IndyCar: Herta domina e conquista il successo a St.Pete

Il pilota del team Andretti Autosport, dopo aver conquistato la pole, ha centrato anche la quarta vittoria in carriera dominando dal primo all'ultimo giro a St. Pete. Palou resta leader della classifica.

IndyCar: Herta domina e conquista il successo a St.Pete

Per gli standard di St. Pete la partenza è stata pulita con Colton Herta che ha mantenuto la prima posizione su Jack Harvey  alla curva 1, mentre il due volte vincitore di St. Pete Josef Newgarden si è issato in terza posizione. Il suo compagno di squadra, Simon Pagenaud, è stato pizzicato nella parte posteriore destra dalla monoposto di Sebastien Bourdais, ma ha mantenuto il quarto posto.

Al settimo giro Herta aveva già un margine di 2 secondi su Harvey ed identico distacco era presente tra quest’ultimo e Newgarden partito con gomme prime così come tutti i piloti Penske.

Herta aveva smesso di allungare al 12° giro, mantenendo il suo margine su Harvey a circa 2,5 secondi, mentre la maggior parte dei piloti si rassegnava a una strategia di risparmio di carburante a due soste. Da Bourdais (5°) a O'Ward (10°) erano tutti racchiusi in soli tre secondi.

Jimmie Johnson ha accusato un forte sottosterzo che lo ha fatto andare fuori pista all'ultima curva al giro 16 e la direzione gara ha dichiarato la caution e chiuso l’ingresso ai box. Tuttavia Scott McLaughlin, Will Power, Felix Rosenqvist e Romain Grosjean erano riusciti ad entrare prima del blocco. Quando i box  sono stati aperti, ancora sotto caution al giro 20, nessuno ha preso la strada della pit lane.

Il restart è avvenuto al 22° giro ed ha visto Bourdais effettuare un bloccaggio in curva 1 ma tenersi ugualmente la quinta posizione, cosa invece non riuscita a VeeKay superato all’esterno di curva 4 da Rahal. Sato si è tuffato all'interno di James Hinchcliffe alla curva 1 e nel contatto tra le due monoposto l’anteriore destra della vettura dell’Andretti Autosport ha iniziato a sgonfiarsi.

Sato, però, non è sembrato accusare il colpo riuscendo e superare Ryan Hunter-Reay alla curva 10. In una manovra simile, Power ha cercato di superare Grosjean per la diciannovesima piazza, ma i due sono entrati in contatto e l'auto del team Coyne ha baciato il muro.

Davanti, Rossi ha approfittato delle gomme rosse di VeeKay ormai alla frutta per piazzare la zampata prima della curva 10. Dixon e poi Sato hanno successivamente avuto la meglio su VeeKay per passare in ottava e nona rispettivamente, prima che il team richiamasse ai box il pilota per il suo primo pitstop.

Al 31° giro, Newgarden ha superato Harvey per il secondo posto in curva 1, ma aveva ancora 4 secondi da recuperare su Herta che aveva fatto un grande lavoro per preservare le sue Firestone. In soli tre giri, però, il pilota del team Penske aveva ridotto il gap a 2,1 secondi. Harvey è stato successivamente passato da Pagenaud al giro 34 ed il team ha così deciso di chiamarlo ai box per la sosta.

Al giro 35, Herta e Newgarden si sono fermati per montare Firestone “nere”, mentre Pagenaud e Rossi si sono fermati al giro successivo. Tuttavia, quando Rossi è tornato in pista con gomme fredde si è trovato preda di Rahal e alla curva 4 l'auto del team RLL si è tuffata all'interno. I due si sono toccati con e l'endplate dell'ala anteriore di Rahal ha forato il pneumatico anteriore destro di Rossi. Rahal, all'esterno, è andato a sbattere contro il muro di gomme, ma ha potuto riprendere la corsa, mentre Rossi è stato costretto a tornare ai box al rallentatore per poi tornare in pista al 22° posto a due giri di distanza.

In testa, al giro 45, il divario tra i primi due era di 7 secondi, mentre con ulteriori 5 secondi di gap seguivano Pagenaud ed Harvey. Dixon e Sato si trovavano in quinta e sesta piazza davanti a Bourdais, VeeKay e Marcus Ericsson. Quest’ultimo, però, è stato protagonista prima di un sorpasso ai danni di VeeKay al giro 50 ed al giro 56 ai danni di Bourdais per salire in settima posizione al giro 56.

