È morto Kevin Kalkhoven, ex proprietario della Champ Car

Kevin Kalkhoven, ex co-proprietario di Cosworth, Pi Electronics, KV Racing e della serie automobilistica Champ Car, è venuto a mancare dopo una breve malattia.

È morto Kevin Kalkhoven, ex proprietario della Champ Car
Carica lettore audio

L’account Twitter di Cosworth riporta: “Siamo incredibilmente tristi nell’apprendere che l’ex COB Kevin Kalkhoven è venuto a mancare questa mattina all’età di 77 anni, a seguito di una malattia. Cosworth porge le sue condoglianze alla famiglia e agli affetti di Kevin, e rispetta il loro desiderio di privacy in questo momento difficile”.

Kalkhoven, venture capitalist e co-fondatore di KPLJ Ventures, è entrato nel mondo delle corse nell’inverno tra il 2002 e il 2003, quando insieme a Gerry Forsythe, proprietario da molto tempo del team CART Indy car, ha fatto un’offerta a Tony George, fondatore della Indy Racing League, per formare la serie Champ Car.

La divisione tra CART e IRL era al suo apice ed entrambe le serie stavano faticando per avere dei numeri sufficienti sulla griglia. Così Kalkhoven ha anche fondato una squadra insieme all'ex manager di Jacques Villeneuve, Craig Pollock. Per salvaguardare il futuro della Champ Car, Kalkhoven e Forsythe hanno poi comprato anche la sua gara simbolo, il Gran Premio di Long Beach, acquistando Cosworth e Pi dalla Ford.

PK Racing, dopo aver faticato nella sua stagione di debutto con il pilota amatore Patrick Lemarie, è divenatta PKV Racing l'anno successivo, e con l’aggiunta del partner commerciale di Kalkhoven Dan Pettit, la 'P' di KPLJ Ventures ha sostituito quella di Pollock. La 'V' stava per Jimmy Vasser, il campione di Indy car CART del 1996 che è diventato proprietario/pilota sul finire della sua carriera.

Nel 2005, Vasser è stato affiancato da un altro ex campione, Cristiano da Matta, che a Portland ha conquistato la prima vittoria per il team. Nei due anni e mezzo successivi, la squadra avrebbe ottenuto qualche altro podio, ma durante la off-season, Kalkhoven e Tony George sono stati finalmente in grado di concordare i termini della tanto sospirata quanto necessaria fusione delle due serie statunitensi a ruote scoperte. So stima che sostenere le spese delle squadre in difficoltà e gli eventi di gara, nonché investire in Long Beach e Cosworth costasse a Kalkhoven e Forsythe circa 40 milioni di dollari all'anno.

Diventando semplicemente un co-proprietario del team con Vasser, Kalkhoven ha visto Will Power vincere l'ultima gara Champ Car per KV Racing, proprio a Long Beach nel 2008. Ma ci sono volute un paio di stagioni prima che la squadra potesse riuscire ad essere costantemente in top-five nella serie IndyCar fusa. Questo è coinciso nel 2011 con l'arrivo di Tony Kanaan, campione nel 2004. Proprio Kanaan ha regalato alla squadra il suo momento più prestigioso quando ha vinto nel 2013 la Indy 500. Gli ultimi tre anni della squadra, dal 2014 al 2016, il team si è evoluto in KVSH Racing con James Sullivan entrato come investitore. Sebastien Bourdais ha conquistato altre quattro vittorie.

Nonostante la squadra sia stata poi sciolta, Kalkhoven ha continuato ad essere coinvolto nel Gran Premio di Long Beach e in Cosworth. I suoi sforzi in quest'ultima azienda gli hanno fatto guadagnare una laurea ad honorem all'Università di Northampton per gli sviluppi nella tecnologia e negli sport motoristici. Durante il suo periodo in carica della società, Kalkhoven ha anche istituito la base nordamericana di Cosworth in Michigan, e ha mantenuto una partecipazione di controllo nel Grand Prix.

Una dichiarazione dell'attuale CEO e presidente della Cosworth, Hal Reisiger, recita: “Siamo incredibilmente tristi nell’apprendere che Kevin è morto dopo il suo recente periodo di malattia. Fin dal suo coinvolgimento con Cosworth nel 2004, è stato una fonte di ispirazione fondamentale per l'azienda. La sua passione per il motorsport è ben documentata, ma era anche un visionario e un pioniere della tecnologia del futuro. È stato una forza trainante per l'evoluzione di Cosworth in un'azienda di tecnologia dei trasporti, noi onoriamo il suo contributo, che avrà senza dubbio un'eredità benefica a lungo termine. A nome di tutti in Cosworth, porgo le mie sincere condoglianze alla moglie e alla famiglia di Kevin in questo momento comprensibilmente difficile”.

Jim Michaelian, presidente e amministratore delegato della Grand Prix Association of Long Beach, ha detto: “L'intera famiglia della Grand Prix Association of Long Beach è rattristata nell’apprendere della scomparsa del nostro co-proprietario Kevin Kalkhoven. Ha fornito un forte sostegno e una leadership visionaria negli ultimi 16 anni e i suoi contributi alla nostra azienda e alla comunità delle corse mancheranno molto. Porgiamo le nostre condoglianze a sua moglie Kimm e a tutta la famiglia Kalkhoven in questi momenti difficili.  RIP, Kevin”.

Vasser Sullivan Racing ha dichiarato: “L'intera organizzazione Vasser Sullivan Racing estende le sue più sentite condoglianze e la sua vicinanza alla famiglia di Kevin Kalkhoven. Kevin era un gigante sia nel mondo della tecnologia che in quello delle corse e, cosa più importante, un grande amico. Ci mancherà moltissimo”. Jimmy Vasser stesso ha aggiunto: “Kevin Kalkhoven ha vissuto la vita al massimo. Ha mostrato come la vita doveva essere vissuta. Era un grande compagno e un caro amico. Mi mancheranno sempre il suo sorriso malizioso e le sue risate esilaranti. Riposa in pace, caro amico”.

condivisioni
commenti
IndyCar | Dallara rinnova l'accordo pluriennale come telaista
Articolo precedente

IndyCar | Dallara rinnova l'accordo pluriennale come telaista

Prossimo Articolo

Montoya torna alla Indy 500 con il team Arrow McLaren

Montoya torna alla Indy 500 con il team Arrow McLaren
Carica commenti