24 Ore di Le Mans: G-Drive perde l'appello, la vittoria della LMP2 resta alla Alpine

condivisioni
commenti
24 Ore di Le Mans: G-Drive perde l'appello, la vittoria della LMP2 resta alla Alpine
Di: Gary Watkins
Tradotto da: Matteo Nugnes
02 ott 2018, 16:24

La G-Drive Racing ha perso il suo appello contro la squalifica patita alla 24 Ore di Le Mans dopo aver vinto la classe LMP2.

L'esclusione della Oreca-Gibson della G-Drive e della vettura gemella della TDS Racing, che aveva chiuso al quarto posto in LMP2, è stato confermata dal Corte Internazionale d'Appello della FIA.

Il verdetto, che segue l'udienza svolta a Parigi lo scorso 18 settembre, conferma di fatto anche la vittoria di classe della Signatech Alpine nella grande classica francese, valida come secondo appuntamento della superstagione 2018/2019 del FIA WEC.

Questo vuol dire anche che la Oreca della Graff rimane in seconda posizione e la Ligier della United Autosports conserva il gradino più basso del podio.

Il tribunale ha confermato la decisione dei commissari, secondo cui la TDS aveva modificato il suo sistema di rifornimento, in modo da completare l'operazione in maniera significativamente più veloce rispetto ai concorrenti della stessa classe.

La Oreca della G-Drive, sulla quale al volante si erano alternati Jean-Eric Vergne, Roman Rusinov ed Andrea Pizzitola aveva letteralmente dominato la classe LMP2, vincendo con un margine di due giri sugli inseguitori.

Il tribunale ha dichiarato che la modifica al sistema di rifornimento rendeva l'operazione più rapida del 25% circa, portando un guadagno di circa 6-10 secondi in occasione di ogni pit stop.

La TDS aveva modificato il suo impianto introducendo una componente tra la valvola cut-off ed il limitatore di flusso, che serve proprio a ridurre la velocità del rifornimento.

Il team francese si è difeso dicendo che si trattava di un'importante innovazione tecnica, aggiungendo che non esiste una regolamentazione tecnica specifica per quanto riguarda i raccordi tra il limitatore di flusso e la valvola cut-off.

La modifica ha aumentato la velocità del flusso del carburante, riducendone la turbolenza. Tuttavia, la corte ha rilevato che il componente aggiuntivo sporgeva sul limitatore di flusso, quindi questo costituiva una violazione delle norme. Inoltre ha aggiunto che non è consentito rendere ridondante una parte conforme con un'altra componente.

#28 TDS Racing Oreca 07 Gibson: François Perrodo, Matthieu Vaxiviere, Loic Duval

#28 TDS Racing Oreca 07 Gibson: François Perrodo, Matthieu Vaxiviere, Loic Duval

Photo by: Marc Fleury

Prossimo articolo Le Mans
L’ACO ha lanciato il progetto ‘MissionH24’ con una dimostrazione della GreenGT LM PH2G a idrogeno

Articolo precedente

L’ACO ha lanciato il progetto ‘MissionH24’ con una dimostrazione della GreenGT LM PH2G a idrogeno

Carica commenti

Su questo articolo

Serie Le Mans
Team G-Drive Racing
Autore Gary Watkins
Tipo di articolo Ultime notizie