Newgarden si conferma il re del Barber nonostante la pioggia

Dopo che la pioggia aveva imposto lo stop della gara nella giornata di domenica, anche ieri alla ripresa è tornata nel finale, concedendo a Bourdais e Dixon la chance di impensierire il pilota della Penske, che però alla fine l'ha spuntata ancora.

Josef Newgarden ha ottenuto la sua seconda vittoria stagionale in Indycar, la terza in quattro anni al Barber Motorsports Park, in una gara ripresa lunedì dopo l'interruzione dovuta ad un vero e proprio nubifragio arrivato domenica e condizionata dalla pioggia anche dopo la sua ripresa.

Il pilota della Penske ha ripreso da dove aveva lasciato domenica, riuscendo a costruirsi un vantaggio di addirittura 25 secondi prima di fare il suo primo pit stop.

Questo significa che il suo pit stop è stato praticamente "gratuito", perché è tornato in pista alle spalle del solo Sebastien Bourdais, che all'inizio aveva perso parecchio terreno per difendersi da Ryan Hunter-Reay.

Il francese della Dale Coyne Racing però ha provato a sparigliare le carte, optando per una strategia non convenzionale, con una sola sosta a differenza delle due impostate da Newgarden.

Se Newgarden sembrava avere la gara in pugno verso la metà della distanza, il ritorno della pioggia ha creato una minaccia reale alle sue possibilità di vittoria.

Il campione in carica è stato il primo a rientrare ai box per montare le gomme rain, venendo seguito da buona parte dello schieramento nei giri successivi.

Scott Dixon invece si è allineato alla strategia di una sola sosta come Bourdais, facendo più giri di tutti gli altri prima di rientrare.

Entrambi hanno cercato di rimanere il più a lungo possibile sulle gomme slick, nella speranza che una Caution potesse aiutarli, visto che la gara si sarebbe chiusa sul limite di tempo delle due ore invece che sui 90 giri previsti, a causa del maltempo di domenica.

A nove giri dalla fine però Bourdais ha ammesso di non poter più andare avanti in quelle condizioni e si è fermato per montare le gomme rain, venendo imitato un giro più tardi da Dixon.

Il loro rientro ha rimesso in ghiaccio il successo di Newgarden, ma ha anche promosso Hunter-Reay, James Hinchcliffe e Robert Wickens nelle posizioni comprese tra la seconda e la quarta.

Bourdais e Dixon invece si sono dati grande battaglia per la quinta posizione, con il francese che alla fine l'ha spuntata praticamente in volata sul neozelandese della Ganassi Racing.

Dopo aver ricominciato la gara in 14esima posizione, Graham Rahal si è reso protagonista di una bella rimonta fino al settimo posto finale. Il compagno di squadra Takuma Sato si è invece piazzato ottavo davanti a Simon Pagenaud. A completare la top 10 c'è poi Marco Andretti.

Dopo l'incidente di cui era stato protagonista domenica, Will Power è tornato in gara con un distacco di 16 giri, sfruttando il chilometraggio per rodare il motore che utilizzerà nella prossima gara ad Indianapolis.

Cla #PilotaGiriTempoGapDistaccoMphPitsRitiratoPunti
1   1 united_states Josef Newgarden 82 2:01'14.4486     93.335 4   54
2   28 united_states Ryan Hunter-Reay 82 2:01'24.4093 9.9607 9.9607 93.207 4   40
3   5 canada James Hinchcliffe 82 2:01'29.9875 15.5389 5.5782 93.136 4   35
4   6 canada Robert Wickens 82 2:01'32.1280 17.6794 2.1405 93.109 4   32
5   18 france Sébastien Bourdais 82 2:01'41.3383 26.8897 9.2103 92.991 4   31
6   9 new_zealand Scott Dixon 82 2:01'41.4254 26.9768 0.0871 92.990 4   28
7   15 united_states Graham Rahal 82 2:01'44.5680 30.1194 3.1426 92.950 4   26
8   30 japan Takuma Satō 82 2:01'45.0012 30.5526 0.4332 92.945 4   24
9   22 france Simon Pagenaud 82 2:01'56.9104 42.4618 11.9092 92.793 5   22
10   98 united_states Marco Andretti 82 2:01'59.1378 44.6892 2.2274 92.765 6   20
11   27 united_states Alexander Rossi 82 2:01'59.6820 45.2334 0.5442 92.758 5   19
12   4 brazil Matheus Leist 82 2:02'12.3777 57.9291 12.6957 92.598 6   18
13   26 united_states Zach Veach 82 2:02'20.3784 1'05.9298 8.0007 92.497 4   17
14   20 united_kingdom Jordan King 82 2:02'34.4604 1'20.0118 14.0820 92.319 5   16
15   21 united_states Spencer Pigot 81 2:01'20.6730 1 giro 1 giro 92.118 5   15
16   32 austria Rene Binder 80 2:01'19.5105 2 giri 1 giro 90.995 5   14
17   88 colombia Gabby Chaves 80 2:01'19.7318 2 giri 0.2213 90.992 6   13
18   14 brazil Tony Kanaan 80 2:02'06.2132 2 giri 46.4814 90.415 7   12
19   19 canada Zachary DeMelo 80 2:02'06.4108 2 giri 0.1976 92.673 5   11
20   10 united_arab_emirates Ed Jones 64 1:38'15.1018 18 giri 16 giri 89.892 4 Mechanical 10
21   12 australia Will Power 53 1:44'23.3971 29 giri 11 giri 70.064 2 Spun off 9
22   59 united_kingdom Max Chilton 34 1:41'34.7058 48 giri 19 giri 46.191 4 Mechanical 8
23   23 united_kingdom Charlie Kimball 10 15'28.7545 72 giri 24 giri 89.152   Accident 7

 

Scrivi un commento
Mostra commenti
A proposito di questo articolo
Campionati IndyCar
Evento Birmingham
Sub-evento Lunedì, gara
Circuito Barber Motorsports Park
Piloti Ryan Hunter-Reay , James Hinchcliffe , Josef Newgarden
Team Team Penske
Articolo di tipo Gara