Due forature costano il podio a Ruberti e Roda

Dopo il botto di Montecalvo in qualifica, questo risultato sembrava alla portata della Ferrari della 8 Star

Due forature costano il podio a Ruberti e Roda
Carica lettore audio
La 24 Ore di Le Mans ha regalato come da tradizione imprevisti e colpi di scena, alcuni dei quali hanno coinvolto Paolo Ruberti e i suoi compagni di equipaggio Gianluca Roda e Frankie Montecalvo. Il pilota veronese, alla sua quinta partecipazione alle gara più importante del mondo, ha chiuso al quarto posto di classe LMGTE-Am dopo aver mantenuto a lungo la terza posizione che sarebbe valso alla Ferrari numero 90 un prestigioso podio. "In qualifica le cose non erano iniziate bene per noi a causa di un incidente che ha coinvolto Frankie e che ci ha fatto perdere gran parte della Q1" ha raccontato Ruberti. "I meccanici del team 8 Star hanno fatto un gran lavoro per riparare la macchina, ma un problema elettrico ci ha impedito di disputare la Q2. In Q3 io e Gianluca siamo finalmente riusciti a girare, mentre Frankie è rimasto vittima purtroppo di un altro incidente. Nonostante queste premesse sapevamo che la gara sarebbe stata un'altra cosa e non abbiamo mollato: nel primo stint ho subito recuperato diverse posizioni, ma dopo circa un'ora e mezza una foratura mi ha fatto perdere diverso tempo. La successiva scelta di rimanere con le slick anche sotto quello che si è rivelato un temporaneo scroscio di pioggia ci ha poi permesso di recuperare e il mattino il terzo posto sembrava ormai consolidato. Purtroppo invece un'ulteriore foratura ci ha fatto perdere minuti preziosi, impossibili da recuperare nelle ultime ore. Portare a termine questa gara è sempre una bella soddisfazione, ma rimane un po' di rammarico per non essere tornato su uno dei podi più importanti del mondo".
condivisioni
commenti

Ferrari, quando il Prototipo per la 24 Ore di Le Mans?

Rigon pensa già al 2015: "Voglio un pronto riscatto"