Formula 1
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Gara in
05 Ore
:
00 Minuti
:
28 Secondi
MotoGP
01 nov
-
03 nov
Evento concluso
15 nov
-
17 nov
Gara in
00 Ore
:
50 Minuti
:
27 Secondi
WRC
24 ott
-
27 ott
Evento concluso
14 nov
-
17 nov
Evento concluso
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
24 ott
-
26 ott
Evento concluso
Formula E
G
Ad Diriyah ePrix
22 nov
-
23 nov
Prossimo evento tra
4 giorni
G
Santiago ePrix
17 gen
-
18 gen
Prossimo evento tra
60 giorni
WEC
08 nov
-
10 nov
Evento concluso

Newgarden resiste a Rossi e si porta a casa la vittoria in Texas

condivisioni
commenti
Newgarden resiste a Rossi e si porta a casa la vittoria in Texas
Di:
9 giu 2019, 08:17

Il pilota della Penske ha eseguito al meglio una strategia vincente per uscire vincente davanti a quello della Andretti Autosport e consolidare la sua leadership in campionato.

Josef Newgarden si è imposto al Texas Motor Speedway, sfruttando una strategia della Penske che gli ha permesso di balzare al comando e di difendersi con successo dagli attacchi di Alexander Rossi.

Il leader del campionato aveva passato la prima metà della corsa a battagliare per le posizioni più basse della top 10, ma il momento chiave probabilmente è arrivato in occasione della prima Caution, quando ha fatto il pieno di carburante.

La gara era ormai arrivata a due terzi della sua distanza quando Zach Veach è finito a muro alla curva 2, rompendo una sospensione ed iniziando a girarsi in testacoda sul rettilineo opposto.

Questa scelta ha portato Newgarden ad una strategia a quattro pit stop in una serata in cui i leader stavano provando a completare la gara con tre, in questo modo però il portacolori della Penske si è portato al comando quando i primi si sono fermati per la terza sosta, con un vantaggio sufficiente a rimanere davanti quando ha fatto il suo ultimo "splash and go".

La maggior parte dei piloti che erano parsi dei potenziali vincitori nel corso della serata sono quindi finiti fuori discussione nella parte conclusiva.

Takuma Sato aveva comandato per i primi 60 giri dopo aver conquistato la pole position, tenendo a bada Scott Dixon, ma poi ha colpito uno dei suoi meccanici in occasione del pit stop e, anche Chris Welch è rimasto illeso, il giapponese della Rahal Letterman Lanigan ha perso tantissimo tempo, chiudendo 15esimo a tre giri.

A quel punto il comando è passato nelle mani di Ryan Hunter-Reay, che però stava mettendo in atto una strategia aggressiva, essendosi fermato ai box prima della concorrenza.

Anche se questo gli ha permesso di saltare davanti a Dixon quando il pilota della Ganassi Racing è rientrato per la sua prima sosta, il pilota della Andretti Autosport è stato però superato più tardi sia da Dixon che da Rossi, pur dovendo ancora effettuare una quarta sosta.

Quando James Hinchcliffe ha provocato la seconda Caution della serata a 28 giri dalla fine, emulando praticamente l'incidente di Veach, Hunter-Reay ha limitato i danni della sua ultima sosta e si è ripresentato in pista in coda alla vetture a pieni giri.

Alla ripartenza Dixon ha provato ad attaccare Newgarden, ma senza successo e poco più tardi ha dovuto difendersi invece da un aggressivo Colton Herta, che nel frattempo aveva infilato Rossi e si era portato terzo.

Il giovane figlio d'arte però è stato troppo irruento, innescando un contatto che ha mandato a muro sia lui che il veterano della Ganassi Racing, ponendo fine alla gara di entrambi e lasciando a Rossi il compito di provare a contendere la vittoria a Newgarden nei giri conclusivi.

In un primo momento, Rossi sembrava deciso a provarci con decisione, ma poi Newgarden è riuscito a staccarlo leggermente e si è presentato sotto alla bandiera a scacchi con un vantaggio di poco più di otto decimi.