Nel  giro successivo il margine di Herta su Newgarden ha raggiunto la doppia cifra, ma è poi sceso di 1,5 secondi quando Herta ha incontrato il traffico.

VeeKay e Ryan Hunter-Reay hanno effettuato la sosta al giro 65, mentre alla tornata 67 è toccato a Sato, McLaughlin e Grosjean. Herta si è fermato al giro 68 per montare mescole prime, mentre Newgarden e Pagenaud – entrati nello stesso giro - hanno dovuto passare alle mescole alternative per i loro stint finali.

 

Dixon è andato un giro più lungo ed è emerso tornato in pista in quinta anche se sotto la minaccia di un Sato con gomme calde, ma il campione in carica ha tenuto a bada il vincitore della Indy 500. Palou e Power sono stati gli ultimi ad effettuare le soste programmate.

A 27 giri dalla fine Johnson è andato in testacoda uscendo dalla curva 3 e la bandiera gialla ha raggruppato il campo e alleviato qualsiasi preoccupazione inerente il consumo di carburante, soprattutto per i piloti con strategia a due soste.

Herta ha dovuto affrontare la grande pressione di Newgarde al restart avvenuto al giro 77, ma ha mantenuto il comando, mentre più indietro VeeKay ha passato McLaughlin per il nono posto e Power ha sopravanzato Palou per l'11°.

Al giro 80 è arrivata la terza caution quando Ed Jones si è scontrato con Hinchcliffe all'uscita della curva 4. Anche O'Ward è rimasto coinvolto ed è stato costretto a rientrare ai box per montare una nuova ala anteriore.

Il restart del giro 83 è stato ordinato, anche se Power ha usato i suoi rossi per andare all'interno del compagno di squadra McLaughlin alla curva 1 per afferrare il 10° posto. Due giri dopo, ha preso la nona posizione da VeeKay all'interno dell'auto ECR alla curva 10.

Newgarden ha mantenuto la pressione su Herta ed i due hanno stabilito i loro giri più veloci distanziando notevolmente Pagenaud, comunque a distanza di sicurezza da Harvey e Dixon, mentre Sato, in sesta posizione, doveva controllare negli specchietti le mosse Ericsson, Bourdais e Power.

Herta ha iniziato a guadagnare pochi decimi giro dopo giro fino ad avere un vantaggio di 1,7 secondi a 5 tornate dal termine per poi transitare sotto la bandiera a scacchi con 2,5 secondi di margine e celebrare così il quarto successo in carriera.

Newgarden ha chiuso con 3,6 secondi su Pagenaud, mentre ai piedi del podio hanno completato la gara Harvey, Dixon, Sato ed Ericsson.

