Montoya torna alla Indy 500 con il team Arrow McLaren

Il pilota colombiano tornerà anche nel 2022 a disputare la 500 Miglia di Indianapolis sempre con il team McLaren con il quale aveva chiuso in nona posizione lo scorso anno.

Montoya torna alla Indy 500 con il team Arrow McLaren

Il due volte vincitore della Indy 500, Juan Pablo Montoya, disputerà la 106esima edizione della 500 Miglia di Indianapolis ancora una volta con il team Arrow McLaren SP.

Montoya, che ha già conquistato al debutto la Indy500 con il Chip Ganassi Racing per poi ripetersi nel 2015 col team Penske, sarà per l’occasione compagno di squadra di Pato O’Ward e Felix Rosenqvist sia per il Grand Prix di Indianapolis che per la 500 Miglia.

Per il team Arrow McLaren il mese di maggio sarà così intenso data la presenza di 3 vetture e la squadra spera comunque di aggiungere una terza auto più avanti nella stagione per preparasi ad un impegno full time con tre monoposto nel 2023.

Dopo aver finito in nona posizione lo scorso anno, Montoya proverà per la settima volta a qualificarsi per la Indy500: “Sono eccitato di tornare ad Indianapolis con il team Arrow McLaren SP per competere ancora una volta in una gara che ha un posto speciale nel mio cuore”.

“Lo scorso anno è stata una bella esperienza con il team e non vedo l’ora di vedere i progressi che abbiamo compiuto dal 2021. Credo che avremo una possibilità di poter lottare per le posizioni di vertice e per il successo”.

Juan Pablo Montoya, Arrow McLaren SP Chevrolet

Juan Pablo Montoya, Arrow McLaren SP Chevrolet

Photo by: Phillip Abbott / Motorsport Images

Zak Brown, CEO di McLaren Racing, ha commentato: “Siamo entusiasti di avere Juan Pablo per un’altra Indy500. È una istituzione nel motorsport avendo vinto due volte questa corsa ed avendo ottenuto numerosi successi in Formula 1 con la McLaren”.

“Porterà un bagaglio di esperienza che sarà utile al team e noi avremo un altro piloti di talento in grado di lottare per il successo ogni volta che sale in macchina”.

condivisioni
commenti
È morto Kevin Kalkhoven, ex proprietario della Champ Car
Articolo precedente

È morto Kevin Kalkhoven, ex proprietario della Champ Car

Carica commenti