Formula 1
02 lug
-
05 lug
Evento concluso
G
GP di Stiria
09 lug
-
12 lug
Prove Libere 1 in
3 giorni
MotoGP
17 lug
-
19 lug
Prossimo evento tra
9 giorni
G
GP di Andalusia
24 lug
-
26 lug
Prossimo evento tra
16 giorni
WRC
21 mag
-
24 mag
Evento concluso
16 lug
-
19 lug
Postponed
WSBK
G
Donington Park
03 lug
-
05 lug
Postponed
31 lug
-
02 ago
Canceled
Formula E
05 giu
-
06 giu
Evento concluso
G
ePrix di Berlino I
05 ago
-
05 ago
Prossimo evento tra
28 giorni
WEC
13 ago
-
15 ago
Prossimo evento tra
36 giorni
GT World Challenge Europe Sprint
07 ago
-
09 ago
Prossimo evento tra
30 giorni
11 set
-
13 set
Prossimo evento tra
65 giorni
GT World Challenge Europe Endurance
04 set
-
06 set
Prossimo evento tra
58 giorni

Insight: quale sarà il futuro della 24h di Le Mans e del WEC?

condivisioni
commenti
Insight: quale sarà il futuro della 24h di Le Mans e del WEC?
Di:
Co-autore: Charles Bradley, Featured writer
26 apr 2020, 16:45

Per l'ultima della nostra serie di interviste #thinkingforward di Charles Bradley e James Allen con i leader di tutti gli sport motoristici, parliamo di come la 24 Ore di Le Mans e le gare endurance in tutto il mondo usciranno da questa crisi pandemica con il Presidente dell'Automobile Club de l'Ouest Pierre Fillon e il CEO del WEC Gerard Neveu.

Cosa cambierà dopo il coronavirus?

Gerard Neveu: "Sicuramente avrà un impatto sul comportamento delle persone, perché abbiamo imparato molto e dovremo cambiare atteggiamento. Forse la frequenza dei viaggi potrà subire modifiche, ma anche il modo in cui organizziamo un evento, il modo in cui gestiamo gli spettatori, il modo in cui lavoriamo con il team sul posto sarà un po' diverso".

Pierre Fillon: "Sai, la nostra generazione non ha conosciuto la guerra, ma siamo di fronte a questa crisi folle. Penso tra sei mesi, forse un anno, a dove saremmo in termini di viaggi, di organizzazione di eventi e così via. Ma sono sicuro che tra due anni tutto tornerà come prima".

Pierre Fillon, ACO President

Pierre Fillon, ACO President

Photo by: Marc Fleury

Ritenete, come diversi leader con cui abbiamo parlato per questa serie, che lo sport abbia bisogno di usare questo momento per essere davvero audace? E quali passi sosterreste per plasmarlo al meglio per il futuro?

PF: "Sì, penso che in ogni crisi ci sia un'opportunità. Penso che il motorsport abbia vissuto un cambiamento prima di questa crisi con la visione delle giovani generazioni sul motorsport o la questione ambientale e penso che possiamo usare questa crisi per accelerare la nuova visione del motorsport".

GN: "La prima cosa che si impara quando ci si trova di fronte a una situazione come questa è quella di essere molto umili, perché alla fine non siamo nulla di fronte a questo tipo di situazione. Quello che questa crisi ci ricorda è che eravamo molto viziati. E non abbiamo prestato attenzione. Possiamo porci la domanda: "Siamo sicuri di non avere moltiplicato le gare nello stesso tempo? Perché ora siamo totalmente nei guai per quanto riguarda la ripresa del campionato. Abbiamo abbastanza concorrenti per soddisfare i diversi mercati e i diversi campionati?”.

"Questa crisi ci ha chiesto di avere una visione globale; non c'è campionato che non si sia trovato in una posizione così fragile in questi due mesi. Forse se c'è troppa offerta sul mercato. Forse tra i diversi organizzatori dovremmo riconsiderare come gestire insieme questo mercato globale per essere sicuri che non ci sia troppa offerta”.

"Ho sempre detto a Pierre: 'Le Mans è diverso'. Questo è un grande evento, come Indianapolis o forse Daytona o Sebring, o qualche gran premio di Formula 1, per esempio. La vera realtà è che Le Mans è un'eccezione. Quindi non si può prendere Le Mans come riferimento. Le Mans è Le Mans, è come il Monte Everest”.

"Sicuramente nel prossimo futuro il mercato non sarà più grande, potrà essere solo più piccolo. Non possiamo immaginare che domani ci saranno sempre più concorrenti, perché prima di tutto la gente dovrà riprendersi. Abbiamo un settore di eventi dal vivo con i team ufficiali, ma guardate la situazione dei produttori. Dovranno prima affrontare il loro lavoro principale che è quello di vendere automobili. Dovranno riprendersi da una situazione che non hanno mai conosciuto prima. Penso che in Europa il mercato stia crollando di qualcosa come il 55% negli ultimi due mesi, il che è sorprendente".

"Il motorsport rimarrà di sicuro perché il motorsport è una vera e propria industria e questa fa parte di questo lavoro”.

Gerard Neveu, CEO WEC

Gerard Neveu, CEO WEC

Photo by: Adrenal Media

PF: "Penso che il motorsport continuerà sicuramente anche dopo la crisi, ma per i costruttori il problema principale non sarà il motorsport nei prossimi mesi. Hanno bisogno di sopravvivere, hanno bisogno di riprendere le attività. E abbiamo visto in questo momento che non è molto facile. Per esempio Toyota ha cercato di ripartire in Francia e i sindacati non sono stati di grande aiuto. Ho parlato con la Peugeot ieri e hanno bisogno di risparmiare i loro soldi per poter affrontare questa situazione per i prossimi mesi. Spendono soldi ma non hanno reddito. E’ una situazione molto difficile, ma credo che gli sport motoristici continueranno. Ok, Le Mans è una gara mitica, ma Le Mans ha bisogno dell’ELMS. Le Mans ha bisogno di tutte le serie continentali per avere 60 auto sulla griglia di partenza".   

"E ciò che è importante per me, se vogliamo mantenere i produttori, è accelerare lo sviluppo della nuova tecnologia a zero emissioni. Per l'ACO l'idrogeno è molto importante e per noi è un'opportunità per accelerare lo sviluppo del prodotto perché penso che in ogni consiglio di amministrazione questo aspetto sarà fondamentale nella decisione di continuare nel motorsport. Ma questo non basta. Nel motorsport abbiamo i produttori, ma abbiamo gentleman driver e corsari e così via. Penso che sia molto importante ridurre i costi".

"Abbiamo iniziato a farlo da qualche tempo perché in LMP1 il budget richiesto è di circa 100 milioni di euro all'anno per Toyota, mentre con il regolamento Le Mans Hypercar si sa già che il budget sarà di 25 milioni. Inoltre lanceremo la LMDh, una piattaforma in grado di correre in WEC, 24 ore di Le Mans e IMSA, per meno di 20 milioni. Quindi dobbiamo pensare a come ridurre il costo della logistica, del numero di persone in pista e così via. Se non lo facciamo, credo che il motorsport sia davvero in pericolo. Quindi dobbiamo essere innovativi".

Pierre Fillon, President ACO, Shigeki Tomoyama, President Gazoo Racing

Pierre Fillon, President ACO, Shigeki Tomoyama, President Gazoo Racing

Photo by: Toyota Racing

Le Mans è molto più di una gara automobilistica, come si dice, è una grande festa per gli appassionati che si riuniscono per godersi un evento da favola. Ma è una ipotesi lo svolgimento a porte chiuse?

PF: "Sì, è un'opzione. In questo momento, nessuno sa cosa succederà a settembre! Abbiamo molti grandi eventi in Francia prima di allora, come il Tour de France e il Roland Garros. Siamo in grado di organizzare un evento con più di 100.000 persone? Non conosco la risposta. Se si ascolta il nostro Presidente, forse dopo la metà di luglio qualcosa sarà possibile, ma se si ascolta la Merkel, non ci sarà alcun evento prima della fine di agosto. Ho appena letto che l’Oktoberfest 19 è stato cancellato, quindi nessuno sa cosa accadrà”.