Un pitstop tardivo è costato caro a Palou facendolo retrocedere in diciassettesima piazza, ma in campionato può vantare ancora un vantaggio di due punti sia su Dixon che su Power.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph Punti
1 United States Colton Herta United States Andretti Autosport 100 1:51'51.411     96.552 54
2 United States Josef Newgarden United States Team Penske 100 1:51'53.904 2.493 2.493 96.516 40
3 France Simon Pagenaud United States Team Penske 100 1:51'57.561 6.149 3.656 96.464 36
4 United Kingdom Jack Harvey United States Michael Shank Racing 100 1:51'59.494 8.083 1.933 96.436 32
5 New Zealand Scott Dixon United States Chip Ganassi Racing 100 1:52'00.361 8.949 0.866 96.423 30
6 Japan Takuma Satō United States Rahal Letterman Lanigan Racing 100 1:52'03.091 11.680 2.730 96.384 28
7 Sweden Marcus Ericsson United States Chip Ganassi Racing 100 1:52'03.350 11.939 0.259 96.381 26
8 Australia Will Power United States Team Penske 100 1:52'04.647 13.236 1.297 96.362 24
9 Netherlands Rinus van Kalmthout United States Ed Carpenter Racing 100 1:52'05.130 13.719 0.483 96.355 22
10 France Sébastien Bourdais United States A.J. Foyt Enterprises 100 1:52'07.406 15.995 2.275 96.322 20
11 New Zealand Scott McLaughlin United States Team Penske 100 1:52'09.004 17.592 1.597 96.300 19
12 Sweden Felix Rosenqvist Arrow McLaren SP 100 1:52'09.975 18.563 0.971 96.286 18
13 France Romain Grosjean Dale Coyne Racing with RWR 100 1:52'14.139 22.727 4.163 96.226 17
14 United States Ryan Hunter-Reay United States Andretti Autosport 100 1:52'15.539 24.127 1.399 96.206 16
15 United States Graham Rahal United States Rahal Letterman Lanigan Racing 100 1:52'16.204 24.792 0.665 96.197 15
16 United States Conor Daly United States Ed Carpenter Racing 100 1:52'39.571 48.160 23.367 95.864 14
17 Spain Álex Palou United States Chip Ganassi Racing 99 1:51'51.251 1 Lap 1 Lap 95.589 14
18 Canada James Hinchcliffe Andretti Steinbrenner Autosport 99 1:52'18.667 1 Lap 27.416 95.200 12
19 Mexico Patricio O'Ward Arrow McLaren SP 99 1:52'22.715 1 Lap 4.048 95.143 11
20 United Arab Emirates Ed Jones Dale Coyne Racing with Vasser Sullivan 99 1:52'38.395 1 Lap 15.679 94.922 10
21 United States Alexander Rossi United States Andretti Autosport 98 1:52'19.059 2 Laps 1 Lap 94.233 9
22 United States Jimmie Johnson United States Chip Ganassi Racing 95 1:52'43.664 5 Laps 3 Laps 91.016 8
23 Canada Dalton Kellett United States A.J. Foyt Enterprises 67 1:13'54.696 33 Laps 28 Laps 97.901 7
24 United Kingdom Max Chilton United Kingdom Carlin 18 25'26.704 82 Laps 49 Laps 76.400 6

Rinus VeeKay, Ed Carpenter Racing Chevrolet

Rinus VeeKay, Ed Carpenter Racing Chevrolet
1/22

Foto di: Richard Dole / Motorsport Images

Rinus VeeKay, Ed Carpenter Racing Chevrolet

Rinus VeeKay, Ed Carpenter Racing Chevrolet
2/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Pit stop di Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet

Pit stop di Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet
3/22

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Rinus VeeKay, Ed Carpenter Racing Chevrolet,, Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda

Rinus VeeKay, Ed Carpenter Racing Chevrolet,, Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
4/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Ryan Hunter-Reay, Andretti Autosport Honda

Ryan Hunter-Reay, Andretti Autosport Honda
5/22

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Romain Grosjean, Dale Coyne Racing con RWR Honda

Romain Grosjean, Dale Coyne Racing con RWR Honda
6/22

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet

Simon Pagenaud, Team Penske Chevrolet
7/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet
8/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda

Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
9/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet
10/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet

Scott McLaughlin, Team Penske Chevrolet
11/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Sebastien Bourdais, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet

Sebastien Bourdais, A.J. Foyt Enterprises Chevrolet
12/22

Foto di: Richard Dole / Motorsport Images

Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda

Takuma Sato, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
13/22

Foto di: Richard Dole / Motorsport Images

Will Power, Team Penske Chevrolet

Will Power, Team Penske Chevrolet
14/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Will Power, Team Penske Chevrolet

Will Power, Team Penske Chevrolet
15/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Felix Rosenqvist, Arrow McLaren SP Chevrolet

Felix Rosenqvist, Arrow McLaren SP Chevrolet
16/22

Foto di: Richard Dole / Motorsport Images

Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda, Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet

Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda, Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet
17/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda

Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
18/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Jack Harvey, Meyer Shank Racing Honda

Jack Harvey, Meyer Shank Racing Honda
19/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet

Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet
20/22

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet

Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet
21/22

Foto di: Barry Cantrell / Motorsport Images

Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet

Pato O'Ward, Arrow McLaren SP Chevrolet
22/22

Foto di: Phillip Abbott / LAT Photo USA

condivisioni
commenti
Hunter-Reay: "Grazie IndyCar, l'Aeroscreen mi ha salvato la vita"

Articolo precedente

Hunter-Reay: "Grazie IndyCar, l'Aeroscreen mi ha salvato la vita"

Prossimo Articolo

IndyCar, Texas: Dixon domina Gara 1, McLaughlin brilla

IndyCar, Texas: Dixon domina Gara 1, McLaughlin brilla
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie IndyCar
Evento St. Pete
Sotto-evento Gara
Piloti Colton Herta
Team Andretti Autosport
Autore David Lopez