Piove ad Indianapolis: tutti ai box nel secondo giorno di libere

La pioggia ad intermittenza ha reso vano anche l'intervento delle asciugatrici, imponendo alla direzione gara di annullare definitivamente la sessione intorno alle ore 15 locali.

La pioggia è stata la grande protagonista della seconda giornata di prove libere della 100esima edizione della 500 Miglia di Indianapolis.

Viste le condizioni climatiche davvero critiche, con la pioggia che andava e veniva in continuazione, i mezzi atti all'asciugatura dell'asfalto sono stati gli unici a scendere in pista all'Indianapolis Motor Speedway ieri.

Poco prima delle ore 15 locali, infine, gli organizzatori si sono arresi di fronte all'impossibilità di vedere le vetture scendere in pista prima delle 18, orario fissato per la conclusione delle prove.

Nella giornata di apertura di lunedì era stato Marco Andretti il più rapido, spingendo la Dallara-Honda della Andretti Autosport fino ad una media sul giro di 228,978 miglia orarie.

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Evento Indy 500
Circuito Indianapolis Motor Speedway
Articolo di tipo Prove libere