Ouest ha unito le forze con l’azienda svizzera GreenGT, specializzata nella produzione di motori elettrico-idrogeno, e a Spa ha dato un primo assaggio delle sue intenzioni, facendo scendere in pista la GreenGT LM PH2G.

 

La vettura sperimentale spinta da quattro motori elettrici, azionati dall’elettricità prodotta dall’idrogeno nella pila a combustibile, ha completato una serie di giri dell’iconico circuito belga e una dimostrazione di rifornimento, con la volontà di mettere fine ai timori sull’uso dell’idrogeno come carburante.

Grazie alla natura gassosa dell’idrogeno, contenuto in serbatoi sigillati a una pressione di 700 bar, infatti, l’operazione è stata portata a termine, in totale sicurezza, da un addetto sprovvisto di tuta e casco.

Le dimostrazioni, condotte alla presenza del Direttore Generale della mobilità e trasporti della Commissione Europea, Henrik Hololei, si sono poi concluse nella giornata di domenica. La GreenGT LM PH2G è tornata in pista pilotata dal quattro volte vincitore della 24 Ore di Le Mans, Yannick Dalmas, per guidare il giro di formazione della gara dell’ELMS.

Prossimo articolo Le Mans
Vinci un posto sul podio e una parte dei $100,000 in palio con la Le Mans Esports Series

Articolo precedente

Vinci un posto sul podio e una parte dei $100,000 in palio con la Le Mans Esports Series

Prossimo Articolo

24 Ore di Le Mans: G-Drive perde l'appello, la vittoria della LMP2 resta alla Alpine

24 Ore di Le Mans: G-Drive perde l'appello, la vittoria della LMP2 resta alla Alpine
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Le Mans
Location Spa-Francorchamps
Autore Daniela Piazza
Tipo di articolo Ultime notizie