L'Audi vince la 24 Ore più combattuta della storia!

La R18 TDI di Treluyer-Lotterer-Fassler batte di soli 13 secondi la tripletta della Peugeot

L'Audi vince la 24 Ore più combattuta della storia!
L'Audi vince la più bella 24 Ore di Le Mans della storia, incalzata fino all'ultimo giro dalla migliore Peugeot. Il successo è andato alla R18 TDI superstite, dopo che quelle di McNish e Rockenfeller sono uscite di scena in drammatici incidenti. L'equipaggio formato da Treluyer-Lotterer-Fassler ha meritato il successo nella maratona della Sarthe, che si è corsa al ritmo di un Gran Premio nell'arco delle 24 Ore e che ha coperto la distanza percorrendo 355 giri con un margine finale di soli 13 secondi! Una sfida fantastica che ha tenuto i quasi 250 mila spettatori ai bordi della pista francese in un susseguirsi di colpi di scena. L'Audi ha schierato una vettura totalmente nuova certamente più prestazionale della 908 HDI, ma anche più assetata di carburante: in pista si sono un po' ribaltati i ruoli rispetto allo scorso anno, quando erano le biposto francesi a dettare il passo di gara, mentre quelle tedesche badavano alla regolarità delle prestazioni e ad allungare i pit stop. Alla Peugeot di Bourdais-Lamy-Pagenaud non sono bastate tre soste in meno (28 contro 31) per mettere in crisi la supremazia della R18 TDI. È stata una sfida appassionante che ha messo in risalto la maturità di Benoit Treluyer, il giovane francese che corre con la licenza giapponese e che nella notte ha costruito una parte importante della vittoria allungando i suoi stint di gara consecutivi per quasi quattro ore. È una 24 Ore di Le Mans che si è completata solo sotto la bandiera a scacchi e si è evitata la tradizionale parata che da sempre contraddistingue l'ultimo giro d'onore con due vetture racchiuse in pochi secondi. L'Audi, guidata dall'abile condottiero Wolfgang Ullrich, ha messo in scacco tre Peugeot 908 HDI. Al terzo posto si è classificata la vettura di Sarrazin-Montagny-Minassian, staccata di due giri davanti alla vettura gemella di Davidson-Wurz-Gené piazzata a quattro giri. L'Audi ha vinto perché ha avuto il coraggio di osare, tenendo le gomme slick quando piovigginava, mentre i francesi hanno sempre scelto tattiche più conservative che alla fine non hanno pagato. La Casa transalpina potendo disporre di un attacco a tre punte forse poteva osare qualcosa di più, nel tentativo di mettere i bastoni fra le ruote ai tedeschi, rinunciando magari all'ostruzionismo piuttosto sfacciato che si è visto più volte nei doppiaggi. Spaventosi gli incidenti che hanno visto protagonisti Rockenfeller e McNish: vetture distrutte, ma piloti praticamente incolumi. Mike ha voluto essere al podio per festeggiare il successo dei colleghi e ha chiesto di essere dimesso dall'ospedale di Le Mans dove era ricoverato solo per precauzione. Da segnalare il sesto posto assoluto della Lola-Toyota della Rebellion Racing che si è aggiudicata il ruolo di migliore LMP1 a benzina ed ha sfruttato il ritiro a due ore dalla fine della Pescarolo: l'affermazione è andata all'equipaggio di Prost jr-Jani-Bleekemolen. In LMP2 successo della Zytek Nissan della Greaves Motorsport di Ojjeh-Kimber-Smith-Lombard davanti alla Oreca-Nissan della Signatech con Ayari-Mailleux-Ordonez e alla Lola-Honda della Level 5 Motorsport di Bouchut-Tucker-Barbosa. Appassionante anche la sfida nella classe GTE-Pro dove la Chevrolet Corvette C6 Z ufficiale di Garcia-Beretta-Milner ha avuto la meglio della Ferrari 458 dell'AF Corse di Fisichella-Bruni-Vilander. L'equipaggio italiano ha cercato di recuperare nel finale dopo aver accusato problemi alla frizione e ad un calo di motore . Al terzo posto si è inserita la BMW M3 di Priaulx-Muller-Hand, mentre ha deluso le aspettative la Porsche che non è mai stata in gara. Nella classe GTE-Am doppietta della Larbre Competition che ha portato al successo la Chevrolet Corvette C6 ZR1 di Gardel-Bornhauser-Canal davanti alla Porsche 911 RSR di Belloc-Bourret-Gibon. 24 Ore di Le Mans - Classifica finale
condivisioni
commenti
Gara ancora apertissima a 2 ore dalla fine