"Abbiamo tre opzioni: la prima è che ci sarà permesso di gestire il nostro evento con i fan, magari con alcuni vincoli come le maschere e così via. La seconda opzione è che non avremo più di 5.000 persone, o qualcosa del genere. Quindi è una buona opzione per la TV, ma non per gli spettatori che vogliono partecipare e di sicuro questa non è una vera Le Mans. Poi abbiamo l'opzione 3, cioè che sarà impossibile organizzare la 24 Ore di Le Mans. Di sicuro, speriamo che non sia questa l'opzione! Ma, in questo momento, non possiamo escluderlo".

GN: "Noi organizzatori WEC siamo più propensi a tenere eventi a porte chiuse. Abbiamo rispetto per tutti i nostri eventi, ma il nostro obiettivo, la nostra priorità per il campionato è che i produttori e tutte le nostre squadre si assicurino di poter onorare i contratti che hanno per completare la stagione. E questo vale per i piloti e gli sponsor, tutte le persone coinvolte, tutti team professionisti. E, inoltre, che possano prepararsi correttamente per Le Mans”.

"Stiamo parlando anche con altri campionati, come la Formula 1 e la Formula E, e ci stiamo assicurando di evitare sovrapposizioni in Europa. Avremo molte gare nella stessa zona allo stesso tempo, dobbiamo stare attenti a questo. Direi che entro la metà di giugno sarà un buon periodo per prendere una decisione. Procediamo passo dopo passo, decideremo quando avremo tutte le informazioni".

Le Mans 24 Hours Trophy arrives in a car driven by Pierre Fillon, President ACO

Le Mans 24 Hours Trophy arrives in a car driven by Pierre Fillon, President ACO

Photo by: JEP / Motorsport Images

Settembre può essere considerata una ultima data per l’inizio della stagione 2020?

PF: "Certo. Se alla fine di luglio le autorità ci diranno che sarà impossibile correre a settembre ma invece sarà possibile farlo a ottobre o novembre lo faremmo. Non sarà la stessa 24 Ore a cui siamo abituati, ma siamo professionisti e abbiamo ottimi piloti. L'anno scorso abbiamo corso a Spa sulla neve".

GN: "Se si pensa alle parti di una casa, Le Mans è chiaramente il pilastro centrale di tutti i programmi di auto sportive. Quindi è necessario proteggere il pilastro centrale se si vuole mantenere solida la propria casa. Se avete dei danni, dovete prima proteggere questa parte ".

Pierre Fillon, ACO President, Jim France, IMSA Chairman, Gerard Neveu, FIA WEC CEO, John Doonan, IMSA President, and Ed Bennett, IMSA CEO

Pierre Fillon, ACO President, Jim France, IMSA Chairman, Gerard Neveu, FIA WEC CEO, John Doonan, IMSA President, and Ed Bennett, IMSA CEO

Photo by: Michael L. Levitt / Motorsport Images

Com'è il rapporto con l'IMSA?

GN: "Manteniamo la nostra partnership con l'IMSA. Mi sento telefonicamente con Jon Doonan ogni due o tre giorni. Pierre e io abbiamo un comitato direttivo più o meno una volta alla settimana, compresa l'IMSA. Siamo alle fasi finali per il regolamento LMDh. Tutti si trovano ad affrontare esattamente la stessa situazione. Jon deve rivedere il suo calendario ogni due settimane, quindi ci teniamo in contatto per assicurarci che quando si sposta una data, questa non influisca sul WEC e sull'ELMS. Dobbiamo fare attenzione alle date delle gare e proteggere questo rapporto. Fare qualcosa di sbagliato con l'IMSA sarebbe tanto grave quanto fare qualcosa di sbagliato a noi stessi".

Pierre Fillon, ACO President, Gerard Neveu, FIA WEC CEO

Pierre Fillon, ACO President, Gerard Neveu, FIA WEC CEO

Photo by: Art Fleischmann

Qual è la situazione del regolamento LMDH?

