Iscriviti

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia
Qualifiche
IndyCar Indy 500

Indy 500: storica Pole di Marco Andretti 33 anni dopo Mario!

Il nipote d'arte ottiene la media più alta nonostante la pressione di essere l'ultimo, con Dixon e Sato subito dietro. Applausi per il Rookie VeeKay, quarto e meglio di Hunter-Reay e Hinchcliffe. Solo nono Rossi.

 Marco Andretti, Andretti Herta with Marco & Curb-Agajanian Honda conquista la pole

Foto di: Michael L. Levitt LAT Photo USA

Marco Andretti ha centrato una storica Pole Position per la 500 Miglia di Indianapolis al termine di una Qualifica sentitissima e tiratissima sull'ovale statunitense.

I "Fast Nine" della sessioni di ieri hanno dato l'assalto in ordine inverso al primato per l'evento che si svolgerà domenica prossima e a firmare la media oraria più alta nei quattro tentativi è stato il nipote di Mario Andretti, riportando il glorioso nome di famiglia al vertice dopo 33 anni.

Al volante della monoposto motorizzata Honda messa a punto dagli uomini della Andretti Herta Autosport, Marco è stato un fulmine nonostante la pressione di essere l'ultimo a scendere in pista e quindi con tutti gli occhi puntati addosso, ottenendo un 231,068mph che lo proietta in vetta e automaticamente nella storia.

Una grande beffa per Scott Dixon (Chip Ganassi Racing), che con il suo 231,051 aveva assaporato il primato dopo essere entrato in azione per quinto e aver preceduto il 230.725 che aveva ottenuto in avvio di sessione Takuma Sato.

Il giapponese della Rahal Letterman Lanigan ha aperto le danze facendo subito capire che poteva essere l'uomo da battere, con l'ottimo Rinus VeeKay a piazzarsi alle sue spalle come migliore Rookie.

Bravissimo il ragazzo della Ed Carpenter Racing, fra l'altro l'unico dotato di motore Chevrolet, che chiude addirittura quarto in 230.704 e davanti due "mostri" come Ryan Hunter-Reay e James Hinchcliffe.

Alex Palou, altre debuttante della Indy 500, partirà settimo con la vettura messa a punto dalla Dale Coyne Racing with Team Goh, seguito da Graham Rahal (Rahal Letterman Lanigan) e da un deludente Alexander Rossi.

 Marco Andretti, Andretti Herta with Marco & Curb-Agajanian Honda conquista la pole
Il vincitore del Pole Award: Marco Andretti, Andretti Herta with Marco & Curb-Agajanian Honda and Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
Marco Andretti, Andretti Herta with Marco & Curb-Agajanian Honda
Marco Andretti, Andretti Herta with Marco & Curb-Agajanian Honda
Marco Andretti, Andretti Herta with Marco & Curb-Agajanian Honda, Bryan Herta, engineer
Marco Andretti, Andretti Herta with Marco & Curb-Agajanian Honda
James Hinchcliffe, Andretti Autosport Honda
Colton Herta, Andretti Harding Steinbrenner Autosport Honda
Colton Herta, Andretti Harding Steinbrenner Autosport Honda
Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda, leaf blower
Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
Colton Herta, Andretti Harding Steinbrenner Autosport Honda
Alexander Rossi, Andretti Autosport Honda
Zach Veach, Andretti Autosport Honda
Zach Veach, Andretti Autosport Honda
Colton Herta, Andretti Harding Steinbrenner Autosport Honda
Zach Veach, Andretti Autosport Honda
James Hinchcliffe, Andretti Autosport Honda
James Hinchcliffe, Andretti Autosport Honda
James Hinchcliffe, Andretti Autosport Honda
20

Be part of Motorsport community

Join the conversation
Articolo precedente Indy 500: poker Andretti nei Fast 9, disastro Alonso (e non solo)
Prossimo Articolo Indy 500: I vertici di Penske "entusiasti" del ritorno di Alonso

Top Comments

Non ci sono ancora commenti. Perché non ne scrivi uno?

Sign up for free

  • Get quick access to your favorite articles

  • Manage alerts on breaking news and favorite drivers

  • Make your voice heard with article commenting.

Motorsport prime

Discover premium content
Iscriviti

Edizione

Italia