24h Le Mans, 9a Ora: Toyota in fuga, lotta Aston-Ferrari

La notte agita la 24 Ore di Le Mans con due safety car per i botti di Spengler con la ByKolles e di Gommendy con la Oreca. La pioggia appare ma in modo sporadico nel dominio delle due Toyota in fuga sulle staccate Rebellion. In LMP2 è dominio United Autosport, mentre in LMGTE Pro è battaglia fra l'Aston Martin e la Ferrari. LMGTE Am allungano le vetture inglesi, ma terza è la Porsche di Cairoli.

24h Le Mans, 9a Ora: Toyota in fuga, lotta Aston-Ferrari

Allo scadere della mezzanotte, dopo 9 ore e mezza di gara, la 24 Ore di Le Mans ha un fisionomia delineata per le due classi riservate ai Prototipi, mentre nei due raggruppamenti delle GT la battaglia sembra apertissima quanto appassionante. L

La Toyota mena la danza come previsto in LMP1: la TS050 Hybrid di Kamui Kobayashi, José-Maria Lopez e Mike Conway continua a dettare il passo con la #7 che ha percorso 147 giri senza problemi, mentre la #8 di Sébastien Buemi, Kazuki Nakajima e Brendon Hartley sulla #8 è a un giro dopo la sosta che si è resa necessaria per un intervento alle brake duct anteriori che sono state prontamente sostituite.

Si staccano le Rebellion: la #1 di di Bruno Senna, Gustavo Menezes e Norman Nato è stata doppiata per la seconda volta seguita a un minuto e mezzo da quella gemella di Nathanael Berthon, Romain Dumas, Louis Deletraz (#3), rispettivamente terza e quarta, ma in lotta per un posto sul podio.

Bruno Spengler alle 21 ha sbattuto violentemente la Enso CLM P1/01 ByKolles che divideva con Tom Dillmann e Oliver Webb alla chicane del ponte Dunlop: il tedesco ha conciato la macchina ma ha provato a tornare ai box con il “relitto”: la vettura è ferma da oltre 50 giri ed è sprofondata nelle retrovie. L’intervento di soccorso ha richiesto l’ingresso delle safety car per la seconda volta.

La neutralizzazione è stata lunga perché nel frattempo ha sbattuto anche Tristan Gommendy con la Oreca #30 del Duqueine Team alla prima chicane del rettilineo dell’Hunaudieres. Prima di far ripartire la corsa è stato necessario ripristinare le barriere di sicurezza.

In LMP2 si consolida la posizione del team United Autosport che controlla la classe con le due Oreca: al comando c’è la #32 di Alex Brundle, Job Van Uitert, Will Owen seguita dalla #22 di Filipe Albuquerque, Paul Di Resta, Phil Hanson, ma attenzione alla rimonta di Jota Sport (#38 Roberto Gonzalez, Anthony Davidson, Antonio-Felix Da Costa) che si attesta al terzo posto con pieno merito, davanti a Canal con la Oreca #31 della Panis Racing.

La Oreca #37 del team Jackie Chan DC Racing che comandava la LMP2 è uscita dalla battaglia he conta ed è finita nelle retrovie con problemi che hanno costretto la Oreca #37 a una lunga sosta nel garage.

Non è andata meglio alla Aurus #26 della G-Drive Racing (Jean-Eric Vergne, Mikkel Jensen, Roman Rusinov) alle prese con una vera agonia dovuta a un problema elettrico che ha costretto il russo a un lentissimo rientro ai box con frequenti soste lungo la pista e continui black out. Una volta tornato al box la grana è stata risolta in fretta, ma intanto la vettura è scivolata all’11esimo posto.

Nella notte era attesa copiosa la pioggia, ma per il momento ci sono stati solo un paio di scrosci che hanno bagnato diverse zone del tracciato rendendo la pista molto insidiosa.

In LMGTE Pro l’Aston Martin ha preso il comando con la #97 di Martin, ma è seguita a 15 secondi dalla 488 di Daniel Serra (#51) e da Sam Byrd (#71). La Ferrari è in partita e può contare su un attacco a due punte nella lunga notte della Sarthe.

Le Porsche è solo sesta con Frédéric Makowiecki-Gimmi Bruni-Richard Lietz (#91) che non ha mai preso il passo e difetta di velocità massima sui lunghi rettilinei.

In LMGTE Am allungano le Aston Martin di Paul Dalla Lana-Ross Gunn-Augusto Farfus (#98) e Salih Yoluc-Jonathan Adam-Charles Eastwood (#90), separate di quasi mezzo minuto.

La Ferrari #75 di Iron Lynx dopo essere risalita in terza piazza con Andrea Piccini, Rino Mastronardi e Matteo Cressoni ha dovuto tirare i remi in barca per un problema alla scatola dello sterzo che ha tenuto la 488 bloccata nel garage a lungo, facendola precipitare al 12esimo posto di classe.

Il podio, quindi, è nelle mani della Porsche #56 del team Project 1 che ha in Matteo Cairoli il protagonista di spicco insieme a Perfetti e Ten Voorde.

condivisioni
commenti
24h Le Mans, 6a Ora: scintille Aston-Ferrari, Toyota imprendibili
Articolo precedente

24h Le Mans, 6a Ora: scintille Aston-Ferrari, Toyota imprendibili

Prossimo Articolo

24h Le Mans, 18a Ora: le Toyota sudano freddo

24h Le Mans, 18a Ora: le Toyota sudano freddo
Carica commenti
WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh Prime

WEC-IMSA: che scenari si aprono con la convergenza Hypercar-LMDh

Dopo che FIA ed IMSA hanno raggiunto l'accordo per fare correre le Hypercar del FIA World Endurance Championship contro le LMDh in IMSA WeatherTech SportsCar Championship dal 2023, vediamo quali scenari si possono aprire per team, piloti, Case, calendari e format di gara.

WEC
17 set 2021
Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021
Toyota: con la Hypercar trionfa la Supercazzola Prime

Toyota: con la Hypercar trionfa la Supercazzola

A Spa ha vinto la GR010 Hybrid #8, ma la settimana belga è stata caratterizzata più dalle lamentele che i giapponesi hanno mosso a FIA WEC ed ACO sulle gestioni dei nuovi regolamenti, risultate poi infondate con relativa figuretta...

WEC
6 mag 2021
Pirro, nuova vita in Lamborghini: "SCV12 fatta per emozionare" Prime

Pirro, nuova vita in Lamborghini: "SCV12 fatta per emozionare"

In questa intervista esclusiva di Motorsport.com, il cinque volte vincitore di Le Mans racconta l'avventura con la Casa del Toro partita con l'Essenza Hypercar, ma anche di programma giovani e futuro roseo che vede per WEC e IMSA coi nuovi regolamenti.

WEC
29 apr 2021
Chinchero racconta Alonso (pt.3) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.3) - It's a long way to the top

Tredicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la terza e ultima puntata sull'asturiano. Buon ascolto!

Formula 1
26 apr 2021