Scott Dixon in pole per la quarta volta alla Indy 500

Il veterano della Ganassi Racing ha avuto la meglio per un soffio su Colton Herta con la sua Dallara motorizzata Honda. VeeKay completa la prima fila da primo dei piloti Chevrolet. Power soffre, ma alla fine entra in 32esima posizione. C'è anche la De Silvestro, 33esima.

Scott Dixon in pole per la quarta volta alla Indy 500

Scott Dixon scatterà dalla pole position nella 500 Miglia di Indianapolis per la quarta volta nella sua carriera. Dopo essere stato il più veloce nella Q1 di sabato, il pilota della Ganassi Racing si è ripetuto nella Fast 9, la sessione che metteva in palio le prime tre file dello schieramento di partenza.

Al volante della sua Dallara motorizzata Honda, il veterano neozelandese ha avuto la meglio su quelli che potremmo definire il nuovo che avanza: con le sue 231,685 miglia orare di media è infatti riuscito ad avere la meglio su Colton Herta della Andretti Autosport.

Il figlio d'arte è stato più costante, risultando l'unico capace di completare tutti e quattro i giri cronometrati oltre la soglia delle 231 miglia orarie. Tuttavia, a fare la differenza è stato il primo giro prodigioso di Dixon, che aveva alzato l'asticella fino a 232,757 miglia orarie.

A completare la prima fila c'è un altro pilota in rampa di lancio come Rinus VeeKay, che con la monoposto della Ed Carpenter Racing è risultato il migliore tra i piloti motorizzati Chevrolet. Anche lui ha avuto il merito di andare oltre le 232 miglia orarie nel primo giro, anche se alla fine la media complessiva è stata di 231,511.

Anche per Ed Carpenter vale il discorso delle 232 miglia, ma il veterano dell'omonima squadra dovrà accontentarsi di aprire una seconda fila nella quale si andranno a schierare un altro vecchio volpone come Tony Kanaan ed Alex Palou, che hanno dato ulteriore rilievo alle qualifiche della Chip Ganassi Racing, anche se lo spagnolo è il primo a non aver sfondato il muro delle 231 miglia complessive.

Sotto a questa soglia troviamo poi anche Ryan-Hunter Reay, Helio Castroneves e l'ex pilota di Formula 1 Marcus Ericsson, che sono invece i piloti che andranno a comporre la terza fila dello schieramento di partenza.

Oltre alle prime tre file, con le posizioni dalla decima alla trentesima che invece erano state già assegnate in Q1, in palio c'erano ancora anche gli ultimi tre slot della griglia con cinque piloti in ballo.

Dopo aver seriamente rischiato di non farcela, complici anche le grandi difficoltà incontrate da tutti i piloti della Penske, Will Power è riuscito in qualche modo a portarsi a casa almeno il 32esimo posto in griglia. La sua monoposto quindi sarà schierata a cavallo tra quelle di Sage Karam e di Simona De Silvestro, che sarà quindi l'unica donna al via domenica prossima. Salutano la concorrenza invece Charlie Kimball e R.C. Enerson.

Cla Pilota Team Tempo Gap Mph
1 New Zealand Scott Dixon United States Chip Ganassi Racing 2'35.383   231.685
2 United States Colton Herta Andretti Autosport with Curb-Agajanian 2'35.403 0.019 231.655
3 Netherlands Rinus van Kalmthout United States Ed Carpenter Racing 2'35.500 0.116 231.511
4 United States Ed Carpenter United States Ed Carpenter Racing 2'35.504 0.121 231.504
5 Brazil Tony Kanaan United States Chip Ganassi Racing 2'35.822 0.439 231.032
6 Spain Álex Palou United States Chip Ganassi Racing 2'36.103 0.720 230.616
7 United States Ryan Hunter-Reay United States Andretti Autosport 2'36.182 0.799 230.499
8 Brazil Helio Castroneves United States Michael Shank Racing 2'36.280 0.896 230.355
9 Sweden Marcus Ericsson United States Chip Ganassi Racing 2'36.305 0.921 230.318
10 United States Alexander Rossi United States Andretti Autosport 2'35.813 0.429 231.046
11 United Arab Emirates Ed Jones Dale Coyne Racing with Vasser Sullivan 2'35.814 0.431 231.044
12 Mexico Patricio O'Ward Arrow McLaren SP 2'35.936 0.552 230.864
13 Brazil Pietro Fittipaldi Dale Coyne Racing with RWR 2'35.948 0.564 230.846
14 Sweden Felix Rosenqvist Arrow McLaren SP 2'36.016 0.633 230.744
15 Japan Takuma Satō United States Rahal Letterman Lanigan Racing 2'36.041 0.658 230.708
16 Canada James Hinchcliffe Andretti Steinbrenner Autosport 2'36.139 0.755 230.563
17 New Zealand Scott McLaughlin United States Team Penske 2'36.143 0.759 230.557
18 United States Graham Rahal United States Rahal Letterman Lanigan Racing 2'36.168 0.784 230.521
19 United States Conor Daly United States Ed Carpenter Racing 2'36.231 0.847 230.427
20 United Kingdom Jack Harvey United States Michael Shank Racing 2'36.392 1.008 230.191
21 United States Josef Newgarden United States Team Penske 2'36.473 1.089 230.071
22 United States J.R. Hildebrand United States A.J. Foyt Enterprises 2'36.535 1.151 229.980
23 United States Santino Ferrucci United States Rahal Letterman Lanigan Racing 2'36.556 1.172 229.949
24 Colombia Juan Pablo Montoya Arrow McLaren SP 2'36.596 1.212 229.891
25 United States Marco Andretti Andretti Herta-Haupert with Marco & Curb-Agajanian 2'36.608 1.225 229.872
26 France Simon Pagenaud United States Team Penske 2'36.673 1.289 229.778
27 France Sébastien Bourdais United States A.J. Foyt Enterprises 2'36.696 1.312 229.744
28 United Kingdom Stefan Wilson United States Andretti Autosport 2'36.716 1.332 229.714
29 United Kingdom Max Chilton United Kingdom Carlin 2'36.919 1.535 229.417
30 Canada Dalton Kellett United States A.J. Foyt Enterprises 2'37.671 2.288 228.323
31 United States Sage Karam United States Dreyer & Reinbold Racing 2'37.098 1.714 229.156
32 Australia Will Power United States Team Penske 2'37.290 1.906 228.876
33 Switzerland Simona De Silvestro Paretta Autosport 2'37.650 2.266 228.353
condivisioni
commenti
Indy 500: ecco i 9 che si giocheranno la pole, Power rischia
Articolo precedente

Indy 500: ecco i 9 che si giocheranno la pole, Power rischia

Prossimo Articolo

Indy 500: Dixon dalla pole in cerca del bis

Indy 500: Dixon dalla pole in cerca del bis
Carica commenti