La delusione della Rahal Letterman Lanigan per il ko di Sato è stata in parte mitigata dal buon terzo posto finale di Graham Rahal, mentre Santino Ferrucci prosegue la sua crescita e, dopo l'inatteso settimo posto di Indianapolis, si è preso il suo miglior risultato in Indycar con il quarto in Texas.

A completare la top 5 c'è invece Hunter-Reay, che nel finale ha provato anche ad attaccare Ferrucci, seguito dal vincitore della Indy 500, il francese Simon Pagenaud.

Alla sua seconda gara su un ovale, l'ex pilota di Formula 1 Marcus Ericsson si è piazzato settimo, precedendo il veterano Sebastien Bourdais. Solo nono invece Will Power con l'altra vettura della Penske, seguito dal figlio e nipote d'arte Marco Andretti. Negativa invece la serata dei portacolori della Ed Carpenter Racing, staccati fin dal primo stint e mai in grado di reggere il ritmo dei migliori.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 United States Josef Newgarden Team Penske 248 1:55'08.8666     186.084 51
2 United States Alexander Rossi Andretti Autosport 248 1:55'09.6830 0.8164 0.8164 186.062 41
3 United States Graham Rahal Rahal Letterman Lanigan Racing 248 1:55'10.3594 1.4928 0.6764 186.044 36
4 United States Santino Ferrucci Dale Coyne Racing 248 1:55'10.5932 1.7266 0.2338 186.038 32
5 United States Ryan Hunter-Reay Andretti Autosport 248 1:55'11.0685 2.2019 0.4753 186.025 33
6 France Simon Pagenaud Team Penske 248 1:55'11.7455 2.8789 0.6770 186.007 28
7 Sweden Marcus Ericsson Schmidt Peterson Motorsports 248 1:55'12.7937 3.9271 1.0482 185.979 27
8 France Sébastien Bourdais Dale Coyne Racing 248 1:55'13.1972 4.3306 0.4035 185.968 25
9 Australia Will Power Team Penske 247 1:55'13.4299 1 Lap 1 Lap 185.212 22
10 United States Marco Andretti Andretti Autosport 247 1:55'13.8837 1 Lap 0.4538 185.200 20
11 United States Conor Daly Carlin 247 1:55'14.5017 1 Lap 0.6180 185.183 19
12 Sweden Felix Rosenqvist Chip Ganassi Racing 246 1:55'15.5634 2 Laps 1 Lap 184.405 18
13 United States Ed Carpenter Ed Carpenter Racing 246 1:55'15.7976 2 Laps 0.2342 184.399 17
14 United States Spencer Pigot Ed Carpenter Racing 246 1:55'17.4316 2 Laps 1.6340 184.355 16
15 Japan Takuma Satō Rahal Letterman Lanigan Racing 245 1:55'15.3129 3 Laps 1 Lap 183.662 17
16 Brazil Tony Kanaan A.J. Foyt Enterprises 245 1:55'17.8080 3 Laps 2.4951 183.596 14
17 New Zealand Scott Dixon Chip Ganassi Racing 228 1:43'10.3270 20 Laps 17 Laps 190.935 14
18 United States Colton Herta Harding Racing 228 1:43'10.5497 20 Laps 0.2227 190.928 12
19 Canada James Hinchcliffe Schmidt Peterson Motorsports 218 1:35'37.5388 30 Laps 10 Laps 196.968 11
20 United States Zach Veach Andretti Autosport 172 1:33'01.8163 76 Laps 46 Laps 159.742 10
21 United States Charlie Kimball Carlin 86 36'22.1445 162 Laps 86 Laps 204.305 9
22 Brazil Matheus Leist A.J. Foyt Enterprises 73 34'44.9580 175 Laps 13 Laps 181.506 8
Prossimo Articolo
Takuma Sato vola e in Texas centra la nona pole della carriera in IndyCar

Articolo precedente

Takuma Sato vola e in Texas centra la nona pole della carriera in IndyCar

Prossimo Articolo

Colton Herta sconfigge Rossi e si prende la pole a Road America

Colton Herta sconfigge Rossi e si prende la pole a Road America
Carica commenti