IndyCar: Veekay batte Grosjean e Palou ad Indianapolis

Rinus VeeKay ha centrato la prima vittoria in IndyCar al GP di Indianapolis battendo per 4"9 Romain Grosjean.

IndyCar: Veekay batte Grosjean e Palou ad Indianapolis

Il pilota della Ed Carpenter Racing ha avuto la meglio dello svizzero-poleman superandolo al giro 45 beneficiando delle gomme soft più calde, ma soprattutto rimontando dal settimo posto in griglia.

Dopo la prima girandola di soste, l'olandese era già quarto, poi è salito terzo quando Jack Harvey – che era salito secondo grazie al sorpasso su Josef Newgarden – è incappato in un pit-stop lento figlio di una foratura che ha fatto scivolare indietro il portacolori della Meyer Shank Racing.

VeeKay ha anticipato di un paio di tornate la seconda sosta, evitando così il caos, passando Alex Palou che era alle prese con Jimmie Johnson alla curva 7 con una grandissima mossa sul ragazzo della Chip Ganassi Racing.

Quando Grosjean ha effettuato il secondo cambio gomme ha montato le dure, rientrando davanti ad un VeeKay che immediatamente lo ha iniziato a pressare, per poi completarne il sorpasso sempre alla 7 e tenendoselo alle spalle nelle curve successive.

VeeKay ha poi beneficiato della sosta di Scott Dixon per avere pista libera e incrementare il margine su Grosjean, ritrovandosi però davanti un lento Juan Pablo Montoya che ha dato modo allo svizzero di riavvicinarsi.

Il colombiano è poi stato sopravanzato e alla fine VeeKay ha allungato ancora quando ha messo fra sè e il rivale Sébastien Bourdais (AJ Foyt), riuscendo a respingere un ultimissimo assato di Grosjean nella parte finale di gara.

Palou conclude terzo, recriminando anche per un pit-stop lento nel finale a causa di un problema alla ruota posteriore destra, combattendo in pista con Newgarden per l'ultimo gradino del podio.

Graham Rahal si fa perdonare una partenza ignobile raggiungendo la Top5, col pilota della Rahal Letterman Lanigan Racing che ha anche dovuto sistemare il passaruota posteriore sinistro danneggiato in una sosta iniziale.

Grazie al risparmio della benzina, Rahal ha allungato lo stint finale e alla fine si è sbarazzato pure di Pagenaud.

Alex Rossi è settimo nonostante qualche guaio al motore, con Scott McLaughlin a seguirlo a soli 2"9. Completano la Top10 Dixon (in risalita dopo una brutta qualifica) e Marcus Ericsson, protagonista di una duello con Colton Herta alla curva 7 durante il giro 18 che ha visto quest'ultimo perdere parecchio nell'escursione nell'erba, finendo 13° dietro a Will Power ed Ryan Hunter-Reay, con Ed Jones alle sue spalle.

Cla   # Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Pit stop Ritirato Punti
1   21 Netherlands Rinus van Kalmthout United States Ed Carpenter Racing 85 1:47'08.577     116.096 3   51
2   51 France Romain Grosjean Dale Coyne Racing with RWR 85 1:47'13.528 4.951 4.951 116.007 3   44
3   10 Spain Álex Palou United States Chip Ganassi Racing 85 1:47'23.649 15.072 10.121 115.825 3   36
4   2 United States Josef Newgarden United States Team Penske 85 1:47'27.024 18.447 3.374 115.764 3   32
5   15 United States Graham Rahal United States Rahal Letterman Lanigan Racing 85 1:47'35.558 26.981 8.534 115.611 4   30
6   22 France Simon Pagenaud United States Team Penske 85 1:47'36.447 27.870 0.889 115.595 3   28
7   27 United States Alexander Rossi United States Andretti Autosport 85 1:47'41.847 33.270 5.399 115.499 3   26
8   3 New Zealand Scott McLaughlin United States Team Penske 85 1:47'44.763 36.186 2.915 115.446 3   24
9   9 New Zealand Scott Dixon United States Chip Ganassi Racing 85 1:47'45.413 36.836 0.650 115.435 4   23
10   8 Sweden Marcus Ericsson United States Chip Ganassi Racing 85 1:47'45.774 37.197 0.360 115.428 3   20
11   12 Australia Will Power United States Team Penske 85 1:47'48.379 39.802 2.604 115.382 3   19
12   28 United States Ryan Hunter-Reay United States Andretti Autosport 85 1:47'48.966 40.389 0.587 115.371 3   19
13   26 United States Colton Herta United States Andretti Autosport 85 1:47'51.692 43.114 2.725 115.323 3   17
14   18 United Arab Emirates Ed Jones Dale Coyne Racing with Vasser Sullivan 85 1:47'52.388 43.811 0.696 115.310 3   16
15   5 Mexico Patricio O'Ward Arrow McLaren SP 85 1:47'53.122 44.544 0.733 115.297 4   15
16   30 Japan Takuma Satō United States Rahal Letterman Lanigan Racing 85 1:47'53.574 44.997 0.452 115.289 3   14
17   7 Sweden Felix Rosenqvist Arrow McLaren SP 85 1:47'53.998 45.420 0.423 115.282 3   13
18   29 Canada James Hinchcliffe Andretti Steinbrenner Autosport 85 1:48'13.776 1'05.198 19.778 114.931 3   12
19   14 France Sébastien Bourdais United States A.J. Foyt Enterprises 84 1:47'15.871 1 Lap 1 Lap 114.600 4   11
20   4 Canada Dalton Kellett United States A.J. Foyt Enterprises 84 1:47'26.560 1 Lap 10.689 114.410 3   10
21   86 Colombia Juan Pablo Montoya Arrow McLaren SP 84 1:47'28.982 1 Lap 2.421 114.367 3   9
22   11 United States Charlie Kimball United States A.J. Foyt Enterprises 84 1:47'32.786 1 Lap 3.804 114.300 3   8
23   60 United Kingdom Jack Harvey United States Michael Shank Racing 84 1:48'14.252 1 Lap 41.465 113.570 5   7
24   48 United States Jimmie Johnson United States Chip Ganassi Racing 84 1:48'18.704 1 Lap 4.451 113.492 3   6
25   20 United States Conor Daly United States Ed Carpenter Racing 50 1:29'28.324 35 Laps 34 Laps 81.780 3 Incidente 5
condivisioni
commenti
IndyCar: Grosjean conquista la pole dopo 10 anni di attesa

Articolo precedente

IndyCar: Grosjean conquista la pole dopo 10 anni di attesa

Prossimo Articolo

Grosjean: una seconda vita piena di soddisfazioni in IndyCar

Grosjean: una seconda vita piena di soddisfazioni in IndyCar
Carica commenti