Indy 500: Simon Pagenaud firma la pole della 103esima edizione

condivisioni
commenti
Indy 500: Simon Pagenaud firma la pole della 103esima edizione
Di:
19 mag 2019, 22:05

Il pilota della Penske ha firmato la sua prima pole position alla 500 Miglia, precedendo il terzetto della Ed Carpenter Racing nel dominio Chevrolet. Quinta la prima vettura motorizzata Honda, quella del rookie Herta.

Dopo la clamorosa mancata qualificazione di Fernando Alonso, l'azione in pista è continuata ad Indianapolis e la posta in palio era decisamente alta, perché i nove piloti che dovevano scendere in pista dovevano giocarsi la pole position della 103esima edizione della 500 Miglia.

Leggi anche:

Per la prima votla nella sua carriera sarà Simon Pagenaud a scattare al palo nella grande classica dell'Indiana. Il pilota della Penske ha sfoderato un run praticamente perfetto, risultando il solo capace di piazzare la bellezza di tre giri su quattro oltre le 230 miglia orarie di media.

Alla fine quindi ha chiuso con 229,992 miglia orarie, spuntandola su Ed Carpenter, che a 228,889 miglia orarie di media ha mancato di poco l'appuntamento con il poker di pole position alla Indy 500.

Se non altro è riuscito ad essere il riferimento nella battaglia interna alla squadra di famiglia, perché alle sue spalle ci sono i compagni di box Spencer Pigot (229,826 miglia orarie), che chiuderà una prima fila di monoposto tutte motorizzate Chevrolet, ed Ed Jones (229,646 miglia orarie), che invece aprirà la seconda.

Bisogna scorrere la classifica fino alla quinta posizione per trovare la prima vettura motorizzata Honda, che è quella del rookie Colton Herta, che si conferma una volta di più la grande rivelazione di questa prima parte di stagione della Indycar 2019. Il salto tra lui e Jones però è grande, perché la sua media è stata di 229,086 miglia orarie.

Deludente invece la prestazione di Will Power: il vincitore della scorsa edizione della 500 Miglia ha avuto un giro d'attacco piuttosto lento, che sembrava non poter bastare neppure per la seconda fila. Il pilota della Penske poi però si è ripreso ed è riuscito a chiudere a 228,645 miglia orarie, prestazione che gli è valsa la sesta posizione.

In terza fila ci sono due vetture motorizzate Honda, quelle del veterano Sebastien Bourdais (228,621 miglia orarie) e del vincitore dell'edizione 2017 Alexander Rossi (228,247 miglia orarie), che scatteranno rispettivamente dalla settima e dalla nona posizione. Tra di loro invece l'ottava posizione è occupata da Josef Newgarden con la terza vettura della Penske.

Bisogna ricordare che le posizioni comprese tra la decima e la 30esima invece erano state fissate nella sessione di ieri, mentre oggi sono state assegnate anche quelle tra la 31esima e la 33esima a Sage Karam, James Hinchcliffe e Kyle Kaiser.

Cla Pilota Team Giri Tempo Gap Distacco Mph
1 France Simon Pagenaud Team Penske 4 2'36.5271     230.012
2 United States Ed Carpenter Ed Carpenter Racing 4 2'36.5971 0.0700 0.0700 229.909
3 United States Spencer Pigot Ed Carpenter Racing 4 2'36.6402 0.1131 0.0431 229.846
4 United Arab Emirates Ed Jones Ed Carpenter Racing 4 2'36.7629 0.2358 0.1227 229.666
5 United States Colton Herta Harding Steinbrenner Racing 4 2'37.1465 0.6194 0.3836 229.106
6 Australia Will Power Team Penske 4 2'37.4490 0.9219 0.3025 228.665
7 France Sébastien Bourdais Dale Coyne Racing with Vasser-Sullivan 4 2'37.4659 0.9388 0.0169 228.641
8 United States Josef Newgarden Team Penske 4 2'37.6208 1.0937 0.1549 228.416
9 United States Alexander Rossi Andretti Autosport 4 2'37.7240 1.1969 0.1032 228.267
Prossimo Articolo
Clamoroso ad Indianapolis: Alonso non si è qualificato per la 500 Miglia!

Articolo precedente

Clamoroso ad Indianapolis: Alonso non si è qualificato per la 500 Miglia!

Prossimo Articolo

La McLaren non comprerà un posto sulla griglia della Indy 500 per Alonso

La McLaren non comprerà un posto sulla griglia della Indy 500 per Alonso
Carica commenti
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie