Alonso: "Buone le prime sessioni, i sorpassi di notte sembrano più facili"

condivisioni
commenti
Alonso:
Giacomo Rauli
Di: Giacomo Rauli
14 giu 2018, 09:25

Lo spagnolo ha potuto approcciare la pista di Le Mans anche in notturna e ha iniziato a prendere i riferimenti in vista della gara, anche se, probabilmente, farà solo uno stint con il buio.

#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Fernando Alonso
#8 Toyota Gazoo Racing Toyota TS050: Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima, Fernando Alonso

Ogni edizione della 24 Ore di Le Mans ha un fascino particolare, capace di regalare spunti d'interesse di una certa rilevanza. Quella 2018 presenta in particolar modo un pilota capace di catalizzare l'attenzione su di sé per il proprio blasone e il suo talento.

Fernando Alonso ha debuttato ieri pomeriggio al volante della Toyota TS050 Hybrid nelle prime due sessioni ufficiali della 24 Ore di Le Mans 2018. Lo spagnolo ha avuto modo di prendere confidenza con la pista con la luce del giorno, mentre nella seconda sessione ha guidato nell'oscurità, con la notte protagonista.

Al termine del secondo turno, l'asturiano si è concesso ai microfoni dei media e ha raccontato le sue impressioni dopo il debutto con Toyota sul mitico tracciato della Sarthe.

Fernando, come sono andati i primi turni ufficiali a Le Mans con la Toyota TS050 Hybrid?
"E' andato tutto bene, abbiamo fatto due buone sessioni. Nel corso della sessione svolta di pomeriggio abbiamo provato tante cose diverse, specialmente le gomme con diverse temperature. I dati che abbiamo raccolto nei giorni di test svolti due settimane fa erano stati presi su una pista molto più calda. C'era molto più sole".

"Stanotte abbiamo fatto il nostro minor numero di giri necessario per qualificarci e avere determinati riscontri in un paio di curve. C'è ancora molto da imparare e da migliora, ma si sono sentito piuttosto a mio agio e credo che sia stato un giorno positivo per il team".

Com'è stato guidare di notte?
"Il team mi ha detto che sarebbe stato più facile rispetto alle prove fatte. Avevamo fatto tante prove ad Aragon e Portimao, ma faceva davvero buio perché non c'erano luci e nessuna vettura in pista con me. Qui mi hanno detto che sarebbe stato più illuminato, perché giriamo su strade pubbliche, ma a essere onesti era molto buio anche qui. Qualche curva è più oscura di altre. Ho cercato di prendere qualche riferimento".

Come giudichi i sorpassi in notturna?
"Non cambia nulla, forse sono più facili. Quando sei nel traffico nel corso della notte con le luci è possibile comprendere di più le differenze di velocità. Non capisco se si tratti di prototipi LMP2 o vetture GT, ma penso che di notte sia più facile superare".

Preferisci guidare di notte o di giorno?
"Non c'è una grande differenza. E' speciale farlo sia di giorno che di notte. In giugno la notte è molto corta, non so quale stint di gara farò. Al massimo farò uno stint di notte. L'importante è restare calmi e essere più costanti possibile".

Prossimo Articolo
Bruni: "Ho voluto dimostrare il valore della Porsche 911 RSR in un solo giro"

Articolo precedente

Bruni: "Ho voluto dimostrare il valore della Porsche 911 RSR in un solo giro"

Prossimo Articolo

Fotogallery Le Mans: ecco gli scatti più belli dei primi due turni di prove

Fotogallery Le Mans: ecco gli scatti più belli dei primi due turni di prove
Carica commenti