Indy 500, clamoroso: Alonso non si qualifica, deve sperare nel Bump Day!

condivisioni
commenti
Indy 500, clamoroso: Alonso non si qualifica, deve sperare nel Bump Day!
Di:
Co-autore: Matteo Nugnes
18 mag 2019, 23:28

Ci sono due nomi illustri tra quelli che domani dovranno provare a guadagnarsi un posto della 103esima 500 Miglia di Indianapolis: si tratta di Fernando Alonso e di James Hinchcliffe.

Lo spagnolo della McLaren si è ritrovato 33esimo dopo che tutti i 36 piloti presenti avevano completato i loro tentativi, mentre Hinchcliffe si ritrova addirittura in coda al gruppo, ma perché è stato vittima di un incidente piuttosto pesante alla curva 2 nel suo primo tentativo, dal quale è fortunatamente uscito illeso.

 

Il due volte campione del mondo di Formula 1 ha fatto cinque tentativi, ottenendo il suo best (227,244 miglia orarie) proprio nell'ultimo. Un prestazione che però gli è valsa solo temporaneamente uno slot sulla griglia.

I miglioramenti di JR Hildebrand, Ben Hanley, Jordan King e Graham Rahal lo hanno infatti posto al di fuori dell'elenco dei piloti qualificati, mettendolo in lizza per uno degli ultimi tre posti rimasti a disposizione.

"Non eravamo veloci, quindi siamo dove ci meritiamo di essere oggi" ha detto Alonso. "Speriamo di avere domani un'altra possibilità per prendere parte alla gara. Se ci riusciremo, ok, ma se non ce la faremo è perché non ce lo meritiamo. In ogni caso, non sono felice".

Quando gli è stato domandato cosa potrà fare nel corso della notta, Fernando ha aggiunto: "Se devo essere onesto, non molto. Penso che sia tutta la settimana che la nostra macchina non è veloce, quindi non sarà facile trasformarla in una notte. Speriamo che quello che possiamo fare basti per occupare uno dei tre posti rimasti".

Oltre ad Alonso ed Hinchcliffe, saranno Kyle Kaiser, Sager Karam, Max Chilton e Patricio O'Ward a giocarsi gli ultimi tre posti disponibili sullo schieramento di partenza.

Per quanto riguarda la caccia alla pole position, sembra essere una lotta riservata ai piloti della Ed Carpenter Racing e a quelli della Penske: il miglior tempo lo ha fatto segnare Spencer Pigot alla media di 230,083 miglia orarie, precedendo proprio il terzetto di monoposto della squadra di patron Roger con nell'ordine Will Power, Simon Pagenaud e Josef Newgarden.

Sesto e settimo tempo invece per Ed Jones e Carpenter stesso con le altre due vetture della Ed Carpenter Racing. Questo vuol dire che al termine della prima giornata di prove ci sono sei vetture motorizzate Chevrolet nelle prime sette posizioni.

La migliore di quelle spinte da un propulsore Honda è quella del rookie Colton Herta, che con il sesto tempo si conferma la grande rivelazione di questa prima fase della stagione con la vettura della Harding Steinbrenner Racing. Stupisce invece che nella Fast Nine ci sia una sola vettura della Andretti Autosport, quella di Alexander Rossi, ottavo davanti al veterano Sebastien Bourdais.

Sono diversi quindi i big che hanno già le loro posizioni delineate sulla griglia di partenza, visto che quelle comprese tra la decima e la 30esima non sono più in discussione. Il primo degli esclusi dalla Fast Nine, davvero per un soffio, è stato Marco Andretti. Due posizioni più indietro c'è invece il veterano Helio Castroneves con la quarta vettura della Penske, seguito dai due ex piloti di Formula 1 Marcus Ericsson e Takuma Sato.

Tony Kanaan si è dovuto accontentare del 16esimo posto in griglia, ma probabilmente la delusione più grande è rappresentata dalle due vetture della Chip Ganassi Racing, con Scott Dixon in 18esima piazza e Felix Rosenqvist addirittura in 29esima. Male anche Ryan Hunter-Reay, 22esimo, mentre si è già guadagnata un posto in griglia l'unica ragazza: Pippa Mann ha infatti staccato il 30esimo tempo.

