Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Ultime notizie

IndyCar | Wickens vuole essere il primo disabile alla Indy 500

Robert Wickens ha rivelato che vuole essere il primo pilota disabile a disputare la 500 Miglia di Indianapolis, anche se ora dipenderà tutto dai finanziamenti che riuscirà a trovare.

Robert Wickens

Il 34enne, che ha subito una grave lesione alla spina dorsale in un incidente in IndyCar a Pocono nel 2018, ha corso nel campionato IMSA Pilot Challenge con il team Bryan Herta Autosport, supportato dalla Hyundai.

Dopo essere stato un protagonista e aver vinto delle gare con la sua Elantra N TCR, il canadese sta cercando un'opportunità per tornare in una delle serie principali dello sport e ha messo gli occhi sulla Indy 500 del 2024.

"Penso che partecipare alla Indy 500 sarebbe un'opportunità straordinaria - racconta Wickens a Motorsport.com - Se riuscirò a schierarmi sulla griglia di partenza della Indy 500 nel 2024, sarà la 108esima edizione della gara e non c'è mai stato nessuno al via con una disabilità".

"Non ho mai pensato che questa sarebbe stato il mio futuro. Ma se così fosse, credo che sarebbe una cosa molto bella da fare. E sarebbe un'ottima cosa per quanto riguarda gli infortuni al midollo spinale".

"Penso che sarebbe fantastico per tutte le persone che lottano con qualcosa, per dimostrare che si può ottenere qualsiasi cosa nella vita se si ha un grande supporto, si compie tanto duro lavoro e si ha un atteggiamento positivo".

Pocono IndyCar race, 2018: Robert Wickens crash

Pocono IndyCar race, 2018: Robert Wickens crash

Photo by: Todd Dziadosz / Motorsport Images

Nell'incidente di Pocono, Wickens ha riportato lesioni terribili, tra cui una del midollo spinale, una frattura della colonna vertebrale toracica, una frattura del collo, della tibia e del perone di entrambe le gambe, ad entrambe le mani, dell'avambraccio destro, del gomito, commozione cerebrale, quattro costole rotte e contusione polmonare.

Ma è stato l'arresto del suo recupero neurologico dalla lesione al midollo spinale a limitare la sua funzione muscolare negli arti inferiori. Ora utilizza una sedia a rotelle nella vita di tutti i giorni, anche se riesce a stare in piedi con l'ausilio delle stampelle.

"Per me, solo mettere di nuovo piede in una IndyCar e fare dei giri sarebbe già di per sé un risultato. Dobbiamo adattare una macchina con i comandi manuali per vedere se è possibile".

"In questo momento stiamo cercando di trovare un partner disposto ad aiutarci nell'adattamento in IndyCar perché, come potete immaginare, non è gratis. Una volta che avremo i fondi per fare qualcosa in pista, allora potremo iniziare a pensare ad altre opzioni ed opportunità".

"Da lì, potremo valutare se la Indy 500 è una possibilità, o se magari non ci sarà modo e abbandonerò l'idea. Nel caso, inizierò a concentrarmi sull'IMSA e su altre categorie".

Robert Wickens, Hyundai Elantra N: steering wheel with hand controls

Robert Wickens, Hyundai Elantra N: steering wheel with hand controls

Photo by: Bryan Herta Autosport

Wickens utilizza comandi manuali sulla sua Hyundai TCR e un acceleratore controllato a mano è già stato utilizzato in una IndyCar quando Alex Zanardi ha completato gli ultimi 13 giri al Lausitzring nel 2003, due anni dopo il terribile incidente che gli costò le gambe.

Wickens è sempre presente nel paddock della IndyCar grazie al suo ruolo di consulente per i piloti della Arrow McLaren. Ha dichiarato di essersi divertito a correre con le auto turismo nell'IMSA, ma ha aggiunto: "Sento che questo è solo l'inizio del mio progetto di vita di tornare di nuovo a quel tipo di sport motoristico di livello elitario. Sento di avere un conto in sospeso".

Il suo capo squadra Herta, due volte vincitore della Indy 500 come proprietario di una squadra, sostiene il progetto di Wickens di tornare in IndyCar e ritiene che sia possibile, ma che ci vorrà del tempo per capirlo dal punto di vista tecnico.

"Penso che Robert sia un'enorme fonte di ispirazione per tutti noi. Siamo interessati e stiamo valutando ogni cosa, ma penso che a tutti piacerebbe vederlo in azione su una IndyCar", ha detto Herta.

"La serie si è dimostrata incredibilmente favorevole all'idea e molto aperta ad approfondire la questione. Nessuno ha detto 'no, non si può fare'. Ci sono stati molti sì. Ed è a questo punto che siamo arrivati".

"Stiamo parlando di sviluppare tecnologie che non esistono o che non sono mai state utilizzate in questo tipo di mezzi. E non è qualcosa che si può fare in fretta. Quindi, la risposta ora è che non lo sappiamo".

#33: Bryan Herta Autosport w/ Curb-Agajanian, Hyundai Elantra N TCR, TCR: Robert Wickens

#33: Bryan Herta Autosport w/ Curb-Agajanian, Hyundai Elantra N TCR, TCR: Robert Wickens

Photo by: Bryan Herta Autosport

Herta ha detto che i comandi manuali che Wickens ha attualmente non possono essere utilizzati su una IndyCar, quindi è necessario progettare e costruire un sistema su misura.

"Il sistema che utilizziamo non funzionerebbe di per sé in una IndyCar, per motivi di installazione e di peso. E poi c'è l'aspetto fisico: si può uscire dall'auto come gli altri piloti? Sono cose che stiamo ancora studiando".

"Mi piacerebbe molto che Robert lo facesse. So che potrebbe guidare l'auto ed essere estremamente competitivo. Non ho alcun dubbio al riguardo. Sono altre le sfide e gli ostacoli che dovremmo risolvere uno per uno".

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente IndyCar | McLaren: tre livree storiche per celebrare la Triple Crown
Prossimo Articolo IndyCar | Indy 500: doppietta McLaren nelle prime qualifiche

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia