Dan Wheldon entra nella Hall of Fame dell'Indianapolis Motor Speedway

condivisioni
commenti
Dan Wheldon entra nella Hall of Fame dell'Indianapolis Motor Speedway
Di:
20 mar 2019, 17:41

Il due volte vincitore della Indy 500 e campione Indycar 2005 Dani Wheldon entrerà a far parte della Hall of Fame dell'Indianapolis Motor Speedway il prossimo maggio, insieme al commentatore televisivo e radiofonico Bob Jenkins.

Oltre 140 giornalisti di motorsport e piloti hanno votato tra 14 candidati e alla fine a spuntarla sono stati Wheldon e Jenkins, che saranno introdotti nella Hall of Fame giovedì 23 maggio.

Wheldon, che nella sua carriera in Indycar ha conquistato 16 vittorie, è sempre stato velocissimo sul catino dell'Indiana, fin dalla sua prima apparizione per i colori della Andretti Green. Si è qualificato quinto nella sua prima Indy 500 nel 2003, ritirandosi poi in gara.

Tuttavia, è diventato uno dei veri assi dello speedway nell'era della Dallara IR03/09, con un terzo posto l'anno successivo e la sua prima vittoria arrivata nel 2005. Stagione che Wheldon ha terminato con sei vittorie ed il titolo Indycar.

Nel 2006 è passato a difendere i colori della Chip Ganassi Racing ed è stato vicino a firmare una vittoria "back to back", se una foratura non lo avesse relegato al quarto posto dopo aver comandato per 148 dei 200 giri previsti. E anche in campionato è stato ugualmente sfortunato, perdendo il campionato a favore di Sam Hornish Jr a parità di punti (il rivale aveva quattro successi contro i suoi due).

I due anni successivi hanno visto Wheldon ottenere altre quattro vittorie, ma è stato sfortunato alla Indy 500 fino al passaggio alla Panther Racing. Sia nel 2009 che nel 2010 poi si è piazzato secondo rimontando dalle retrovie dello schieramento.

Rimasto senza un volante a tempo pieno nel 2011, il britannico ha firmato con la Bryan Herta Autosport per la Indy 500. Nonostante una squadra solamente alla seconda esperienza, Wheldon è riuscito ad approfittare del clamoroso errore di JR Hildebrand all'ultima curva, andando a conquistare il suo secondo successo alla Indy 500.

Wheldon, che aveva lavorato come collaudatore per la Dallara allo sviluppo delle nuova monoposto, aveva dunque firmato per un ritorno a tempo pieno con la Andretti Autosport, ma purtroppo non è mai riuscito a correre con la "sua" macchina. A soli 33 anni, infatti, ha perso la vita nella terribile carambola avvenuta nella gara conclusiva del 2011, al Las Vegas Motor Speedway.

Prossimo Articolo
Newgarden vince la prima di IndyCar a St.Petersburg battendo Dixon e Power

Articolo precedente

Newgarden vince la prima di IndyCar a St.Petersburg battendo Dixon e Power

Prossimo Articolo

Will Power vola ad Austin e conquista la sua prima pole stagionale

Will Power vola ad Austin e conquista la sua prima pole stagionale
Carica commenti

Riguardo questo articolo

Serie IndyCar
Piloti Dan Wheldon
Autore David Malsher
Sii il primo a ricevere le
ultime notizie