Honda vuole ripartire da zero con lo sviluppo del motore Indycar 2020  

condivisioni
commenti
Honda vuole ripartire da zero con lo sviluppo del motore Indycar 2020  
Di: Tom Errington
Tradotto da: Matteo Nugnes
28 mar 2018, 09:22

La Honda ha detto che i motori per le stagioni 2020 e 2021 avranno un layout simile a quello attuale, ma che c'è la possibilità di modificare le linee di sviluppo.

Honda Racing HPD signage
Winner Takuma Sato, Andretti Autosport Honda with Art St Cyr of HPD
The car of Ed Jones, Chip Ganassi Racing Honda
Sébastien Bourdais, Dale Coyne Racing con Vasser-Sullivan Honda, Art StCyr
Ryan Hunter-Reay, Andretti Autosport Honda, Marco Andretti, Herta - Andretti Autosport Honda
Art StCyr, Presidente Honda Performance Development
Ryan Hunter-Reay, Andretti Autosport Honda, crew
Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda

La Indycar attualmente utilizza i motori V6 turbo da 2,2 litri e lo fa dal 2012, ma ora la serie sta esplorando la possibilità di incrementare la potenza dei suoi propulsori rispetto a quelli che montano le monoposto attualmente.

La Honda si è già schierata contro la possibilità di un passaggio ai motori ibridi, anche se spera che si possa riaprire una fase di sviluppo dopo un certo periodo di ristagnazione.

Art St. Cyr, responsabile di Honda Performance Devolopments, ha detto tuttavia che non si aspetta grandi cambiamenti nella progettazione del motore.

"Dipende davvero da cosa vorrà fare il campionato" ha detto. "Vogliamo macchine più veloci o macchine più lente? Stiamo lavorando con l'altro motorista per determinare cosa abbia più senso a seconda di quali saranno gli obiettivi".

"Al momento, non mi aspetto grandi cambiamenti. Non avremi dei motori 12 cilindri ibridi, con il recupero di energia. Non abbiamo intenzione di fare un passo di questo tipo. Immagino che il pacchetto sarà simile".

St. Cyr ha sottolineato poi che la mancanza di sviluppo attuale è dovuta al fatto che la Indycar sta cercando di tirare fuori il massimo dal pacchetto attuale e che la Honda è desiderosa di avere un'altra opportunità per sviluppare un programma da zero.

"Ovviamente, vorremmo fare abbastanza cambiamenti da richiedere una sorta di reset in quello che stiamo facendo" ha detto.

"Questo è il settimo anno con questo motore. Quando ti viene in mente un nuovo motore, hai la possibilità di fare qualche sviluppo. Con il passare degli anni poi hai sempre meno opportunità per farlo".

"Quando abbiamo iniziato a sviluppare questo motore, eravamo fornitori unici. Quandi cercare il massimo della potenza non faceva parte della nostra mentalità. Ora che la stiamo aumentando di anno in anno, siamo arrivati davvero al limite a livello di affidabilità".

"Ora siamo in un regime di competizione, quindi vogliamo avere la possibilità di ripensare a come sviluppare il nostro motore fin dall'inizio. Ma come ci dobbiamo preparare per questa nuova era di incremento della potenza?".

"Per quanto riguarda le specifiche, queste cose devono ancora essere risolte. Da un punto di vista filosofico, è un punto di partenza diverso per noi e per ogni motorista che vorrà unirsi a quest'era futura".

Prossimo articolo IndyCar
Pippa Mann torna alla 500 Miglia di Indianapolis con Dale Coyne Racing

Previous article

Pippa Mann torna alla 500 Miglia di Indianapolis con Dale Coyne Racing

Prossimo Articolo

Ecco la livrea della vettura di Danica Patrick per la Indy 500

Ecco la livrea della vettura di Danica Patrick per la Indy 500
Carica commenti

Su questo articolo

Serie IndyCar
Autore Tom Errington
Tipo di articolo Ultime notizie