Formula 1
10 ott
-
13 ott
Evento concluso
MotoGP
04 ott
-
06 ott
Evento concluso
WRC
03 ott
-
06 ott
Evento concluso
24 ott
-
27 ott
Prossimo evento tra
7 giorni
WSBK
11 ott
-
13 ott
Evento concluso
G
Losail
24 ott
-
26 ott
Prossimo evento tra
7 giorni
WEC
30 ago
-
01 set
Evento concluso
04 ott
-
06 ott
Evento concluso

IndyCar: Sato precede Carpenter in una folle gara a Gateway

condivisioni
commenti
IndyCar: Sato precede Carpenter in una folle gara a Gateway
Di:
25 ago 2019, 07:45

Il giapponese torna al successo dopo le critiche di Pocono e conquista la seconda vittoria stagionale.

Un inizio frenetico ha visto il polesitter Josef Newgarden tenere il comando davanti a Sebastien Bourdais con Will Power in terza posizione, mentre Simon Pagenaud ha perdso un po' di slancio ed è retrocesso alle spalle di Santino Ferrucci e Scott Dixon.

Appena dietro Sato si è trovato a sandwich tra James Hinchcliffe e Ryan Hunter-Reay ed ha così permesso a Felix Rosenqvist, Hinch, Alexander Rossi e RHR di completare la Top 10, mentre l'auto del Rahal Letterman Lanigan è scesa al 13° posto.

Poco dopo è stata sventolata la bandiera gialla per un testacoda di Marcus Ericsson.

La ripartenza al 5° giro ha visto Power superare all'esterno Bourdais, con quest’ultimo che ha ceduto anche il terzo posto al compagno di squadra Ferrucci. Alle spalle di Dixon, Rosenqvist è stato protagonista di una forte ripartenza per passare al settimo posto davanti a Hinchcliffe, Rossi e Hunter-Reay. Anche Tony Kanaan ha fatto un ottimo lavoro per passare dal 20esimo posto in griglia di partenza al 13°.

Al 35° giro, il vantaggio di Newgarden su Power era di 2,5 secondi con Ferrucci solo mezzo secondo dietro la #12 del team Penske e Bourdais che si stava avvicinando dopo aver aumentato il suo vantaggio su Pagenaud a 1,5 secondi. Sato ha avuto un altro momento di paura quando ha perso l'aria sporca alle spalle di Conor Daly ed è stato il primo a rientrare ai box al 45° giro. Il suo compagno di squadra Graham Rahal si è fermato il giro successivo così come le due Ed Carpenter Racing-Chevrolet di Spencer Pigot e Ed Carpenter.

Allo stesso tempo, Newgarden si stava avvicinando al traffico e veniva raggiunto da Power, ma è stato il loro compagno di squadra ad essere il primo tra i piloti di testa a rientrare ai box fermandosi al 49° giro seguito da Dixon, Newgarden e Rossi, mentre Power si è poi fermato, lasciando Ferrucci in testa.

Power è tornato in gara alle spalle di Newgarden, ma su pneumatici freddi è uscito leggermente dalla traiettoria ed entrando nella curva 3 è andato alla deriva in alto finendo a muro.

Questo ha lasciato Colton Herta, Conor Daly, Ericsson e Marco Andretti ai primi quattro posti, ma tutti dovevano ancora fermarsi. E’ stato poi Hinchcliffe a fermarsi esattamente al momento giusto proprio quando la gara è stata messa in caution. Questo gli ha consentito di passare davanti a Ferrucci, che a sua volta ha preceduto Newgarden, Bourdais e Dixon.

La ripartenza ha visto Hinchcliffe seguito da Ferrucci mentre dietro di loro, Bourdais ha superato Newgarden con Rosenqvist scivolato fino al quinto posto davanti al connazionale Ericsson.

Infine, all'84° giro, Ferrucci è riuscito finalmente a passare Hinchcliffe all'interno prima della curva 3 e ha cominciato subito a staccarsi. In due giri era in vantaggio di oltre 2 secondi, cinque giri più tardi era di oltre 4 secondi, e quando Hinchcliffe è rimasto bloccato dietro l'auto doppiata di Matheus Leist, si è allungato a più di 7 secondi.

Ericsson, che si era appena fermato, ha baciato il muro in curva 4 decretando così una nuova caution. Così alla ripartenza Ferrucci precedeva Bourdais seguito da Hinchcliffe, Newgarden, Rossi, Pagenaud, Daly, Rosenqvist, Herta e Carpenter.

La ripartenza ha visto Rossi passare Newgarden ma poi è stata sventolata di nuovo la gialla a causa di Pigot andato a muro nel tentativo di passare Kimball.

Alla ripartenza Rossi si è buttato all'interno di Hinchcliffe, mentre Newgarden che sembrava subire la pressione di Rosenqvist e Daly, in realtà è riuscito a passare Hinchcliffe per poi mettersi alle spalle di Rossi.

Al 150° giro il vantaggio di Ferrucci sul compagno di squadra Bourdais era di mezzo secondo, con Rossi, Newgarden, Hinchcliffe, Daly, Herta, Rosenqvist, Pagenaud, che correvano più o meno equidistanti alle spalle.

Rossi, Hinchcliffe, Pagenaud e Herta hanno fatto un pit stop al 174° giro; Newgarden è andato avanti per un giro in più ed è uscito davanti a Rossi. Successivamente anche Hinchcliffe lo ha passato, ma Rossi ha impiegato un solo giro per tornare davanti.  Ferrucci e Bourdais sono rientrati  ai box al 188° giro, ma Bourdais è uscito davanti a Ferrucci complice una sosta leggermente lenta. Tuttavia, Bourdais su pneumatici freddi commette un errore simile a quello di Power finendo contro il muro esterno.

Ora erano Sato, Kanaan e Carpenter i piloti in pista in attesa di un pit-stop, davanti a Newgarden, Rossi, Ferrucci, Daly e Hinchcliffe. Tuttavia, Sato, Kanaan e Carpenter avevano doppiato i loro inseguitori che avevano fatto un pit-stop in regime di bandiera verde, e così quando la corsia box è stata aperta hanno potuto fermarsi e tornare nelle prime tre posizioni davanti a Newgarden, Rossi, Ferrucci, Daly, Andretti, Hunter-Reay e Rahal. Tutti tranne Rossi si sono fermati poco prima dello sventolare della bandiera verde e questo sarebbe costato enormemente Rossi.

Quando è stata sventolata la bandiera verde Sato si difendeva facilmente da Kanaan, mentre Carpenter respingeva fermamente Newgarden, che inizialmente aveva Rossi come avversario principale. Rossi, però, ha dovuto cedere il quinto posto a Ferrucci che cercava di risparmiare carburante. Kanaan ha iniziato a impostare i suoi giri più veloci della gara, ma faticava a rimanere entro 1,5 secondi da Sato.

In testa Sato aveva solo 1 secondo di vantaggio a 20 giri dalla fine, con Kanaan che portava con sé Carpenter, Newgarden e Ferrucci. A 10 giri dalla fine, i primi cinque erano racchiusi in soli due secondi e a quattro giri dalla fine Carpenter si è buttato davanti a Kanaan alla curva 1 per conquistare il secondo posto per poi mettersi in scia a Sato senza però riuscire a superarlo per soli 0.0399.

Più indietro, Ferrucci ha passato nuovamente Newgarden, ma quando il debuttante ha perso slancio cercando di passare Kanaan, Newgarden è stato in grado di chiudere. Ferrucci è passato sui marbles per poi rischiare di travolgere la vettura del team Penske. Il quasi scontro tra di loro alla curva 4 ha visto Newgarden girarsi per poi lottare contro la sua vettura per per selezionare le marce o disattivare l’anti-stallo e finire in settima posizione alle spalle di Pagenaud e Daly.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 Japan Takuma Satō United States Rahal Letterman Lanigan Racing 248 2:15'53.4687     136.874 51
2 United States Ed Carpenter United States Ed Carpenter Racing 248 2:15'53.5086 0.0399 0.0399 136.874 40
3 Brazil Tony Kanaan United States A.J. Foyt Enterprises 248 2:15'55.7146 2.2459 2.2060 136.837 35
4 United States Santino Ferrucci United States Dale Coyne Racing 248 2:15'57.6622 4.1935 1.9476 136.804 35
5 France Simon Pagenaud United States Team Penske 248 2:15'59.7428 6.2741 2.0806 136.769 30
6 United States Conor Daly United Kingdom Carlin 248 2:16'01.4887 8.020 1.7459 136.740 29
7 United States Josef Newgarden United States Team Penske 248 2:16'07.2737 13.8050 5.7850 136.643 28
8 United States Ryan Hunter-Reay United States Andretti Autosport 248 2:16'08.4081 14.9394 1.1344 136.624 24
9 United States Colton Herta United States Harding Racing 248 2:16'10.5697 17.1010 2.1616 136.588 23
10 United States Marco Andretti United States Andretti Autosport 248 2:16'11.9344 18.4657 1.3647 136.565 21
11 Sweden Felix Rosenqvist United States Chip Ganassi Racing 248 2:16'13.3277 19.8590 1.3933 136.542 20
12 Canada James Hinchcliffe United States Schmidt Peterson Motorsports 247 2:16'05.3976 1 Lap 1 Lap 136.123 19
13 United States Alexander Rossi United States Andretti Autosport 247 2:16'07.2371 1 Lap 1.8395 136.093 17
14 United States Zach Veach United States Andretti Autosport 247 2:16'10.4358 1 Lap 3.1987 136.039 16
15 United States Charlie Kimball United Kingdom Carlin 247 2:16'14.7852 1 Lap 4.3494 135.967 15
16 Sweden Marcus Ericsson United States Schmidt Peterson Motorsports 247 2:16'16.8345 1 Lap 2.0493 135.933 15
17 Brazil Matheus Leist United States A.J. Foyt Enterprises 246 2:16'06.9555 2 Laps 1 Lap 135.546 13
18 United States Graham Rahal United States Rahal Letterman Lanigan Racing 226 2:06'57.2269 22 Laps 20 Laps 133.513 12
19 France Sébastien Bourdais United States Dale Coyne Racing 189 1:43'49.2863 59 Laps 37 Laps 136.532 12
20 New Zealand Scott Dixon United States Chip Ganassi Racing 136 1:51'00.0995 112 Laps 53 Laps 91.891 10
21 United States Spencer Pigot United States Ed Carpenter Racing 131 1:12'39.5467 117 Laps 5 Laps 135.220 9
22 Australia Will Power United States Team Penske 52 24'47.8909 196 Laps 79 Laps 157.270 9

 

Prossimo Articolo
IndyCar: Newgarden in pole a Gateway, Rossi soltanto 11°

Articolo precedente

IndyCar: Newgarden in pole a Gateway, Rossi soltanto 11°

Prossimo Articolo

IndyCar: Colton Herta centra la seconda pole stagionale a Portland

IndyCar: Colton Herta centra la seconda pole stagionale a Portland
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie IndyCar
Evento Gateway
Sotto-evento Gara
Piloti Takuma Satō
Team Rahal Letterman Lanigan Racing
Autore David Malsher