Articolo precedente

Gara ancora apertissima a 2 ore dalla fine

Prossimo Articolo

Ullrich: "Un altro giro e non avremmo finito la gara"

Ullrich: "Un altro giro e non avremmo finito la gara"
Carica commenti
Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti... Prime

Le Mans 1991: Mazda e un successo a sorpresa. Per tutti...

La mitica Mazda 787 è considerata una delle più popolari auto vincitrici della 24 Ore di Le Mans, ma fino al suo successo a sorpresa di 30 anni fa, non era mai stata considerata come favorita. Tutto ciò non sarebbe stato possibile senza un nuovo partner tecnico, alcune astute manovre politiche e un curioso 'autogol' di un rivale.

WEC
14 ago 2021
Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar Prime

Analisi Peugeot: la 9X8 fa sembrare vecchie le altre Hypercar

In questo nuovo video di Motorsport.com, Francesco Corghi e Beatrice Frangione raccontano in dettaglio la nuovissima Hypercar della Casa del Leone: scopriamola assieme con tutte le immagini raccolte durante la presentazione.

WEC
23 lug 2021
Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar! Prime

Le Mans: Alpine e LMP2 possono sgambettare le Hypercar!

Le Hypercar di Toyota e Glickenhaus saranno le grandi protagoniste della 24h di agosto, ma la 'vecchia' Alpine LMP1 e le Oreca 07-Gibson della seconda categoria hanno molte carte a loro favore. Scopriamo quali e perché.

Le Mans
21 lug 2021
La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar? Prime

La buona, la brutta, la cattiva: con Peugeot è svolta Hypercar?

La Casa del Leone ha presentato la sua 9X8, che va ad aggiungersi alle già presenti e attive Toyota e Glickenhaus. Ma le forme definite "rivoluzionarie" del prototipo francese possono portare finalmente a qualcosa di distinguibile e vario nell'endurance e a Le Mans.

WEC
11 lug 2021
Toyota: con la Hypercar trionfa la Supercazzola Prime

Toyota: con la Hypercar trionfa la Supercazzola

A Spa ha vinto la GR010 Hybrid #8, ma la settimana belga è stata caratterizzata più dalle lamentele che i giapponesi hanno mosso a FIA WEC ed ACO sulle gestioni dei nuovi regolamenti, risultate poi infondate con relativa figuretta...

WEC
6 mag 2021
Pirro, nuova vita in Lamborghini: "SCV12 fatta per emozionare" Prime

Pirro, nuova vita in Lamborghini: "SCV12 fatta per emozionare"

In questa intervista esclusiva di Motorsport.com, il cinque volte vincitore di Le Mans racconta l'avventura con la Casa del Toro partita con l'Essenza Hypercar, ma anche di programma giovani e futuro roseo che vede per WEC e IMSA coi nuovi regolamenti.

WEC
29 apr 2021
Chinchero racconta Alonso (pt.3) - It's a long way to the top Prime

Chinchero racconta Alonso (pt.3) - It's a long way to the top

Tredicesima puntata di It's a long way to the top, rubrica podcast di Roberto Chinchero in cui, la prima firma di F1 di Motorsport.com, racconta attraverso aneddoti la scalata alla F1 di Fernando Alonso. Ecco a voi la terza e ultima puntata sull'asturiano. Buon ascolto!

Formula 1
26 apr 2021
Le Mans '79: la riparazione ingegnosa che beffò Paul Newman Prime

Le Mans '79: la riparazione ingegnosa che beffò Paul Newman

Paul Newman avrebbe potuto conquistare l'edizione del 1979 della 24 Ore di Le Mans se solo una geniale intuizione di Manfred Kremer non avesse risolto un problema imprevisto sulla vettura di Ludwig e dei fratelli Whittington.

Le Mans
25 apr 2021