Will Power centra il successo a Gateway e tiene vive le speranze per il titolo

condivisioni
commenti
Will Power centra il successo a Gateway e tiene vive le speranze per il titolo
David Malsher
Di: David Malsher
26 ago 2018, 06:44

Il pilota del team Penske ha centrato la terza vittoria stagionale, e la numero 35 in carriera, ed è riuscito a reinserirsi nella lotta tra Dixon e Rossi.

Scott Dixon ha effettuato una buona partenza dalla pole, a differenza di Alexander Rossi scattato al suo fianco, mentre Will Power è stato subito rapido al via ed è riuscito a portarsi immediatamente in seconda posizione. Simon Pagenaud è stato abile a salire in quinta mentre Marco Andretti è passato dalla decima alla sesta piazza davanti alla vettura di Ryan Hunter-Reay ed a quella di James Hinchcliffe.

A centro gruppo si è verificato un incidente che ha avuto protagonista Bourdais in curva 2 e la gara è ripresa al settimo passaggio.

Dixon ha mantenuto il comando potendo vantare, al giro 20, un buon margine sugli inseguitori mentre Rossi non è riuscito a tenere la media del pilota di Chip Ganassi essendo bloccato dietro Power.

Al giro 49 Rossi ha preparato il sorpasso su Newgarden all’esterno di curva 4 per poi affiancare la monoposto del team Penske sul rettilineo ed avere la meglio all’ingresso di curva 1.

Newgarden, Rossi e Dixon hanno effettuato la sosta al giro 58, mentre Power, passato al comando, si è fermato al giro 62. Power era riuscito a tornare in pista in prima posizione ma Dixon, grazie a gomme calde, ha sopravanzato con una certa facilità il pilota del team Penske.

Quando al giro 85 Dixon si è trovato daccapo nel traffico, Power e Rossi sono riusciti a ridurre il gap dal leader senza riuscire a superarlo e consentendo a Newgarden di avvicinarsi.

Dopo la seconda sosta Dixon ha mantenuto ancora il comando con un vantaggio di 3 secondi su Rossi.

Al giro 143 Power ha approfittato di un errore da parte di  Pagenaud in curva 3 e 4 ed è riuscito a salire in terza piazza con il francese scivolato in nona posizione.

Power, dopo questo sorpasso, ha iniziato a pestare forte sul gas portando in scia a Rossi superando il pilota del team Andretti in curva 1 per poi prendere il comando della gara al giro 150 e portare subito un vantaggio su Dixon a quattro secondi.

Al giro 173 c’è stata la seconda caution della gara per un problema sulla vettura di Hunter Reay. La pit lane è stata aperta al giro 177 ma l’ordine dei primi tre è rimasto invariato con Power davanti a Dixon e Rossi.

La ripartenza è avvenuta al giro 183 e Zach Veach è stato bravissimo a sopravanzare Newgarden e salire così in quarta posizione.

Al giro 231 Power ha effettuato uno splash and go senza cambiare gomme ed è riuscito ad uscire davanti a Rossi per poi tornare in testa alla gara al passaggio numero 240. La strategia votata al risparmio da parte di Rossi ha pagato dato che è riuscito a precedere Scott Dixon con quest’ultimo che, invece, è stato rallentato dal traffico.

Dixon ha così tagliato il traguardo con 1’’5 di ritardo da Rossi, mentre il pilota del team Andretti ha chiuso con un simile distacco da Will Power autore della vittoria numero 35 in carriera e terza stagionale.

Quarto posto per Pagenaud davanti ad uno splendido Veach e Pigot, mentre Newgarden è riuscito ad imporsi su Jones per la settima piazza con Sato e Rahal a completare la top 10.

Con due soli appuntamenti al termine della stagione la classifica vede Dixon in testa con 568 punti davanti a Rossi a quota 542 e Power con 500 punti.

Cla   # Driver Laps Time Gap Interval Mph Pits Retirement Points
1   12 Australia Will Power 248 1:59'30.1972     155.644 4    
2   27 United States Alexander Rossi 248 1:59'31.5089 1.3117 1.3117 155.616 3    
3   9 New Zealand Scott Dixon 248 1:59'33.0064 2.8092 1.4975 155.583 4    
4   22 France Simon Pagenaud 248 1:59'33.3308 3.1336 0.3244 155.576 4    
5   26 United States Zach Veach 248 1:59'37.4665 7.2693 4.1357 155.487 4    
6   21 United States Spencer Pigot 248 1:59'40.7481 10.5509 3.2816 155.416 4    
7   1 United States Josef Newgarden 248 1:59'40.7975 10.6003 0.0494 155.414 4    
8   10 United Arab Emirates Ed Jones 248 1:59'52.3334 22.1362 11.5359 155.165 4    
9   30 Japan Takuma Sato 247 1:59'32.9353 1 Lap 1 Lap 154.957 3    
10   15 United States Graham Rahal 247 1:59'35.9269 1 Lap 2.9916 154.893 3    
11   19 Brazil Pietro Fittipaldi 247 1:59'40.4023 1 Lap 4.4754 154.796 4    
12   20 United States Ed Carpenter 247 1:59'53.5543 1 Lap 13.1520 154.513 4    
13   14 Brazil Tony Kanaan 246 1:59'31.0780 2 Laps 1 Lap 154.370 4    
14   98 United States Marco Andretti 246 1:59'36.7379 2 Laps 5.6599 154.248 4    
15   5 Canada James Hinchcliffe 246 1:59'37.9935 2 Laps 1.2556 154.221 4    
16   4 Brazil Matheus Leist 246 1:59'51.2595 2 Laps 13.2660 153.937 5    
17   59 United Kingdom Max Chilton 244 1:59'39.5446 4 Laps 2 Laps 152.934 5    
18   88 Colombia Gabby Chaves 242 1:59'38.3696 6 Laps 2 Laps 151.706 6    
19   23 United States Charlie Kimball 235 1:59'39.1632 13 Laps 7 Laps 147.301 6    
20   28 United States Ryan Hunter-Reay 172 1:22'16.9085 76 Laps 63 Laps 156.778 3 Mechanical  
21   18 France Sébastien Bourdais   0.6092 248 Laps 172 Laps     Accident
Prossimo articolo IndyCar
La pioggia cancella le qualifiche di Gateway, Dixon in pole grazie ai punti in classifica

Articolo precedente

La pioggia cancella le qualifiche di Gateway, Dixon in pole grazie ai punti in classifica

Prossimo Articolo

Munoz sostituisce Wickens alla Schmidt Peterson nel weekend di Portland

Munoz sostituisce Wickens alla Schmidt Peterson nel weekend di Portland
Carica commenti

Su questo articolo

Serie IndyCar
Evento Gateway
Piloti Will Power
Team Team Penske
Autore David Malsher
Tipo di articolo Gara