PF: "Posso dire che, naturalmente, avremmo dovuto annunciare il regolamento a Sebring. Da allora il lavoro è continuato. Prima di tutto, il rapporto con l'IMSA è eccellente. Credo che oggi abbiamo un regolamento tecnico, e stiamo ultimando solo piccoli dettagli. Dopo questa crisi non abbiamo altra scelta se non quella di avere successo con questo progetto. È molto importante per il futuro delle auto sportive. Per me è fondamentale. E' quasi finito e penso che tra due settimane potremo annunciare le linee guida del regolamento".

GN: "ACO e IMSA sono probabilmente le due migliori associazioni al mondo per gestire le corse di auto sportive. Dobbiamo essere di nuovo umili. Quindi, per parlare di LMDh come parliamo ora, se si guarda a un anno fa, nessuno era pronto a scommettere su questo progetto. Dobbiamo fare un passo alla volta. Prima di tutto, se saremo in grado di realizzare molto bene il regolamento LMDh questo ci aiuterà a fare qualcosa di meglio in futuro. Pierre ha ragione quando dice che l'automobilismo sportivo tornerà. Non si può distruggere un'industria così grande. Ma dovremo ricordarcene, rimanere umili e provvedere solo all'interesse della comunità delle corse automobilistiche".

PF: "Dobbiamo andare passo dopo passo. Un anno fa non si poteva immaginare che i grandi produttori accettassero di usare un altro telaio e non il proprio. Era qualcosa di impossibile per loro, mentre oggi è possibile. Tutto è cambiato. Lavoriamo passo dopo passo, quindi dobbiamo raggiungere l'LMDh, e penso che siamo sulla buona strada. Dopo di che cercheremo di vedere cosa possiamo condividere e cosa possiamo fare insieme all'IMSA. Penso che ci siano molte possibilità".

Le Mans eSport series area

Le Mans eSport series area

Photo by: Paul Foster

Qual è la vostra impressione sulla crescita degli Esports durante questa pandemia?

GN: "Per me c'è un vero spazio le gare virtuali, ma non credo che sostituiranno il vero sport motoristico in pista. Tuttavia sarà un'attività complementare obbligatoria se si vuole fidelizzare la prossima generazione di appassionati, e questo riguarda non solo i fan ma anche i piloti. Gli Esports aiutano a rimanere in contatto con una nuova generazione di persone a livello globale, media, appassionati, piloti e così via. È come un linguaggio che si usa per condividere la passione degli sport motoristici. La sensazione è che dobbiamo essere in questo spazio”.

"Questo è il motivo per cui abbiamo lanciato due anni fa il campionato Le Mans Esports in collaborazione con Motorsport Games. Sentivamo che era molto importante essere in questo campo. Il vero obiettivo è quello di realizzare i propri giochi perché sono in grado di mostrare ciò che si sta producendo. Questo è come un prodotto dedicato che rendi accessibile a tutti gli appassionati ed ai partner. Il fatto è che questa crisi è stata come un acceleratore per gli Esports, ne ha accelerato la la visibilità e l'interesse, ma in futuro, quando le attività riprenderanno in pista, questi dovranno essere una categoria complementare”.

PF: "Voglio solo aggiungere che penso che gli Esports siano uno strumento fantastico. È un ponte tra la nuova generazione e la vecchia generazione. È un modo fantastico per avvicinare i giovani agli sport motoristici. Sicuramente dobbiamo sviluppare questa categoria che ora è un vero e proprio sport. Ho seguito il Gran Premio di Cina questo fine settimana ed è stato interessante vedere Charles Leclerc e gli altri piloti. Forse è stato qualcosa di quasi reale. Dobbiamo usare questa piattaforma per far crescere l'interesse per il motorsport tra i giovani".

Prossimo Articolo
Fillon: "Il regolamento LMDh è vitale, l'avremo in 15 giorni"

Articolo precedente

Fillon: "Il regolamento LMDh è vitale, l'avremo in 15 giorni"

Prossimo Articolo

Crawley: "Si andrà molto più forte correndo Le Mans a settembre"

Crawley: "Si andrà molto più forte correndo Le Mans a settembre"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie Le Mans , WEC
Autore James Allen