Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia
Ultime notizie

Ultima stagione in IndyCar per Tony Kanaan con cinque gare

Il brasiliano ha deciso di non prendere parte all'intera annata, ma con la AJ Foyt Racing sarà al via dei round sugli ovali, Indianapolis compresa, poi vedrà cosa fare in futuro.

Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet

Tony Kanaan si è accordato con la AJ Foyt Racing per prendere parte a cinque round della stagione 2020 della IndyCar Series, che sarà anche l'ultima della sua carriera nella serie delle monoposto statunitensi.

Le gare scelte dal brasiliano sono la 500 Miglia di Indianapolis (alla quale prima cercherà di qualificarsi, naturalmente), Texas Motor Speedway, Richmond Raceway, Iowa Speedway e Gateway.

Il 45enne nativo di Salvador ha anche specificato che in futuro non esclude la possibilità di essere in azione ad Indianapolis, ma che non ha intenzione di affrontare un'ulteriore annata completa o parziale.

“Se mi guardo alle spalle in tutte le stagioni passate in IndyCar, la prima cosa che mi viene da pensare è che sono stato molto fortunato ad aver potuto correre a questi livelli e così a lungo nel motorsport - ha dichiarato Kanaan - Sono arrivato qui a 23 anni con speranze e sogni, senza dubbio ho raggiunto tutti gli obiettivi che volevo. Ora ho 45 anni, ho tifosi, vittorie, podi, record, un titolo e una Indy 500 all'attivo. Sento e penso che potrei andare avanti ancora per molto, ma come in tutte le cose della vita, i cicli si chiudono. Da tempo mi chiedevo quando mi sarei ritirato e la risposta è sempre sta la stessa, ovvero nel giorno in cui mi sarei alzato e avrei sentito che non potevo più fare tutto questo".

“Purtroppo ci sono altre cose che debbo prendere in considerazione per pianificare il futuro e sicuramente una di queste è legata alle opzioni che erano disponibili. Per il 2020 la migliore era quella di correre sugli ovali della IndyCar, lo sport che mi ha dato di più e che amo. Sicuramente non penso di aver già dato con le corse, anzi. Quest'anno ho deciso di fare un passo indietro prendendo parte solo a cinque gare per pensare anche alla mia famiglia, cioè mia moglie Lauren, i miei figli Leonardo, Max e Deco, e mia figlia Nina, senza però dimenticare i miei tifosi e gli sponsor che mi hanno sempre sostenuto".

"Mi piacerebbe restare coinvolto in IndyCar in un qualche modo, ma ho comunque altre offerte per correre in altre serie. Questo sarà per me il Last Lap, l'ultimo giro. Userò l'hashtag #TKLastLap in questa stagione".

Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Il vincitore della gara Takuma Sato, Ed Carpenter, Tony Kanaan
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Jimmy Vasser, John Della Penna e Tony Kanaan
Il vincitore della gara Tony Kanaan
Il campione Tony Kanaan
Tony Kanaan
Tony Kanaan
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Tony Kanaan, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
20

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Lutto in casa Andretti: il cancro si è portato via John
Prossimo Articolo Indy 500, Honda si vendica: veto su Alonso da Andretti

Top Comments

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia Italia