Graham Rahal conquista un successo mai messo in discussione a Detroit

condivisioni
commenti
Graham Rahal conquista un successo mai messo in discussione a Detroit
David Malsher
Di: David Malsher , US Editor
Tradotto da: Marco Di Marco
04 giu 2017, 07:12

Quinta vittoria in IndyCar per il pilota del Rahal Letterman Lanigan Racing che precede sul traguardo Scott Dixon e James Hinchcliffe regalando così alla Honda una grande tripletta. Ottavo il vincitore di Indianapolis Takuma Sato.

Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Podium: second place Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda, race winner Graham Rahal, Rahal Letterm
Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda
Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda
Alexander Rossi, Herta - Andretti Autosport Honda
Race winner Graham Rahal, Rahal Letterman Lanigan Racing Honda and team
Podium: second place Scott Dixon, Chip Ganassi Racing Honda, race winner Graham Rahal, Rahal Letterm

Dopo aver conquistato la pole position, seppur sfruttando la penalità inflitta a Castroneves, Graham Rahal ha colto sul tracciato di Detroit una grande vittoria nella prima gara del weekend precedendo Scott Dixon e James Hinchliffe che hanno così regalato alla Honda una prestigiosa tripletta.

In avvio le prime quattro posizioni sono rimaste immutate, con Rahal seguito da Castroneves, Sato e Rossi, mentre alle loro spalle James Hinchcliffe provocava la prima neutralizzazione della gara dopo essere finito in testacoda.

Al restart Andretti è riuscito a sopravanzare Hunter Reay per la undicesima posizione, mentre Kanaan è stato il primo ad effettuare il cambio gomme imitato successivamente proprio da Andretti e Hunter Reay.

Quando anche i piloti di testa hanno effettuato la sosta per il cambio gomme, tra il dodicesimo ed il ventiduesimo giro, la situazione ha visto Castroneves e Newgarden, orientati su una tattica di 3 stop, precedere Rahal, su una strategia di 2 stop, con sei secondi di vantaggio.

Una ennesima neutralizzazione si è avuta a seguito del contatto tra Kimball e Daly ed al restart, avvenuto al trentunesimo passaggio, di rilievo il sorpasso di Power su Pagenaud con il francese costretto a perdere la posizione anche nei confronti di Chilton e JR Hildebrand.

Alla tornata trentotto Castroneves è rientrato al pit lasciando così il comando delle operazioni a Rahal che ha potuto contare su un vantaggio di oltre 4 secondi su Sato con il giapponese seguito da Rossi, Hinchcliffe, Dixon ed Aleshin.

Al giro numero 43 Rahal mostrava ancora i muscoli realizzando il giro più veloce portando ad oltre otto i secondi di vantaggio su un Rossi messo sotto pressione da Hinchcliffe.

Rahal, Rossi, Aleshin e Pigot hanno effettuato la sosta conclusiva cinque tornate dopo imitati da Hinchcliffe al giro 49 mentre Dixon e Newgarden hanno effettuato il pit alla tornata numero 50.

Effettuate tutte le soste, Rahal ha ripreso il comando della gara con un vantaggio di otto secondi su Dixon seguito da Hinchcliffe, Rossi, Newgarden, Aleshin, Sato, Chilton, Castroneves e Jones.

I giri veloci effettuati nel finale da Dixon non sono serviti a ridurre il gap da Rahal che ha tagliato il traguardo in prima posizione con un vantaggio di sei secondi sul neozelandese diventando così il settimo vincitore differente in sette distinti appuntamenti della IndyCar.

Intensa è stata la lotta per la terza posizione che ha visto Hinchcliffe avere la meglio su Newgarden, mentre Rossi ha preceduto Aleshin, Sato, Castroneves, Jones e Pigot che ha così completato la top ten.

Pos.DriverTeamLapsGap
1 15 united_states  Graham Rahal  Rahal Letterman Lanigan Racing 70 -
2 9 new_zealand  Scott Dixon  Chip Ganassi Racing 70 6.1474
3 5 canada  James Hinchcliffe  Schmidt Peterson Motorsports 70 9.1688
4 2 united_states  Josef Newgarden  Team Penske 70 10.0930
5 98 united_states  Alexander Rossi  Andretti Autosport 70 25.5556
6 7 russia  Mikhail Aleshin  Schmidt Peterson Motorsports 70 31.3644
7 3 brazil  Helio Castroneves  Team Penske 70 33.1052
8 26 japan  Takuma Sato  Andretti Autosport 70 47.4696
9 19 united_arab_emirates  Ed Jones  Dale Coyne Racing 70 53.6531
10 20 united_states  Spencer Pigot  Ed Carpenter Racing 70 54.0726
11 8 united_kingdom  Max Chilton  Chip Ganassi Racing 70 55.2547
12 27 united_states  Marco Andretti  Andretti Autosport 70 58.3402
13 28 united_states  Ryan Hunter-Reay  Andretti Autosport 70 59.1348
14 14 colombia  Carlos Munoz  A. J. Foyt Enterprises 70 1'00.7310
15 10 brazil  Tony Kanaan  Chip Ganassi Racing 70 1'01.9596
16 1 france  Simon Pagenaud  Team Penske 70 1'02.1492
17 21 united_states  J.R. Hildebrand  Ed Carpenter Racing 70 1'06.0717
18 12 australia  Will Power  Team Penske 69 1 lap
19 18 mexico  Esteban Gutierrez  Dale Coyne Racing 69 1 lap
20 16 spain  Oriol Servia  Rahal Letterman Lanigan Racing 69 1 lap
21 83 united_states  Charlie Kimball  Chip Ganassi Racing 69 1 lap
22 4 united_states  Conor Daly  A. J. Foyt Enterprises 25 45 laps
Prossimo articolo IndyCar