IndyCar, Road America: Newgarden beffato, vince Palou

Il pilota del team Penske ha condotto le operazioni sin dalla partenza, ma a due giri dal termine ha accusato un problema tecnico che ha spalancato le porte del successo a Palou.

IndyCar, Road America: Newgarden beffato, vince Palou

Il poleman Josef Newgarden ha effettuato un buona partenza portandosi alle sue spalle Jack Harvey, mentre Colton Herta ha subìto il sorpasso da parte di Will Power in curva 5 per poi tornare davanti al pilota del team Penske in curva 6. Power ha perso lo slancio ed è così ceduto la quarta piazza ad Alex Palou.

Alle spalle dei primi  4 seguivano Grosjean, Hunter-Reay, Rossi e Pato O’Ward bravo ad approfittare dell’errore di Pagenaud che ha fatto retrocedere il francese dalla sesta alla decima piazza davanti a Dixon.

Al sesto giro Palou ha piazzato la zampata ai danni di Herta salendo in seconda piazza per poi mettersi all’inseguimento del duo di testa. Al giro 8 Newgarden poteva vantare un margine di 3 secondi, mentre Palou iniziava a mettere pressione su Herta per poi passarlo e mettersi all’inseguimento della prima posizione.

Al decimo passaggio è toccato a Power superare Herta, che un giro dopo ha subìto la stessa sorte ad opera di Grosjean.

Power si è fermato al pit all’undicesimo passaggio per montare le “nere” così come fatto da Grosjean, Herta e Pagenaud, mentre O’Ward ha optato per le rosse. Successivamente è toccato ad Harvey effettuare la sosta per poi uscire davanti a Power, ma il pilota del team Penske ha compiuto una manovra da applausi all’esterno di curva 5 per riprendersi al posizione.

Newgarden, Palou e Dixon si sono fermati al pit tra il tredicesimo ed il quindicesimo giro. Al  fine delle soste il pilota del team Penske conduceva con 7 secondi su Palou e 9 su Power, mentre il resto degli inseguitori vedeva Harvey, Herta, Grosjean, Hunter-Reay, O’ward e Rossi.

Dopo una breve caution alla fine del giro 18 Newgarden è subito ripartito alla perfezione, mentre Grosjean ha avuto la meglio su Herta all’esterno di curva 1 per salire in quinta piazza. O’Ward, invece, non è riuscito a portare a termine il sorpasso su Hunter-Reay ed è così retrocesso alle spalle di Rossi con quest’ultimo bravo a sfruttare al meglio le gomme rosse al giro 22 per avere la meglio su Hunter-Reay.

Nello stesso momento Marcus Ericsson è stato protagonista di un testacoda che ha richiesto un’altra caution e imposto a tutti i piloti di tornare ai box. Una volta tornati in pista Newgarden ha mantenuto la prima piazza davanti a Palou e Power, mentre Rossi è risalito in quarta piazza.

Allo sventolare della bandiera verde Palou ha affiancato Newgarden in curva 1 e 3 senza però riuscire a prendere il comando, mentre chi ha stupito alla ripartenza è stato Rahal in grado di superare Dixon, Hunter-Reay, Grosjean ed O’Ward per salire in nona posizione.

Al giro 33 le bandiere gialle sono tornate a sventolare quando la vettura di Magnussen si è ammutolita all’uscita di Curva 8.

Daly, Askew e Pagenaud ne hanno approfittato per effettuare una sosta, mentre Newgarden ha ripreso a pestare sul gas quando la gara è ripresa al giro 38. Alle sue spalle Grosjean si è infilato all’interno di Rahal in curva 5 per guadagnare la sesta piazza seguiti da Dixon, Jones e O’Ward.

Dixon ha effettuato la sua sosta finale al giro 39, mentre Newgarden e Power hanno imboccato l’ingresso dei box un giro dopo e questo ha consentito a Palou di guidare momentaneamente le operazioni con un vantaggio di 2 secondi su Herta.

Effettuata la sosta Palou è tornato in pista ancora alle spalle di Newgarden, mentre Dixon è stato in grado di avere la meglio su Rossi in Curva 5.

Palou ha iniziato una lotta di nervi con Newgarden portandosi ad 8 decimi dal pilota del team Penske, mentre Herta e Power seguivano ben distanziati. Al giro 52 Jones è finito contro le barriere in curva 12 distruggendo la sospensione posteriore sinistra.

Alla ripartenza, a due giri dal termine, Palou ci ha provato ed ha potuto beneficiare della sfortuna che ha colpito Newgarden. Il motore della sua Penske ha perso potenza ed il cambio è entrato in modalità protezione facendolo retrocedere in fondo allo schieramento.

Palou ha così vinto con 1’’9 di vantaggio su Herta, mentre Power ha conquistato il terzo gradino del podio precedendo Dixon, Grosjean ed Ericsson. Newgarden, completamente devastato dalla beffa, ha concluso una gara dominata dall’inizio in una immeritata ventunesima posizione.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 Spain Álex Palou United States Chip Ganassi Racing 55 1:50'55.053     119.424 51
2 United States Colton Herta Andretti Autosport with Curb-Agajanian 55 1:50'56.964 1.910 1.910 119.390 40
3 Australia Will Power United States Team Penske 55 1:50'58.038 2.985 1.074 119.370 35
4 New Zealand Scott Dixon United States Chip Ganassi Racing 55 1:50'58.958 3.904 0.919 119.354 33
5 France Romain Grosjean Dale Coyne Racing with RWR 55 1:50'59.767 4.713 0.808 119.339 30
6 Sweden Marcus Ericsson United States Chip Ganassi Racing 55 1:51'00.234 5.180 0.467 119.331 28
7 United States Alexander Rossi United States Andretti Autosport 55 1:51'02.775 7.721 2.541 119.285 26
8 Japan Takuma Satō United States Rahal Letterman Lanigan Racing 55 1:51'02.967 7.914 0.192 119.282 25
9 Mexico Patricio O'Ward Arrow McLaren SP 55 1:51'04.077 9.024 1.109 119.262 22
10 United Kingdom Max Chilton United Kingdom Carlin 55 1:51'04.426 9.373 0.349 119.256 21
11 United States Graham Rahal United States Rahal Letterman Lanigan Racing 55 1:51'04.856 9.802 0.429 119.248 19
12 United States Oliver Askew United States Ed Carpenter Racing 55 1:51'06.355 11.301 1.499 119.221 19
13 United States Ryan Hunter-Reay United States Andretti Autosport 55 1:51'06.991 11.937 0.635 119.210 17
14 New Zealand Scott McLaughlin United States Team Penske 55 1:51'07.246 12.193 0.255 119.205 16
15 Canada James Hinchcliffe Andretti Steinbrenner Autosport 55 1:51'09.001 13.947 1.754 119.174 15
16 France Sébastien Bourdais United States A.J. Foyt Enterprises 55 1:51'09.170 14.116 0.169 119.171 14
17 United Kingdom Jack Harvey United States Michael Shank Racing 55 1:51'10.647 15.594 1.477 119.145 13
18 France Simon Pagenaud United States Team Penske 55 1:51'11.514 16.461 0.866 119.129 12
19 United States Cody Ware Dale Coyne Racing with RWR 55 1:51'12.046 16.993 0.531 119.120 11
20 United States Conor Daly United States Ed Carpenter Racing 55 1:51'12.609 17.555 0.562 119.110 10
21 United States Josef Newgarden United States Team Penske 55 1:52'25.842 1'30.789 1'13.233 117.817 13
22 United States Jimmie Johnson United States Chip Ganassi Racing 54 1:51'12.123 1 Lap 1 Lap 116.953 8
23 United Arab Emirates Ed Jones Dale Coyne Racing with Vasser Sullivan 50 1:40'46.105 5 Laps 4 Laps 119.502 7
24 Denmark Kevin Magnussen Arrow McLaren SP 33 1:06'46.641 22 Laps 17 Laps 119.018 7
25 Canada Dalton Kellett United States A.J. Foyt Enterprises 19 43'38.483 36 Laps 14 Laps 104.854 5
Jimmie Johnson, Chip Ganassi Racing Honda
Jimmie Johnson, Chip Ganassi Racing Honda
1/22

Foto di: Art Fleischmann

Jimmie Johnson, Chip Ganassi Racing Honda
Jimmie Johnson, Chip Ganassi Racing Honda
2/22

Foto di: Art Fleischmann

Jimmie Johnson, Chip Ganassi Racing Honda
Jimmie Johnson, Chip Ganassi Racing Honda
3/22

Foto di: Art Fleischmann

Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
4/22

Foto di: Art Fleischmann

Kevin Magnussen, Arrow McLaren SP Chevrolet
Kevin Magnussen, Arrow McLaren SP Chevrolet
5/22

Foto di: Art Fleischmann

Kevin Magnussen, Arrow McLaren SP Chevrolet
Kevin Magnussen, Arrow McLaren SP Chevrolet
6/22

Foto di: Art Fleischmann

Oliver Askew, Ed Carpenter Racing Chevrolet
Oliver Askew, Ed Carpenter Racing Chevrolet
7/22

Foto di: Art Fleischmann

Marcus Ericsson, Chip Ganassi Racing Honda
Marcus Ericsson, Chip Ganassi Racing Honda
8/22

Foto di: Art Fleischmann

Marcus Ericsson, Chip Ganassi Racing Honda
Marcus Ericsson, Chip Ganassi Racing Honda
9/22

Foto di: Art Fleischmann

Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
10/22

Foto di: Art Fleischmann

Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
11/22

Foto di: Art Fleischmann

Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
Josef Newgarden, Team Penske Chevrolet
12/22

Foto di: Art Fleischmann

Romain Grosjean, Dale Coyne Racing with RWR Honda
Romain Grosjean, Dale Coyne Racing with RWR Honda
13/22

Foto di: Art Fleischmann

Romain Grosjean, Dale Coyne Racing with RWR Honda
Romain Grosjean, Dale Coyne Racing with RWR Honda
14/22

Foto di: Art Fleischmann

Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
15/22

Foto di: Art Fleischmann

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet
Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet
16/22

Foto di: Art Fleischmann

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet
Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet
17/22

Foto di: Art Fleischmann

Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
18/22

Foto di: Art Fleischmann

Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
19/22

Foto di: Art Fleischmann

Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet
Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet
20/22

Foto di: Art Fleischmann

Sebastien Bourdais, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
Sebastien Bourdais, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
21/22

Foto di: Art Fleischmann

Will Power, Team Penske Chevrolet
Will Power, Team Penske Chevrolet
22/22

Foto di: Art Fleischmann

condivisioni
commenti
Rosenqvist ancora out, Magnussen debutta in IndyCar
Articolo precedente

Rosenqvist ancora out, Magnussen debutta in IndyCar

Prossimo Articolo

IndyCar: Newgarden e Penske vincono a Mid-Ohio

IndyCar: Newgarden e Penske vincono a Mid-Ohio
Carica commenti