Ryan Hunter-Reay ritrova la vittoria all'Iowa Speedway

Era proprio dalla gara dello scorso anno su questa pista che l'ex campione non riusciva ad imporsi

Ryan Hunter-Reay ritrova la vittoria all'Iowa Speedway

Ryan Hunter-Reay è riuscito ad interrompere una striscia senza successi che durava ormai da circa un anno. Il suo ultimo trionfo risaliva infatti alla gara dello scorso anno dell'Iowa Speedway, dove guarda a caso il portacolori della Andretti Autosport ha ritrovato l'appuntamento con il gradino più alto del podio grazie ad una corsa tutta in rimonta.

Scattato dalla nona posizione, Hunter-Reay si è portato quasi subito in quinta. Il momento chiave però è arrivato dopo 185 dei 300 giri previsti, perché Ryan si è reso protagonista di uno strepitoso restart, riuscendo a portarsi in un colpo solo in seconda piazza.

Al termine della successiva girandola dei pit stop poi ha preso il comando delle operazioni davanti a Josef Newgarden, che con ben 111 giri in vetta è stato il pilota che ha guidato più a lungo la corsa. Peccato per lui però che la turbolenza creata dalla vettura che lo precedeva lo ha obbligato ad accontentarsi della piazza d'onore nel finale, con una bella curiosità: anche nel 2014 erano stati loro due a tagliare il traguardo al primo ed al secondo posto nello stesso ordine.

In terza posizione troviamo poi un ottimo Sage Karam, bravo a tenere alto l'onore della Ganassi Racing in una giornata particolarmente storta dei suoi compagni di squadra: sia Tony Kanaan che Scott Dixon sono stati costretti ad alzare bandiera bianca per un cedimento meccanico, entrambi quando sembravano avere delle buone carte da giocare nella lotta per la vittoria finale.

Anche qui poi c'è una curiosità interessante da segnalare: è la prima volta dalla 500 Miglia di Indianapolis del 2006 che il podio è composto tutto da piloti statunitensi. Una bella rivincita per gli idoli locali. Ed è "made in Usa" anche il figlio d'arte che si è piazzato al quarto posto, ovvero Graham Rahal. Il portacolori della squadra di famiglia è riuscito a raddrizzare una corsa che lo aveva visto finire anche due giri indietro per una foratura ed ha guadagnato punti davvero preziosi in ottica campionato, perché ora è addirittura secondo ed ha potuto approfittare del primo ko stagionale del leader Juan Pablo Montoya, che ha danneggiato una sospensione urtando il muretto.

Continuando a scorrere la classifica, in quinta posizione troviamo Carlos Munoz davanti ad un Ed Carpenter che è parso decisamente furioso con Karam a fine corsa. Non appena sceso dalla sua monoposto è corso verso il pilota della Ganassi Racing e gliene ha dette quattro perché secondo lui era stato un po' troppo duro quando i due battagliavano per la terza posizione. Nelle retrovie invece il poleman Helio Castroneves, che non ha mai trovato il ritmo per stare con i migliori. Fuori per incidente, infine, Stefano Coletti.

La classifica del campionato (primi dieci): 1. Montoya 445; 2. Rahal 403; 3. Dixon 397; 4. Castroneves 391; 5. Power 390; 6. Bourdais 336; 7. Andretti 358; 8. Newgarden 352; 9. Kanaan 342; 10. Pagenaud 294.

Indycar - Iowa Speedway - Gara

condivisioni
commenti
Castroneves si prende la pole all'Iowa Speedway
Articolo precedente

Castroneves si prende la pole all'Iowa Speedway

Prossimo Articolo

Nuovo codice comportamentale per i piloti IndyCar

Nuovo codice comportamentale per i piloti IndyCar
Carica commenti