La 24 Ore di Le Mans introduce le slow zone fisse

condivisioni
commenti
La 24 Ore di Le Mans introduce le slow zone fisse
Di: Gary Watkins
Tradotto da: Matteo Nugnes
08 giu 2017, 13:34

Il sistema delle slow zone utilizzate alla 24 Ore di Le Mans è stato modificato per l'edizione 2017 della grande classica francese.

#92 Porsche Team Porsche 911 RSR: Michael Christensen, Kevin Estre, Dirk Werner
#31 Vaillante Rebellion Racing Oreca 07 Gibson: Nicolas Prost, Julien Canal, Bruno Senna
#45 Algarve Pro Racing Ligier JS P217 Gibson: Mark Patterson, Matt McMurry, Vincent Capillaire
#97 Aston Martin Racing Aston Martin Vantage: Darren Turner, Jonny Adam, Daniel Serra
#93 Proton Competition Porsche 911 RSR: Patrick Long, Abdulaziz Al Faisal, Mike Hedlund
#39 Graff Racing Oreca 07 Gibson: James Allen, Franck Matelli, Richard Bradley
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050 Hybrid: Anthony Davidson, Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima

Ora ci saranno nove zone prestabilite lungo il circuito di oltre 13 km, nelle quali i piloti potranno procedere solo ad 80 km/h in condizioni di Virtual Safety Car.

In precedenza non esisteva alcun punto di partenza per le slow zone, da quando il sistema è stato introdotto nel 2015: venivano fissati tra le postazioni dei commissari scelte dalla direzione gara caso per caso, a seconda di dove si erano verificati gli incidenti.

Vincent Beaumesnil, direttore sportivo dell'organizzazione di Le Mans, ha dichiarato a Motorsport.com: "I piloti avevano delle preoccupazioni circa il metodo utilizzato in precedenza, perché a volte erano costretti a rallentare ad 80 km/h in aree molto veloci del tracciato".

"Abbiamo deciso quindi di fissare delle zone fisse, che abbiano il loro punto di inizio in aree a bassa velocità, quindi dove le vettura ricominciano ad accelerare".

"L'unica eccezione è quella delle Virage Porsche, perché non abbiamo voluto una slow zone da Arnage fino a quel tratto".

Beaumesnil ha spiegato che il nuovo sistema non ha creato lamentele e che ha funzionato bene durante i test disputati la settimana scorsa.

"Abbiamo parlato con le squadre e i piloti e i commenti sono stati positivi" ha detto. "Non ci sono state preoccupazioni quando abbiamo presentato l'idea e, da quanto abbiamo sperimentato, sembra funzionare".

Secondo Beaumesnil, potrebbe esserci un'ulteriore evoluzione del concetto di slow zone a Le Mans, inoltre ha ribadito la convizione dell'ACO secondo cui queste sono preferibili all'uso costante della Safety Car.

"Abbiamo iniziato ad utilizzare le slow zone tre anni fa e stiamo facendo dei miglioramenti ogni anno" ha aggiunto.

"Se c'è una scelta tra la slow zone e la Safety Car, mentre ad esempio viene riparata una barriera, è una decisione facile".

Il nuovo sistema è stato comunicato alle squadre all'inizio dell'anno e poi discusso nel dettaglio con i piloti prima del briefing di domenica.

Prossimo Articolo
Porsche, Seidl: "Forse non riusciremo a competere con Toyota a Le Mans"

Articolo precedente

Porsche, Seidl: "Forse non riusciremo a competere con Toyota a Le Mans"

Prossimo Articolo

A Le Mans la penultima corsa della ByKolles?

A Le Mans la penultima corsa della ByKolles?
Carica commenti

Su questo articolo

Serie Le Mans
Evento 24 Ore di Le Mans
Location Circuit de la Sarthe
Autore Gary Watkins