QUALIFICATI PER LA FAST 9

P Nome QSPEED QL1 QL2 QL3 QL4 Motore Team
1 Spencer Pigot 230.083 230.800 230.078 229.798 229.659 Chevy Ed Carpenter Racing
2 Will Power 230.081 230.433 230.197 229.859 229.836 Chevy Team Penske
3 Simon Pagenaud 229.854 230.521 229.862 229.728 229.309 Chevy Team Penske
4 Josef Newgarden 229.749 230.130 229.734 229.779 229.357 Chevy Team Penske
5 Colton Herta 229.478 229.791 229.570 229.126 229.425 Honda Harding Steinbrenner Racing
6 Ed Jones 229.440 231.015 230.070 229.110 227.595 Chevy Ed Carpenter Racing
7 Ed Carpenter 229.349 230.028 229.529 229.072 228.772 Chevy Ed Carpenter Racing
8 Alexander Rossi 229.268 229.760 229.306 229.137 228.869 Honda Andretti Autosport
9 Sebastien Bourdais 228.800 229.726 229.760 226.777 228.962 Honda Dale Coyne Racing with Vasser-Sullivan

POSIZIONI TRA LA DECIMA E LA 30ESIMA:

10 Marco Andretti 228.756 229.626 228.920 228.429 228.055 Honda Andretti Herta Autosport with Curb-Agajanian
11 Conor Daly 228.617 229.226 228.497 228.403 228.344 Honda Andretti Autosport
12 Helio Castroneves 228.523 229.543 228.557 228.079 227.918 Chevy Team Penske
13 Marcus Ericsson 228.511 229.015 228.217 228.443 228.371 Honda Arrow Schmidt Peterson Motorsports
14 Takuma Sato 228.300 228.779 228.257 227.866 228.299 Honda Rahal Letterman Lanigan Racing
15 James Davison 228.273 229.247 228.102 227.885 227.865 Honda Dale Coyne with Byrd and Belardi
16 Tony Kanaan 228.120 228.630 228.200 227.881 227.771 Chevy AJ Foyt Enterprises
17 Graham Rahal 228.104 228.565 228.333 228.254 227.270 Honda Rahal Letterman Lanigan Racing
18 Scott Dixon 228.100 228.656 228.155 228.077 227.514 Honda Chip Ganassi Racing Teams
19 Oriol Servia 227.991 228.563 228.359 227.821 227.226 Honda Arrow Schmidt Peterson Motorsports
20 Charlie Kimball 227.915 228.305 227.910 227.951 227.496 Chevy Carlin
21 JR Hildebrand 227.908 228.786 228.210 227.594 227.050 Chevy Dreyer and Reinbold Racing
22 Ryan Hunter-Reay 227.877 228.656 228.080 227.431 227.347 Honda Andretti Autosport
23 Santino Ferrucci 227.731 228.293 228.083 227.404 227.147 Honda Dale Coyne Racing
24 Matheus Leist 227.717 228.091 227.785 227.467 227.525 Chevy AJ Foyt Enterprises
25 Jack Harvey 227.695 228.566 227.929 227.618 226.675 Honda Meyer Shank Racing with Arrow SPM
26 Jordan King 227.502 227.789 227.702 227.444 227.075 Honda Rahal Letterman Lanigan Racing
27 Ben Hanley 227.482 227.932 227.692 227.353 226.953 Chevy DragonSpeed
28 Zach Veach 227.341 228.348 227.405 226.819 226.800 Honda Andretti Autosport
29 Felix Rosenqvist 227.297 227.743 227.525 227.187 226.735 Honda Chip Ganassi Racing Teams
30 Pippa Mann 227.244 228.369 227.380 226.484 226.751 Chevy Clauson-Marshall Racing

CONTENDENTI ALLE P31-33

#66 Fernando Alonso, McLaren Racing-Chevrolet
#59 Max Chilton, Carlin-Chevrolet
#31 Patricio O'Ward, Carlin-Chevrolet
#5T James Hinchcliffe, Arrow Schmidt Peterson Motorsports-Honda
#24 Sage Karam, Dreyer & Reinbold Racing-Chevrolet
#32 Kyle Kaiser, Juncos Racing-Chevrolet

Prossimo Articolo
Indy 500: Daly svetta nel Fast Friday, Alonso fa fatica ed è 24esimo

Articolo precedente

Indy 500: Daly svetta nel Fast Friday, Alonso fa fatica ed è 24esimo

Prossimo Articolo

Alonso sulla sua ultima opportunità: “Se non ce la faremo, vuol dire che meritiamo questo"

Alonso sulla sua ultima opportunità: “Se non ce la faremo, vuol dire che meritiamo questo"
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie IndyCar
Evento Indy 500
Location Indianapolis Motor Speedway
Autore David Malsher
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie